Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Venerdì, 05 Gennaio 2018 16:42

Intervista all'autore - Alberto Quagliato

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Adoro scrivere. Mi piace perdermi nella mia mente e immedesimarmi nelle scene che descrivo riempiendole di dettagli e sensazioni per renderle più chiare al lettore e fargli provare le stesse emozioni che provo io mentre scrivo. La difficoltà sta proprio nel riuscire a trasferire al lettore le proprie sensazioni ed il proprio messaggio. Un po’ quello che fa il pittore mentre dipinge il proprio quadro. E' proprio emozionante scrivere e mi permette di tirare fuori il meglio di me. Poi giorno per giorno vedi il tuo lavoro prendere forma e questo ti da una grande soddisfazione perché alla fine rileggendo trovi espresso molto del tuo essere. E' un lavoro molto creativo che mi aiuta a rilassarmi dalla mia attività di imprenditore e mi permette di regalare un po’ di positività.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Non c'è molto della mia vita reale nel libro, ma essendone lo scrittore viene fuori sicuramente la mia personalità, e trapelano le mie emozioni e i miei pensieri perché fanno parte di me. Dal libro emerge un interessante ritratto dell’Egitto e delle sue due anime contrastanti: una più moderna e corrotta che porta il segno del passaggio invasivo della civiltà occidentale, dove la sete di denaro sembra annullare millenni di storia eterna, l’altra quella fondata sui valori autentici della civiltà egizia. Dalla narrazione trapela il mio forte interesse personale per l’antica storia egiziana e cerco di trasmettere il mio sapere facendo rivivere al lettore visivamente gli ambienti rappresentati  
Venerdì, 05 Gennaio 2018 16:05

Intervista all'autore - Giovanni Guttuso

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Mi è sempre piaciuto inventare storie , a volte iniziando a scrivere un racconto se non vengo fermato continuo per ore senza fermarmi di scrivere, la fantasia e i fatti che scrivo escono da soli senza mai perdere tempo su una strofa o un rigo.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Questo libro rappresenta anche una parte di me, purtroppo questo rimane solo un sogno, vorrei tanto che nel mondo non ci sia tutta questa cattiveria che si sente ormai al giorno d'oggi, l'amicizia sincera, l'amore sincero, sono questi i miei ideali.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Questo racconto lo scritto circa otto anni fa, poi per dei fatti che sono successi lo tenuto conservato in un cassetto, questo racconto fa parte di un progetto che avevo in mente che poi come detto sopra ho mollato tutto, questo e la prima parte del racconto si tratta di una trilogia, che presto spero di poter pubblicare le altre due parti con voi.  
Venerdì, 05 Gennaio 2018 15:52

Intervista all'autore - Alessio Di Meco

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Mettendo in evidenza che "scrivere" è stata la mia ancora di salvezza, per quello che il destino mi ha riservato, ammetto di essermi, giorno dopo giorno, incarnato in questa attività che ogni volta mi procura piacere. Piacere di relazionarmi con me stesso, far vivere agli altri il mio pensiero e navigare tra i "satelliti" della fantasia che mi estrania dal reale senza condurmi definitivamente in un luogo senza ritorno.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Abbastanza, anche se non direttamente. In un paio di racconti ci sono vicissitudini dirette di amici che hanno avuto il coraggio e, per me, la lusinga, di mettermi al corrente di intimità che, spesso, rimangono nelle segrete stanze di un pudore che si rivela negativo.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Ci sono significati diversi e comuni. La partecipazione di emozioni di altri; la condivisione di elementi di riscatto; la consapevolezza che l'amore senza rispetto è un fuoco fatuo.
Venerdì, 05 Gennaio 2018 11:18

Intervista all'autore - Daniel Righetti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è un modo per sfogare le mie emozioni, buttare su carta ciò che mi pesa del meccanismo che hanno creato nella società moderna e raccontare gli errori che a volte possono capitare ma che nessuno segue perché ritenuti di poca importanza.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Della mia vita poco, o quasi niente, il libro è un insieme di racconti di persone, della loro vita o di quella di un loro caro venuto a mancare che la società ha ignorato. Cosi facendo è nato il protagonista.
Venerdì, 05 Gennaio 2018 11:15

Intervista all'autore - Giuseppe Tofalo

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è una passione e anche un passatempo.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Siccome è un romanzo fantasy c'è poco della mia vita reale in questo libro, tranne un episodio che mi accadde durante la seconda guerra mondiale quando io mi trovavo in Sardegna.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Scrivendo questo libro penso di aver manifestato il desiderio di poter vivere in un mondo più equo.
Venerdì, 05 Gennaio 2018 10:58

Intervista all'autore - Errico Romano

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono originario di Ottaviano e ho dedicato la mia vita a esercitare l'attività tramandatami dalla mia famiglia dedicata al commercio del grano e della lavorazione della farina. Ho sempre avuto una passione per i libri e da pensionato ho deciso di scriverne uno.   2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Il momento in cui mi dedico maggiormente alla scrittura è il pomeriggio.   3. Il suo autore contemporaneo preferito? Un autore che trovo particolarmente interessante è Dan Brown.
Giovedì, 04 Gennaio 2018 16:18

Intervista all'autore - Fernando Savorana

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Nato nella città di Macchiavelli, cresciuto nella città di Manzoni ove mi laurei in economia e commercio.   2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Tom Sawyer.   3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook? tutto il bene possibile perché significa sgravare il lettore da quello che può essere un "peso notevole" e fastidioso da portarsi dietro.
Giovedì, 04 Gennaio 2018 12:17

Intervista all'autore - Ignis Master

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? In questo caso è stato più uno sfogo, che la creazione di un opera omnia, e fin dal primo momento che parola dopo parola il componimento prendeva vita, emozioni e passioni sopite mi ritornavano in mente. La trama vuoi per un motivo o per l’altro, non segue un filo logico ma un insieme di emozioni che mi hanno permesso in questi anni di andare avanti. Effimeri successi e sconfitte che rileggendo il testo ancora oggi mi provocano momenti di dolore e commozione tanto da farmi sentire ancora vivo.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? A volte capita che sia la forza della disperazione a darci la forza per andare avanti, o la conquista di un successo, tutto e reale o frutto di un modesto periodo fortunato, come a volte è soltanto il destino che comunque ci domina e controlla…   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Un momento di confessione, la ricerca del io in me stesso, la riscoperta di sensazioni e sentimenti.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è tradurre in parole, dedicate a chi le leggerà, pensieri, emozioni e sentimenti, auspicando portino e lascino loro qualcosa di buono: sorrisi, tenerezza, ilarità, riflessioni eccetera, a seconda dell'argomento trattato.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? La piccola, vecchia casetta al limitare di un bosco dove abitavo quando ho scritto le favole raccolte nel libro: in quel posto c'era, infatti, un'atmosfera appunto fiabesca.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Mettere a disposizione di chi lo leggerà quanto da me provato scrivendolo.  
Giovedì, 04 Gennaio 2018 11:44

Intervista all'autore - Gianni Monticelli

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è il mettere sulla carta delle emozioni già provate, quindi è un rivivere la stessa emozione con il desiderio o la presunzione di far rivivere la stessa emozione a chi mi leggerà. Alcuni sentimenti sono mutuati da emozioni di altri da me assimilate come fossi carta assorbente ed in questo caso mi sento tramite ad altri delle mie esperienze   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Laconicamente... tutto. In realtà essendo in gran parte una raccolta di poesie c'è un pizzico di fantasia mescolata con cruda realtà. Nei racconti invece le due cose sono ben distinte. Nel "zibaldinuccio" c'è follia.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Dato che è una raccolta di scritti stesi durante la mia vita il significato è quello di lasciare una memoria: a pochi od a tanti fa lo stesso!  

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)