Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Venerdì, 24 Aprile 2020 19:54

Intervista all'autore - Silvano Costantini

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato a Genova, nel quartiere del Molo, in pieno centro a due passi dal porto. Poi ci siamo trasferiti in periferia. Quando siamo arrivati lì, un nuovo quartiere costruito per i marittimi della Compagnia dove lavorava mio padre, vi era solo campagna tutto intorno, con parecchi alberi di ciliege e mandorli. Dopo pochi anni il cemento aveva fatto sparire tutto.  
Venerdì, 24 Aprile 2020 19:44

Intervista all'autore - Marcello Sgarbi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Ferrara, ma nonostante le mie radici siano là, da quando avevo solo un anno ho trascorso la mia vita tra Saronno, Como e Appiano Gentile, dove oggi vivo con la mia famiglia. In realtà non ho mai deciso di diventare scrittore. Semplicemente scrivo, di tutto. Da sempre, fin da quando ero piccolo. In genere, a questo tipo di domande rispondo come risponderebbero Sciascia (che affermava: "Mi dico scrittore solo perché scrivo") o Flaiano (che diceva: "Non ho una vocazione narrativa. Scrivo, che è diverso").  
Venerdì, 24 Aprile 2020 19:26

Intervista all'autore - Veronica Caracausi

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta? Sono una donna di 50 anni che a tredici anni ha contratto una malattia rara degenerativa e questo evento traumatico mi ha trasformata interiormente. Una donna sensibile, stanca e che vorrebbe cambiare il mondo disumano proteso verso l'avidità. Cado 1000 volte al giorno ma mi rialzo 100 volte. Mi sono costruita un'armatura a mio dire invincibile ma gli innumerevoli colpi inflitti dalla vita l'hanno indebolita molto.  
Venerdì, 24 Aprile 2020 19:14

Intervista all'autore - Giuliano Gattoni

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato a Lecco, 78 anni fa da famiglia di operai, durante la scuola mi piaceva molto disegnare e crescendo ho affinato la tecnica. Per 33 anni ho vissuto a Lecco, lavoravo in un'azienda metal mecchanica e prima di sposarmi mi feci trasferire a Milano presso la sede della società. Solo dopo essermi sposato mi sono trasferito a Milano, dove svolgevo l'attività di impiegato. Dopo 40 anni di lavoro la meritata pensione, e quando anche la moglie è andata in pensione ci siamo trasferiti in provincia di Brescia dove ci godiamo la vita.
Venerdì, 24 Aprile 2020 13:34

Intervista all'autore - Anna Maria Bonamore

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nata in una zona centrale di Roma dove tuttora vivo. I miei genitori erano giunti dalla vicina provincia nella Capitale perché mio padre, che apparteneva all'Arma dei Carabinieri, era stato qui trasferito. Attratta dal mondo della letteratura sin da bambina, ho scelto di frequentare il liceo classico e poi l'Università, laureandomi in Lettere Classiche con il massimo dei voti. Da lì è iniziata la mia professione di Insegnante, che ho sempre svolto con responsabilità e amore. Già dall'adolescenza ho cominciato a comporre poesie che ho tenuto per molto tempo nel cassetto. Solo anni dopo, con maggiore maturità e consapevolezza, ho pubblicato i miei scritti, confluiti in quattro volumi di poesie: "La favola infranta", "Perla di fiume", "Attimi di poesia", "Dietro il velo".
Giovedì, 23 Aprile 2020 19:39

Intervista all'autore - Raimondo Cacciarru

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? La mia età di ultrasettantenne, mi dà modo di raccontarmi scrittore già dall’età di quindici anni. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?Il momento della giornata è vario in dipendenza dell’oggetto della scrittura. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Gli autori che preferisco sono gli autori di saggi.
Giovedì, 23 Aprile 2020 19:22

Intervista all'autore - Giovanna Mannino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? L'arte dello scrivere non è sempre, non avviene a comando, ma quando arriva quel momento non puoi non udire quella voce che guida il tuo pensiero ed allora un flusso di emozioni investe la tua coscienza ed immediatamente hai la necessità di tradurre tutto in parole. Sono barlumi, scintille di pensieri che rotolano nella mente e non puoi rimandare, quello è il momento giusto perché dopo ce ne sarà un altro che non è lo stesso. È una gioia leggere un pensiero, una emozione che era appena solo un bagliore, poterlo rivivere nella sua interezza tra le righe ben compattato. La scrittura è anche un mezzo per mettere ordine alle stanze della mente, spesso regna il caos per vari motivi. Non resettando dolori e sconfitte accumulate durante il percorso di vita le lasciamo fuori dai cassetti senza rassettare, lo scrivere mette ordine alle cose.
Giovedì, 23 Aprile 2020 19:01

Intervista all'autore - Serena Benedetti

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono un'inquieta per natura, ho mille interessi e passioni ma non un vero talento. Ho iniziato a scrivere per caso... in età abbastanza matura... avevo qualcosa da dire (spero interessante) e soprattutto la voglia di condividerlo con gli altri.  
Giovedì, 23 Aprile 2020 18:42

Intervista all'autore - Vincenzo Occhipinti

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato in una città stupenda (Erice), cresciuto a Marsala, perché figlio di Papà Marsalese e Mamma Trapanese, di certo la mia infanzia non è stata per niente semplice. Nel periodo in cui sono nato mettere alla luce un bambino senza essersi sposati era un dramma sociale ed era un motivo di giudizio per la coppia, ma nonostante tutto l'amore che legava i miei genitori vinse su tutto. Cresco in una borgata per niente servita da mezzi pubblici e per andare a scuola vi era solo un modo, dato che Papà andava a lavorare il mattino alle 5:00 e tornava a casa alle 22:00 quindi l'unico modo era andare a piedi, mano nella mano con Mamma che per paura del giudizio rinunciò alla patente dì guida cercando di proteggermi dall'ignoranza sociale che viveva quel luogo in quel periodo.  
Giovedì, 23 Aprile 2020 12:46

Intervista all'autore - Maria Vasta

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è intraprendere un viaggio, non si sa mai quando questo possa terminare perché la vita è imprevedibile. È introspezione. È cura, a volte fa paura. È dimenticare.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? In questo libro gli incontri sono reali, sono stati la scintilla che hanno dato vita allo studio. Vorrei sottolineare che il primo incontro è stato informale e del tutto casuale. Il primo incontro è stato con Carlos, conosciuto tramite amici di amici, un pomeriggio di sole ai giardini Margherita di Bologna durante il mio periodo universitario.  

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)