Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Sabato, 26 Agosto 2017 10:56

Intervista all'autore - Andrea Pasquale

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato a Campobasso, capoluogo del Molise, terra che ultimamente ha sollevato parecchi dubbi circa la sua stessa esistenza. Fidatevi, il Molise esiste e lotta insieme a noi! Sono ivi cresciuto, ma, avendo in famiglia una consistente parte di sangue cesenate, ho anche bazzicato la Romagna a più riprese. Dopo gli studi classici, ho studiato Relazioni Internazionali dapprima a Forlì e poi a Roma, per poi incappare in dieci mesi di Erasmus in Spagna che mi hanno cambiato la vita e che hanno fatto sì che andassi in giro per il mondo a scrivere le più belle pagine della mia vita. Dopo aver studiato e lavorato in Spagna, Francia, Uruguay e Argentina, Scozia, Belgio e Giappone, sono finito in Cina dove tuttora vivo e lavoro come insegnante di italiano, spagnolo e inglese.
Mercoledì, 23 Agosto 2017 14:43

Intervista all'autore - Sara Olmetto

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Sara e vivo in un piccolo paese della Sardegna, nata nella regione del Piemonte, all'età di un anno mi trasferii in questa meravigliosa isola Italiana. Sin da piccola la lettura e la scrittura suscitavano in me grande interesse e curiosità. Ma solo all'età di tredici anni iniziai a dedicarmi alla scrittura, partendo da poesie per poi passare alla stesura di veri e propri testi che andarono a comporre dei romanzi di piccoli formati. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Mi dedico alla scrittura nel tardo pomeriggio o nella notte inoltrata, che per me rappresentano i momenti di maggiore creatività ed iniziativa. Anche se certe volte le idee migliori spuntano di prima mattina.
Mercoledì, 23 Agosto 2017 12:00

Intervista all'autore - Renato Rondinella

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? In questa tardiva opera prima mi sono immedesimato in un pensiero di Seneca, nelle sue "Lettere a Lucilio" che, anch'egli ormai nella fase senile della sua vita scriveva: "Mi sono allontanato non tanto dagli uomini quanto piuttosto dalle cose e soprattutto dai miei affari: mi occupo degli affari dei posteri. Scrivo cose che possano loro giovare. Affido agli scritti consigli salutari, come se fossero ricette di medicine utili. Ne ho sperimentata l'efficacia sulle mie molte ferite, che pur non essendo completamente guarite, tuttavia hanno cessato di estendersi". Dunque scrivere giova sensibilmente alla mia salute e mi dona equilibrio e benessere. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Tutto il testo è permeato di pensieri, riflessioni, esperienze mie personali o di altri, che mi erano apparse fino ad un attimo prima slegate in apparenza fra loro, appartenenti ad epoche e momenti diversi ma che, via via che si trasformavano in scrittura e prendevano posto nelle pagine del testo, si andavano componendo in un tutto legato, consequenziale e coerente, che ha stupito per primo l'Autore. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Il libro ha rappresentato per me una sorta di autoanalisi a partire dalla prima infanzia e dai suoi indelebili miti e l'incontro successivo, a partire dall'età scolare e l'adolescenza fino alla maturità, con quelli che Puskin chiamava "I miei amici". Ossia i libri che mi hanno più influenzato o colpito, le letture fatte, le Persone reali o letterarie che hanno segnato una vita. Ciò a prescindere dal fatto di averne avuto conoscenza diretta o attraverso il loro pensiero. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? La scelta del titolo è stata consequenziale, quasi obbligata, man mano che ragionamenti, pensieri, ricordi, prendevano forma e corpo sulla tastiera. Speranza come "Ultima Divinità" per un'umanità in grave difficoltà che pare aver perso il senso dei suoi limiti intrinseci e strutturali e quello dell'Infinito. La Stella, simbolo alchemico della Luce Trascendente e della Speranza, torni ad illuminare il cammino delle generazioni future. 5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché? Domanda assai difficile, quasi impossibile rispondervi. Molti i libri e gli Autori che ho letto e che sono presenti nel testo, cui si rimanda il Lettore. Ma il rammarico maggiore è dato dalla consapevolezza dell'impossibilità di terminare tutti gli altri innumerevoli testi che sono sul mio comodino. 6. E-book o cartaceo? Confesso candidamente di avere profondamente odiato il mondo del computer e internet. Tale avversione traspare , motivata, in tutto il testo. Ciononostante, esprimo una grande fiducia nel mezzo virtuale se e quando esso saprà trasformarsi da strumento coatto e influenzato da occulte consorterie di potere non solo mediatico, in strumento di crescita e diffusione di cultura e controcultura. Cioè di pensiero autonomo. 7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore? Altra domanda impossibile. In realtà non ho mai pensato di intraprendere anche questa carriera oltre a quelle già espletate. Ambizione è stata piuttosto quella di scrivere, da nonno, ai nipotini, a tutti i bambini del futuro, la mia piccola storia. 8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo? Credo che i pensieri che costituiscono il testo , un bel giorno mi siano scoppiati dentro, nel petto e ho dovuto incominciare a ordinarli e trasformarli in scrittura, di getto, come quando ti imbatti in uno di quei libri che non riesci più ad abbandonare fino a quando non lo hai terminato. 9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro? Come ho scritto nel testo faccio parte di quella generazione che da giovani venivano descritti come schivi o ribelli, ma che, in fondo non disdegnavano di leggersi, l' indomani di un evento che li toccava, sui giornali. "Vanitas Vanitatum" o esorcizzazione della morte? Anelito all'immortalità o umano desiderio d'Infinito? 10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro? Mio figlio Italo, benché io sia ancora in attesa di un suo qualunque ragionato parere. 11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro? Esprimo, come già detto, anche per questa nuova frontiera, "Fiduciosa speranza".      
Mercoledì, 23 Agosto 2017 11:07

Intervista all'autore - Gianmarco Andreuccetti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è un lavoro come un altro e come tutti i lavori vi traggo soddisfazione nel vederlo compiuto, in genere scrivendo sono quasi sempre riuscito a vedere l'opera finita. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Mi riconosco moltissimo nel protagonista del romanzo, lo potrei definire un mio alter ego, una specie di Bignami della mia esistenza, il protagonista del libro però non sono io nella realtà, dove ho fatto moltissimi altri lavori e soprattutto ho perso un sacco di tempo. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Ho iniziato a lavorare a questa idea di romanzo nell'estate del 2011, avevo 38 anni e mi sentivo davvero poco bene, troppo depresso, l'ho abbandonato più volte per poi riprenderlo e finalmente finirlo, giungere alla fine è stato liberatorio, anche perché non avrebbe potuto avere altri finali.
Mercoledì, 23 Agosto 2017 10:53

Intervista all'autore - Lucia D'Addato

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere significa incollare la propria anima su carta. Significa voler dire un qualcosa che si spera venga compresa o, andando più nel dettaglio personale, significa strappare un sorriso. Sono sempre stata una persona auto-ironica, nel senso che ho sempre riso di me stessa per elogiarne pregi e difetti. Non che me l'abbia insegnato qualcuno, è sempre stata una mia caratteristica e sinceramente questa cosa mi rende molto fiera di me stessa. Scrivere per me è l'equivalente di dare gli occhiali ad un'altra persona, nel senso che lo invito a vedere le cose come le vedo io. Provo la stessa emozione di quando disegno e onestamente mi rende più che felice. Infine paragono il mio scrivere ad una trasfusione. Sì, so che a prima vista sembra un paragone strano, ma vi assicuro che è la stessa cosa. Voglio che ciò che scrivo entri nell'altro, si propaghi in tutto il suo essere fino a diventare parte del tutto. A mio avviso è un concetto che sfiora anche il romanticismo.
Martedì, 22 Agosto 2017 16:45

Intervista all'autore - Enerina Iacopini

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nata e vissuta a Fermo, una cittadina delle Marche. Non ho deciso io di diventare scrittore, lo sono sempre stata, fin dai tempi della scuola quando i miei temi erano presi ad esempio per l'originalità oltre che per correttezza. Scrivere è una necessità, come mangiare o dormire. Essere letti invece non lo è, anzi, provo una certa vergogna nel mostrarmi, come se essere letti fosse come mostrarsi senza vestiti: non lo si fa certo con chiunque. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Quando ero giovane studente scrivevo di notte, spesso con una pila accesa sotto le lenzuola per non essere vista dai miei, poi sempre di notte, dopo aver sistemato lavoro e famiglia; ora che ho la mia bella età, scrivo di giorno, quando posso, e comunque molto meno spesso di quanto vorrei, vuoi per stanchezza, vuoi per impegni familiari.
Martedì, 22 Agosto 2017 16:07

Intervista all'autore - Beatrice Puddu

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Beatrice e vengo da Nuoro e la mia vita è sempre stata particolarmente altalenante piena di tanti avvenimenti brutti e belli, ho dovuto affrontare tanti ostacoli nel mio percorso e penso che la poesia mi abbia aiutato moltissimo ad avere una rivincita importante per me, mostrando chi sono per davvero senza maschere che di solito la società impone. Grazie alla poesia mi sono riuscita a far valere e stato tutto un colpo di fulmine a ciel sereno essa mi aiuta a sfogarmi e a sentirmi libera, diventare scrittrice è stato uno dei miei sogni nel cassetto e secondo me o lo siamo o non lo siamo, non si decide di diventare scrittore è tutta una questione di destino. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? La notte la notte è il momento in cui la mente libera le verità più nascoste del nostro animo e del nostro cuore diventando così devi versi meravigliosi che poi scriviamo per non dimenticarceli penso che la notte sia il momento migliore per scrivere soprattutto all’aria aperta davanti alla luna. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Alda Merini di sicuro, in quanto penso che mi rispecchia moltissimo. Abbiamo la stessa filosofia di vita, sento che io e lei abbiamo tanto in comune è come un esempio per me per ogni cosa che scrivo mi sento sempre più vicina a lei. 4. Perché è nata la sua opera? Per una rivalsa personale un riscatto e far conoscere a tutti il mio messaggio di vita che spero le persone possano apprezzare e accettare e comprendere nei migliore dei modi. 5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto? Tutto. Ha influito tantissimo il mio passato, ha influenzato la persona che sono adesso e con me, ovviamente, anche ciò che scrivo ma è grazie a ciò che vi posso parlare con anima e cuore. 6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà? Scrivere è sia un modo per evadere la realtà ma anche per raccontarla in quanto evadere per me significa far meravigliare e sorprendere il lettore mentre raccontare e far comprendere il messaggio nascosto dietro il verso. 7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto? Di tutto e di più ma questo è anche un lavoro che il lettore dovrà svolgere per capire il contenuto perché dovrà captare segnali in questo contenuto misterioso enigmatico per arrivare al cuore e anima di questo libro. 8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera? Sì di sicuro il mio fidanzato ha avuto un ruolo importante, senza di lui e i suoi incoraggiamenti la stesura dell’opera non sarebbe andata in porto poiché' lui ha creduto e tutt'ora crede nella mia opera e nel mio potenziale, aiutandomi e incoraggiandomi fino a arrivare a parlarvi come sto facendo ora. È stato molto bello per me avere questa opportunità e tutto l'incoraggiamento possibile, fino alla pubblicazione dell'opera. 9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo? Al mio fidanzato è stato il primo che ha letto l'opera e ha espresso un suo parere obiettivo facendomi notare che ho delle potenzialità a riguardo notevoli. 10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book? L' e-book secondo me è una forma veloce di lettura ma difficilmente potrà cancellare l'odore e la forma, il peso della carta stampata. 11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro? Che possa agevolare quei lettori che purtroppo per tempo lavoro o indisposizione non possono trovare il tempo per leggerlo.    
Martedì, 22 Agosto 2017 11:51

Intervista all'autore - Erika Merisio

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è stata una vera e propria liberazione. Potrei definirla una cura. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Tanto, tutto. Spesso si dice "scrivi di quello che conosci". Senza volerlo ho parlato del mio mondo. Le favole sono uscite a getto una dietro l'altra, come un flusso continuo. Quando ho finito di scrivere, ho riletto le fiabe e mi sono resa conto che avevo messo me stessa e le persone che fanno parte della mia vita all'interno dei racconti. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Per me è stata una sfida con me stessa. Ho scritto la prima favola per un corso di scrittura creativa che frequentavo all'Università. Dopo aver concluso la prima storia ho iniziato a prenderci gusto e così sono nate anche le altre. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? La scelta del titolo mi ha letteralmente paralizzata per diversi mesi; non trovavo mai un titolo che potesse rappresentare quello che significa per me questa raccolta. Poi un giorno ero con un mio amico a Zurigo e lui semplicemente mi ha detto "Sooner or Later". Ho avuto una illuminazione; "prima o poi" definisce in poche parole la storia che c'è dietro questa raccolta. Prima o poi se sei abbastanza coraggioso di rischiare e se sei abbastanza perseverante da lottare e lavorare sodo riuscirai a realizzare tutti i tuoi sogni. 5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché? Vorrei "La spiaggia del destino" di Anita Shreve. Questo è il libro che mi ha fatto innamorare della lettura. 6. E-book o cartaceo? Cartaceo sempre. E-book: solo quando sono in giro per il mondo e ho bisogno di una buona scorta di libri con me. 7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore? Non mi ritengo una scrittrice. Avevo qualcosa da dire e ho pensato di condividerla. 8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo? L'idea di pubblicare un libro non mi ha mai sfiorata. è semplicemente successo. 9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro? Paura che mi pietrifica. Quando rendi pubblica te stessa ti senti vulnerabile, hai paura dei giudizi e delle reazioni. Questa è una mia sfida personale: dare il giusto peso alle opinioni delle altre persone, senza lasciare che queste ci influenzino la vita. Con la pubblicazione di questo libro credo di aver fatto un primo piccolo passo. 10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro? Alessandro, una persona molto importante per me. Lui è stato il primo a leggerlo perché è sempre stato molto critico nei miei confronti e quindi sapevo che se a lui fosse piaciuto forse avevo qualche speranza. 11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro? Diciamo che di solito ascolto la musica… :)      
Martedì, 22 Agosto 2017 10:46

Intervista all'autore - Patrizia Palombi

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Io sono nata e cresciuta a Roma ed ho trascorso la mia infanzia, durante le vacanze estive, in Toscana tra Pitigliano e Orbetello, in Maremma. Senza dubbio tutti questi luoghi sono fonte d'ispirazione per i miei scritti. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Sicuramente consiglierei ad un adolescente di leggere "L'amico ritrovato" di Fred Uhlman, un libro breve ma intenso nel quale, attraverso un periodo storico tragico ed importante, l'autore magistralmente racconta con grazia ed estrema raffinatezza scenari e sentimenti che descrivono l'amicizia ed i luoghi dove i protagonisti, due ragazzi tedeschi di cui uno ebreo, esprimono giovani e beati la loro adolescenza. Questo alternarsi di emozioni, unitamente alla sciagura legata alla Seconda Guerra Mondiale, culmina nel momento in cui l'amico ebreo, dopo tanti anni, legge la lista dei caduti in guerra dove trova scritto il nome del suo amico ucciso per un attentato ad Hitler; quindi aveva ritrovato il suo amico che non si era dimenticato di lui e degli ebrei. Semplicemente meraviglioso.
Lunedì, 21 Agosto 2017 16:29

Intervista all'autore - Nicola Adiletta

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Nicola Adiletta, per gli amici Nico, sono nato a Nola, in provincia di Napoli e abito attualmente a Sarno, che si trova nella provincia di Salerno. Studio alla facoltà di Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Salerno. Quella di diventare scrittore non è stata una scelta meccanica, ma un desiderio che divenne sempre più crescente spinto anche dalla mia grande passione per le storie fantastiche. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Quando ho scritto il mio libro ero talmente preso dalla storia di mia invenzione che col passare del tempo ogni occasione era buona per continuare a scrivere. Attualmente però mi sono fermato a causa di svariati impegni tra cui anche universitari, ma a breve ho intenzione di ritagliare del tempo da dedicare a quella che è diventata una passione di cui non posso più fare a meno.

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)