Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Martedì, 16 Maggio 2017 10:44

Intervista all'autore - Giovanni Quattrini

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono un uomo di 50 anni, lavoro in azienda di servizi pubblici locali, sono laureato con massimo voti in Sociologia. Sono sposato da 29 anni con Isabella, e ho una figlia di 15 anni Elisa, viviamo in una casa in campagna sul parco del Conero in una natura meravigliosa, abbiamo anche un cane e un gatto. Non ho deciso di diventare scrittore, da sempre scrivo poesie… 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non c'è un periodo definito, tuttavia la sera e il dormiveglia la mattina sono i momenti più proficui.
Lunedì, 15 Maggio 2017 11:59

Intervista all'autore - Baronte

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Credo che avvenga la stessa cosa ogniqualvolta ci si accosti ad una qualunque forma d'arte. Creare è un atto d'amore per sé stessi e per gli altri. Affinché' sia efficace occorre eliminare tutte le maschere e quello che ne viene fuori a volte sorprende, altre volte spaventa. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Per rispondere a questa domanda bisognerebbe prima intendersi sul significato di "vita reale". Credo che scrivere in ultima analisi non sia altro che una trasposizione attraverso i simboli della vita reale. In questo senso la favola è uno strumento eccezionale.
Lunedì, 15 Maggio 2017 11:00

Intervista all'autore - Marco Manno

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato e cresciuto a Volla, paese vesuviano vicino Napoli, ma non di periferia. Un paese agricolo con le caratteristiche della piccola comunità, cioè tutti si conoscono e esiste una rete di solidarietà. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Qualunque cosa purché attragga l'interesse. Leggere non deve essere un'attività noiosa, molti ragazzi non leggono perché i libri loro consigliati non sono adatti.
1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Catania ma vivo da sempre a Caltagirone, un piccolo paesino siciliano di cui descrivo piccole parti o alcune sue tradizioni nel corso del mio libro. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Sogno di molti adolescenti è scappare di casa o viaggiare, esplorare nuovi luoghi, cosa quasi impossibile. Ma in realtà tutto è possibile, per questo non consiglio un libro ma qualsiasi libro, una via qualsiasi per iniziare a frequentare abitualmente posti irraggiungibili, lontani al mondo.
Venerdì, 12 Maggio 2017 13:03

Intervista all'autore - Vincenzo Clauser

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere rappresenta per me il modo per mantenere in vita le mie riflessioni, il mio modo di pensare, il mio modo di raccontare la realtà che mi circonda, addirittura la maniera per dare spazio alla mia fantasia (reputo molto importante il poter fantasticare qualche volta, mi fa sentire meno banale, più geniale). Scrivere lo reputo l'unica maniera che ho per poter esprimere le mie sensazioni senza condizionamento alcuno. Quando scrivo, insomma, "butto" dentro tutto me stesso, mi sento "gasato" perché so che attraverso la penna posso dare tutto quello che ho, esprimere tutto quello che sento dentro. Mi sento veramente appagato quando attraverso la scrittura riesco ad esprimere in maniera chiara quello che veramente voglio fare intendere. Scrivere mi dà una sensazione di pace, di tranquillità, di serenità. Chissà perché, ma mi fa sentire importante anche se non mi è ben chiaro "importante di che cosa". Sembra strano ma è proprio questa la sensazione principale che provo quando scrivo.
Giovedì, 11 Maggio 2017 10:49

Intervista all'autore - Paolo Rossi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? È come avere un’amica a cui confidare i propri pensieri, emozioni, preoccupazioni, gioie, sentimenti. Nel momento che butto su carta i miei scritti viene coinvolta un'emotività interna che mi fa vivere in un mondo irreale tra sogni e realtà. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? È sempre presente la vita reale e tutto ciò che accompagna il mio cammino di scrittore. Non ci si può distaccare dal mondo reale se si vuole veramente comunicare. Chi scrive, ma questo vale in qualunque forma d'Arte, deve trovare la giusta sintonia ed equilibrio in modo che il fruitore possa comprendere in pieno i percorsi che hanno portato alla realizzazione dell’opera.
Mercoledì, 10 Maggio 2017 10:10

Intervista all'autore - Elide Friscini

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è sempre stato importante per me. Ho dedicato tanto tempo delle mie serate e delle mie notti, nel corso della vita, a scrivere. Fin da piccola e poi avanti con gli anni, avevo il mio diario, nel quale scrivevo i miei pensieri, tutto ciò che dovevo fermare lì, in quelle pagine. Scrivere mi fa incontrare con me stessa, mi da un tempo ed uno spazio che non riesco a trovare nel vita frenetica di ogni giorno. Emozioni forti si sprigionano intorno a me mentre scrivo o racconto e mi viene facile poiché dettate dal cuore e dalla mente e cerco di comunicarle attraverso i miei scritti.
Martedì, 09 Maggio 2017 10:54

Intervista all'autore - Snezhana Ristich

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Da quando ho imparato a scrivere, a soli 3 anni, descrivevo ogni momento della giornata vissuta.S e capitava qualcosa di particolare, mi fermavo, prendevo il mio quaderno e descrivevo l'accaduto. A 6 anni ero già iscritta a scuola in quanto pregavo mio Padre di farmi andare già a 3 anni. Per ogni singolo evento facevo anche i disegni per renderlo più personalizzato. A 7 anni disegnavo già come sarei stata con mio marito, dovevo essere laureata in 2 università, avere 2 figli, e mio marito doveva lavorare tanto. Poi disegnavo e descrivevo per ogni mese quanto mi crescevano i capelli, e quanto dovevo crescere in altezza. Disegnavo e descrivevo le mie amiche, l'autunno con tutte le sue sfumature, l’inverno, la primavera e l’estate.
1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono un maresciallo maggiore della Guardia di Finanza in pensione per gravi motivi invalidanti. Ho trascorso trent'anni al servizio delle Istituzioni, della Giustizia e dei cittadini, cercando di dare la mia professionalità, il buon senso e la saggezza agli eventi che si presentavano nella vita professionale e non. Lo scrivere un libro mi ha distolto, nel quotidiano, dalle varie sofferenze fisiche dovute, appunto, alla mia invalidità, trascinandomi in un percorso mentale e metafisico che rasserenava la mia esistenza. Sono una persona che ama molto scrivere, avendo frequentato anche Istituti scolastici prettamente a carattere letterario, come il Liceo Classico e l’Istituto Magistrale.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è per me un gioco che mi gratifica e nello stesso tempo diverte. È ludico, specialmente quando riesco a far emergere dalle mie fantasie tocchi di leggerezza e scorrevolezza, pur rimanendo profondo. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Poco, se si eccettuano due dei sette racconti dove mi sono trovato marginalmente o meno a vivere le situazioni o ad ascoltarle. Il resto è tutto frutto della mia fantasia.

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)