Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Mercoledì, 20 Settembre 2017 15:28

Intervista all'autore - John Deer

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Padova 32 anni fa e ho deciso di diventare scrittore in maniera del tutto casuale. Ho iniziato a scrivere quasi per gioco nel maggio 2001, col primo racconto che poi avrei pubblicato solo 13 anni più tardi, "Lo scaldarisi". Siccome avevo notato che tutti quelli che leggevano quella storia rimanevano colpiti positivamente, ho deciso di non limitarmi a quell'unico racconto ma di proseguire quest'esperienza scrivendone altri. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non ho una fascia oraria precisa che occupo a scrivere. Anche perché oltre a scrivere, amo disegnare e rifornire di carburante la mia fantasia (leggere altri libri). Questo rallenta di parecchio la mia produttività in ambito letterario, ma non riesco a farmene una colpa. A me non basta scrivere: devo anche leggere e disegnare.
Mercoledì, 20 Settembre 2017 11:39

Intervista all'autore - Francesca Trovato

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? La scrittura incarna il modo più immediato, descrittivo e armonico per esprimere le mie più intime emozioni, la valutazione della realtà oggettiva e...il mio sentire rapportato ai vari contesti di vita! Direi che "scrivere " per me...è vita: il navigare a vele spiegate nel mare dell'esistenza...ed è AMORE! 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Il libro, in quanto autobiografia, racconta in sintesi, uno spezzone della mia vita... l'infanzia dai 6 ai nove anni. Ad essi sono legate, come il filo di una collana, tutti le perle apprezzate e sprecate dei giorni, mesi e anni che seguirono quella fase delicata ! Un crescendo di esperienze traumatiche legate a una fase evolutiva complicata, costruita in una famiglia in cui l'ambiente ristretto e retrogrado ha sgretola valori e sentimenti ! Un'analisi introspettiva onestà e cruda che avvalora il desiderio di rivincita e di conquista del diritto al rispetto e all'autonomia!
Mercoledì, 20 Settembre 2017 10:56

Intervista all'autore - Fiorella Truvolo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nata nella città più bella del mondo Napoli. La mia vita è iniziata in compagnia, sono una gemella. Sin da piccola ho sempre avuto la passione per la scrittura, dono che ho coltivato in modo continuativo. Prima di raggiunge i famosi 40 anni ho iniziato a studiare scrittura creativa, ho sentito l’esigenza di iniziare un cambiamento. Non sapevo come si sarebbe manifestato, ma poi ho avuto l’opportunità di conoscere qualcosa che si integrasse in me. Ho vissuto un’esperienza importante che mi ha dato la possibilità, attraverso la mia anima, di usare la scrittura per guarire. Sono al mio secondo libro. IO TU ME è un libro dove non vi sono racconti o storie, bensì è la voce del Padre che parla al lettore e lo conduce con amore e leggerezza in un cammino spirituale dove potrà comprendere la bellezza ed il significato delle anime gemelle. È un viaggio dove si incontra l’altro TE quell’amico/nemico che spesso non vogliamo conoscere, che non vogliamo accettare e sentire. Ma l’universo è sempre pronto ad aiutarci per questo ci manda incontri importanti con anime gemelle con cui faremo un percorso, senza sapere come, quando e perché. IO TU ME è una connessione con noi stessi è una strada esplorativa dove a tutti i livelli possiamo ricongiungerci con parti di noi sconosciute ma indispensabili da conoscere per il raggiungimento di una vita serena e nella luce.
Martedì, 19 Settembre 2017 16:22

Intervista all'autore - Cinzia Severino

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Abito a Lumezzane assieme a tutta la mia famiglia, sono una ragazza semplice, adoro stare con i bambini, l'idea di diventare scrittrice è stata presa quasi per gioco, un tuffo fatto all'improvviso, in un mondo in cui mi piace immergermi e sentirmi libera. Quindi, poter diventare scrittrice è uno dei miei tanti sogni nel cassetto. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Dedico, maggiormente tempo alla scrittura, verso sera. Quel momento è fatto proprio per me stessa, un momento di tranquillità.
Martedì, 19 Settembre 2017 12:17

Intervista all'autore - Domenico Ventrella

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è quel momento magico della nostra giornata nel quale dimentichiamo tutte le nostre ansie quotidiane, le paure, le difficoltà e ci rifugiamo in un mondo migliore e tutto nostro, dove diamo libero sfogo alla nostra fantasia, dove possiamo essere chiunque, dove non abbiamo bisogno di indossare maschere e dove non dobbiamo compiacere nessuno tranne noi stessi. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Quasi nulla, spesso per assecondare gli stereotipi moderni dobbiamo celare le nostre fragilità e i nostri sentimenti, mentre in questa mia opera niente è celato e niente è filtrato, le parole raccontano ciò che l' anima prova in una dolce trama di affetto ed un libero lasciarsi andare sulla scia dei ricordi del nostro passato.
Martedì, 19 Settembre 2017 10:12

Intervista all'autore - Ugo Greco

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Volendo tener fede ad un piccolo enigma contenuto nella mia opera prima. Risponderò solleticando la curiosità degli interessati. Sono nato in una piccola frazione, di un piccolo comune di una regione italiana fra le più sviluppate anche se per onore di cronaca nel libro alcune chiavi svelano al lettore il mio luogo natale. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? " Cuore" di De Amicis. Proprio per la sua inattualità, presso le nuove generazioni dei valori trasmessi dai racconti, diverrebbe un confronto interessante con il moderno pensiero " debole" che giudico uno dei motivi di rischio della società occidentale di oggi, soprattutto fra coloro che fanno del "modernismo tecnologico il loro unico credo e "Guru" ispiratore.
Lunedì, 18 Settembre 2017 13:11

Intervista all'autore - Amelia Memoli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono una semplice ragazza di un semplice paesino in provincia di Napoli, ovvero Sant'Antonio Abate. Frequento la facoltà di Scienze della comunicazione a Napoli. Scrivere mi è sempre piaciuto ma in questo periodo particolare della mia vita, è diventata un'esigenza. Scrivere mi faceva calmare e sognare. Non mi reputo già una scrittrice ma sicuramente è uno dei miei sogni. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Nell'arco della giornata, mi piace scrivere nel tardo pomeriggio o la notte. Più che l'orario preciso, preferisco scegliere il momento della giornata in cui posso stendermi sul letto e buttare giù qualche riga.
Venerdì, 08 Settembre 2017 12:50

Intervista all'autore - Gianfranco Manunza

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Avendo io ottant'anni suonati, dovrei dire che la mia vita è stata intensa. In realtà non è così, essendo io un uomo di preghiera. Difatti, una persona come me passa i suoi giorni in meditazione, contemplazione e penitenza, spessissimo chiuso in casa. Il fatto che io dipinga o scriva è soltanto un sistema per uscire dalla solita routine quotidiana. Un passatempo insomma. Prima d'essere un uomo di preghiera, ero un universitario. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non vi son momenti particolari. Dipende dall'estro che mi pervade. Ma per ciò esso può presentarsi di giorno di notte, quando mangio o quando sono in bagno. Tutti i momenti son buoni per scrivere. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Se per contemporaneo s'intende moderno, Italo Calvino, Elio Vittorini, Leonardo Sciascia etc etc."
Venerdì, 08 Settembre 2017 11:21

Intervista all'autore - Oscar Cervi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Che dire, nasco in un piccolo paese di provincia, la mia vita è stata tranquilla e vissuta in maniera semplice sempre circondato da amici. Sono nato e vivo tuttora a Pavullo nel Frignano in provincia di Modena. Cittadina di circa 18000 persone e circa sette anni fa è nata in me la passione di scrivere, da allora non ho più smesso e sono giunto con questo nuovo libro al mio settimo lavoro. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Senza dubbio il pomeriggio, ma capita a volte che se finisco presto al lavoro, anche la notte diventa un momento magico per scrivere. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Ne ho un paio, Dan Brown e Ken Follet.
Giovedì, 07 Settembre 2017 10:08

Intervista all'autore - Luisa Picciano

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere rappresenta una parte del mio essere che voglio mettere a nudo. I miei sentimenti più veri e nascosti che non riuscirei a dirle con voce, ma solo scrivendole , è un mio bisogno di dare vita a ciò che penso in quel momento, sento di dargli consistenza e di conseguenza renderlo visivo. Una grandissima emozione provo ogni volta che riesco a scrivere un mio pensiero oppure una storia. Amo molto le poesie, e quando mi sento emotivamente colma di sensazioni positive o negative, allora che dò sfogo a tutto ciò che interiormente mi tormenta o mi dà gioia. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Molto, anche se il mio romanzo è un Fantasy. La lotta, la conquista della propria libertà a costo di sacrifici e rinunce è un tema di sempre. Ogni giorno per me è una lotta, in tutti i campi, mettersi sempre in discussione, non perdere mai di vista i propri valori, non scendendo mai a compromessi. Diciamo che ho lasciato una mia impronta personale ad ognuna delle protagoniste femminili.
Pagina 6 di 108

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)