Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Martedì, 26 Settembre 2017 12:57

Intervista all'autore - Erika Oddo

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è una sorta di sfogo. Penso che quando una persona stia scrivendo qualcosa, stia nello stesso momento esponendo le sue emozioni, quindi la scrittura è frutto di un mix di sentimenti (negativi e positivi). Provo una sensazione di benessere, è come uno scaccia pensieri. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Diciamo che la mia opera è divisa fra realtà e fantasia, quindi un buon 30/40% rappresenta la mia vita.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è il modo migliore di comunicare. L'emozione più forte è sapere che scrivendo difficilmente si dirà ciò che non si pensa. Nella comunicazione verbale accade di dire qualcosa di sbagliato, proprio perché è istintiva, spesso improvvisata. Scrivendo, al contrario, si riflette e si comunica decisamente meglio. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Larga parte. Chi mi conosce è più avvantaggiato nella comprensione dei personaggi del romanzo Un milanese a Catania. Per chi non mi conosce rimangono degli interrogativi, delle curiosità.
Martedì, 26 Settembre 2017 12:21

Intervista all'autore - Antonella Rogondino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere rappresenta estrarre tutte le mie emozioni e concentrarle in un foglio bianco, rappresenta la libertà di sognare e fare divenire realtà i propri pensieri, perché i personaggi per un attimo sembrano vivere davvero fuori dalla mia immaginazione. L'emozione fulcro di tutto è l'amore, l'amore per la mia famiglia, l'amore per la mia metà, l'amore per la mia terra, l'amore per tutte le cose che ci rendono completi. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Qualcosa di reale c'è, una minima parte. Alcuni personaggi ricordano miei familiari e amici in alcuni tratti caratteriali o passioni. Ma ho abilmente miscelato il tutto. Ho dato qualcosa di mio alle due protagoniste femminili. Posso svelarvi che Mary e io abbiamo la stessa data di nascita, ma non di anno. Olga invece possiede lo stesso colore dei miei occhi.
Martedì, 26 Settembre 2017 12:01

Intervista all'autore - Maria Grazia Vai

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Innanzitutto, scrivere non è una evasione dalla realtà, al contrario è un modo per raccontarla, dipingerla con immagini alle volte nette e ben definite alle volte, invece, velandone il senso profondo. Scrivo poesie d'amore che a molti lettori appaiono come fossero rivolte all'amato o all'amante perduto; in realtà scaturiscono alla fine di un pensiero e si trasformano in versi-verso i miei genitori, di cui sono oramai orfana ma per (pur) sempre figlia. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Tutto. Virgole e punteggiature incluse. Anche quando, in apparenza, la punteggia non c'è. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Una dichiarazione d'amore all'Amore.
Martedì, 26 Settembre 2017 10:18

Intervista all'autore - Miriam Caffoni

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? È un modo per far conoscere me stessa, raccontare e far vivere emozioni alle persone, mi gratifica. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Moltissimo, è una storia realmente accaduta. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Una parte della mia vita vissuta, raccolta in un libro per tramandarla alle generazioni future. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? No semplicissima, The Ritual è quello di cui si narra.
Lunedì, 25 Settembre 2017 15:37

Intervista all'autore - Francesco Buontempo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Dal 1967/68 iniziai con le poesie. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? La sera. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Domenico Rea. 4. Perché è nata la sua opera? Sentivo di scriverla.
Lunedì, 25 Settembre 2017 15:17

Intervista all'autore - Aurelio Mazzaroppi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Nato in una famiglia modesta, in provincia di Roma, mi occupo di aggiornamenti software ed hardware su impianti automatici. Molti viaggi all'estero mi hanno fatto conoscere culture diverse e invogliato a scrivere. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Nel pomeriggio. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Tom Clancy.
Lunedì, 25 Settembre 2017 15:01

Intervista all'autore - Fabien Frigerio

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? È un momento intimo di sfogo istintivo che mi aiuta a prendere coscienza della realtà. Mi fa sentire bene, mi rilassa, mi da grinta e a volte mi fa quasi piangere. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Ogni cosa scritta fa parte della mia realtà, anche se devo ammettere che a volte ho scritto di emozioni viste in altri perché mentre le vivevano erano talmente forti da investirmi e farmene provare altre.
Lunedì, 25 Settembre 2017 14:41

Intervista all'autore - Fausto Colombo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Fausto Colombo. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? 10 ore a settimana. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Fausto Colombo. 4. Perché è nata la sua opera? Ragazzi disabili. 5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto? Niente. 6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà? Non è evasione della realtà.
Lunedì, 25 Settembre 2017 12:31

Intervista all'autore - Manuel Lo Verso

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è semplicemente divertimento: immaginare di realizzare qualcosa di impossibile, sognare su un foglio di carta con i pensieri appesi ad ogni singola parola, trasformare le idee in concetti. Scrivere è libertà. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Alcune cose, non molte, amo prevalentemente esprimere il mio pensiero su ciò che mi circonda rispetto a ciò che ho vissuto in passato o nel presente. La vita di ognuno è molto speciale e molte volte per comprendere noi stessi, dobbiamo specchiarci negli altri.
Pagina 1 di 105

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)