Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Venerdì, 01 Settembre 2017 11:44

Intervista all'autore - Sino Mokas

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? La principale emozione è costituita dal vedere la storia prendere corpo e soprattutto individuare il finale adatto. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Molti aspetti sono presenti relativi alla mia professione di medico e all'aver conosciuto persone che cominciavano ad avere i sintomi rendendosene conto. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Scrivere questa opera ha significato per me analizzare meglio le caratteristiche della malattia e poterci inserire alcune esperienze che hanno segnato la mia vita.
Giovedì, 31 Agosto 2017 12:47

Intervista all'autore - Michele Annese

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Documentare, Tramandare, dire la Verità. Scrivere è il mio lavoro: - lo è stato a scuola quando i libri non si potevano comprare; - lo è stato nel mio ruolo cinquantennale di bibliotecario, di redattore di progetti culturali e di atti amministrativi; - lo è dal 1968 come giornalista; - lo è stato dal 2001 quale Segretario Generale di due Comunità Montane. Scrivere, in ogni settore e in ogni occasione procura emozioni nuove e non sempre positive. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Sicuramente il 50%. Considerato che in questo libro sono state raccontate esperienze di gestioni politico-amministrative di 16 Comuni interprovinciali, di risorse umane avviate al lavoro con progetti di solidarietà e dell’assoluto rigore richiestomi nel ruolo di dirigente pubblico, in uno, con quello di direttore di biblioteca a “mezzo servizio”. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. - Denunciare le scelte sbagliate del legislatore a fronte di interessi inalienabili dei territori amministrati; - Testimoniare l’impegno di rappresentanti politici, democraticamente eletti dal popolo; - Solidarizzare con i “giovani” che si affacciano, ancora in uno stato di precarietà, alla pensione, dopo aver dato il meglio per guadagnare stima e professionalità. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? Pensato, scritto e mai cambiato. Con l’idea dell’opera è nato anche il titolo, considerato come il nome di una “nuova creatura” venuta alla luce. 5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché? La Divina Commedia... per comprendere meglio Peccati e Peccatori. 6. E-book o cartaceo? Cartaceo, senza dubbio! Sfogliare, sottolineare, tornare alla pagina da approfondire, è certamente un esercizio che favorisce l’apprendimento e la formazione del lettore, processi difficilmente replicabili con lo scorrere di un “freddo” cursore. 7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore? Mai! Ho scritto molti libri: genere storico, letterario, ambientalistico, turistico, biografico, con il solo scopo di non perdere “memorie” importanti del tempo vissuto; tanti i servizi giornalistici, le corrispondenze, pubblicati su quotidiani, settimanali e riviste in cinquant’anni… Mai pensato alla carriera di scrittore! Attualmente sto lavorando sulle bozze di un nuovo libro di oltre 400 pagine per documentare l’attività della Biblioteca di Crispiano. A Dio piacente è in programma lo “sfoglio” delle numerose “agende di servizio” utilizzate come giornalista, per “aggiornare” la storia politico-amministrativa di Crispiano, dagli anni ’50 in poi. 8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo? Un pranzo di commiato con i “giovani” delle due Comunità Montane, organizzato sul “confine” delle stesse, in occasione del mio collocamento a riposo. Un desiderio espresso dai commensali, che per oltre trent’anni hanno condiviso con me, ansie e preoccupazioni gestionali di Enti incompresi. Una richiesta accettata, tra un bicchiere e l’altro di buon vino della “Murgia”, pensando però di non riuscire a soddisfarla. Invece il libro, nella sua veste, bella ed elegante, ora è nelle librerie; leggerlo sarà interessante per comprendere le logiche della politica non sempre indirizzate agli interessi delle popolazioni amministrate, ma anche per "sorridere" su argomenti seri. 9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro? Grande emozione! Già l’invio della prima bozza da parte dell’Editore ha suscitato molta emozione, pur non essendo la prima esperienza. Nel proseguo del lavoro tale sentimento è cresciuto grazie alla metodologia puntuale e progressiva della Casa Editrice, alla cortesia, precisione, professionalità e suggerimenti di tutta l’equipe di Vito Pacelli, a cui rivolgo un plauso per il riscatto personale e per le capacità editoriali dimostrate. 10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro? - Mio genero Donato Basso che ha sacrificato il suo limitato tempo libero e messo a disposizione la sua alta professionalità di “architetto della rete informatica” di istituti finanziari, per contribuire all’arricchimento del libro. - Il mio amico giornalista professionista, che ha dato la disponibilità a recensire l’opera, Franco Presicci di Milano - “Premio vita da cronista”, che ha lavorato quarant’anni al “Giorno” ed in altri quotidiani nazionali;- Mia moglie Silvia, anche lei giornalista e docente di lettere, che ha reso partecipi i cinque figli, Gianpaolo, Marzia, Gabriele, Daniele e Antonella. 11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro? Pratico, economico, ma lascio questa novità tecnologica a quanti non hanno mai provato il piacere di avere nelle mani un libro cartaceo, sperando comunque che questa, incrementi almeno la lettura.      
Giovedì, 31 Agosto 2017 12:17

Intervista all'autore - Agata Bonanno

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata e cresciuta in un paese della provincia di Catania, alle pendici dell'Etna. A Catania ho vissuto un lungo periodo della mia vita, prima da pendolare per seguire il ciclo di studi, fino alla laurea in Pedagogia, poi perché ho sposato un catanese e abbiamo messo su casa a Catania vivendoci per diversi anni e dove sono cresciuti anche i nostri due figli. Adesso non abitiamo più in città, ma i luoghi di cui parlo nel romanzo sono veri. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Un libro Di Enrico Brizzi "Jack Frusciante è uscito dal gruppo" che ho letto anni addietro e di cui ho visto anche il film... bellissimo. Mi ha affascinato per il messaggio che contiene e cioè che per crescere, si deve andare allo sbaraglio, alla scoperta della vita, con i suoi successi e i suoi errori. Tuttavia consiglierei anche la lettura di opere di grandi autori classici che regalano un buon bagaglio culturale.
Mercoledì, 30 Agosto 2017 10:41

Intervista all'autore - Christian La Perna

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Christian, ho diciassette anni e vivo a Montelepre, un piccolo paesino della provincia di Palermo. Ho sempre amato scrivere, sin da piccolo, la scrittura è stata colei che mi ha aiutata a crescere, grazie a lei sono maturato e sono diventato la persona che sono oggi. Molti dicono che sono ancora giovane, che non posso capire certe cose, ma io la pensò diversamente, penso che l'ingresso nella scrittura di un giovane adolescente sia un approccio più che maturo. Iniziai a scrivere tre anni fa, per scherzo, e da lì sono nati i miei libri, le mie storie, i miei protagonisti. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Dicono che la notte porta consiglio, beh, io amo scrivere la notte. È come se mi eclissassi e ci fossi solo io, come se nessuno potesse disturbare la quiete che mi circonda. Il giorno, per quanto possa essere anch'esso di ispirazione, non lo trovo interessante come la notte.
Martedì, 29 Agosto 2017 11:56

Intervista all'autore - Vincenza Zollo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nata a Roma ma abito a Pomezia da 35 anni, non ho deciso di diventare scrittore, sono state le vicissitudini della vita ad aver deciso per me. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non c'è un momento preciso, a volte mi dedico alla lettura e non scrivo magari per un periodo, comunque di solito è la sera, quando c'è pace e riesco a concentrarmi maggiormente. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Prediligo Alda Merini.
Lunedì, 28 Agosto 2017 15:37

Intervista all'autore - Pinuccia Giovine

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Io sono stata da sempre un'accanita lettrice, i libri mi hanno accompagnato per tutta la vita e mi hanno fatto provare emozioni grandissime. Scrivere però, è tutt'altra cosa, scrivendo riesco ad estraniarmi completamente dal mondo e i personaggi del racconto prendono vita, io vedo i loro volti, le loro espressioni, li faccio parlare, agire e tutto questo è veramente bellissimo. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Nel libro "Gli abissi del male" della mia vita reale in realtà c'è molto poco, se non i luoghi di cui parlo, le vigne, le colline, il paese dove si svolge la storia, ma per quanto riguarda il resto è frutto di fantasia.
Lunedì, 28 Agosto 2017 10:18

Intervista all'autore - Pippo Carrubba

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere, è mandare messaggi ai giovani per dire che la vita, quando si vive non è un miracolo ma è una vita di lotte giornaliere, e mai fare del male al prossimo ma dare l'esempio di onestà e lealtà per conquistare la dignità di uomo. Quali emozioni provo? Quello di sapere che ogni libro è un monito d'insegnamento e questo per me è il massimo. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? È in tutto il libro dalla prima all'ultima pagina, una realtà amara piena di lotte e amarezze, quando si è proletari il padrone si prende la dignità umana e per conquistarla non è facile da realizzarla e allora lotta dura senza paura in quanto i padroni sono sempre nella parte del torto perché vogliono sempre di più come se l'uomo fosse un robot in quanto con un dito premono un bottone e la produzione sale alle stelle e noi non siamo dei robot anche se questi esistono ma hanno sempre bisogno dell'uomo e questo deve essere rispettato e retribuito come dice la Costituzione nell'articolo 36 "il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se e alla famiglia una esistenza libera e dignitosa".
Mercoledì, 23 Agosto 2017 14:43

Intervista all'autore - Sara Olmetto

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Sara e vivo in un piccolo paese della Sardegna, nata nella regione del Piemonte, all'età di un anno mi trasferii in questa meravigliosa isola Italiana. Sin da piccola la lettura e la scrittura suscitavano in me grande interesse e curiosità. Ma solo all'età di tredici anni iniziai a dedicarmi alla scrittura, partendo da poesie per poi passare alla stesura di veri e propri testi che andarono a comporre dei romanzi di piccoli formati. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Mi dedico alla scrittura nel tardo pomeriggio o nella notte inoltrata, che per me rappresentano i momenti di maggiore creatività ed iniziativa. Anche se certe volte le idee migliori spuntano di prima mattina.
Mercoledì, 23 Agosto 2017 12:00

Intervista all'autore - Renato Rondinella

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? In questa tardiva opera prima mi sono immedesimato in un pensiero di Seneca, nelle sue "Lettere a Lucilio" che, anch'egli ormai nella fase senile della sua vita scriveva: "Mi sono allontanato non tanto dagli uomini quanto piuttosto dalle cose e soprattutto dai miei affari: mi occupo degli affari dei posteri. Scrivo cose che possano loro giovare. Affido agli scritti consigli salutari, come se fossero ricette di medicine utili. Ne ho sperimentata l'efficacia sulle mie molte ferite, che pur non essendo completamente guarite, tuttavia hanno cessato di estendersi". Dunque scrivere giova sensibilmente alla mia salute e mi dona equilibrio e benessere. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Tutto il testo è permeato di pensieri, riflessioni, esperienze mie personali o di altri, che mi erano apparse fino ad un attimo prima slegate in apparenza fra loro, appartenenti ad epoche e momenti diversi ma che, via via che si trasformavano in scrittura e prendevano posto nelle pagine del testo, si andavano componendo in un tutto legato, consequenziale e coerente, che ha stupito per primo l'Autore. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Il libro ha rappresentato per me una sorta di autoanalisi a partire dalla prima infanzia e dai suoi indelebili miti e l'incontro successivo, a partire dall'età scolare e l'adolescenza fino alla maturità, con quelli che Puskin chiamava "I miei amici". Ossia i libri che mi hanno più influenzato o colpito, le letture fatte, le Persone reali o letterarie che hanno segnato una vita. Ciò a prescindere dal fatto di averne avuto conoscenza diretta o attraverso il loro pensiero. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? La scelta del titolo è stata consequenziale, quasi obbligata, man mano che ragionamenti, pensieri, ricordi, prendevano forma e corpo sulla tastiera. Speranza come "Ultima Divinità" per un'umanità in grave difficoltà che pare aver perso il senso dei suoi limiti intrinseci e strutturali e quello dell'Infinito. La Stella, simbolo alchemico della Luce Trascendente e della Speranza, torni ad illuminare il cammino delle generazioni future. 5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché? Domanda assai difficile, quasi impossibile rispondervi. Molti i libri e gli Autori che ho letto e che sono presenti nel testo, cui si rimanda il Lettore. Ma il rammarico maggiore è dato dalla consapevolezza dell'impossibilità di terminare tutti gli altri innumerevoli testi che sono sul mio comodino. 6. E-book o cartaceo? Confesso candidamente di avere profondamente odiato il mondo del computer e internet. Tale avversione traspare , motivata, in tutto il testo. Ciononostante, esprimo una grande fiducia nel mezzo virtuale se e quando esso saprà trasformarsi da strumento coatto e influenzato da occulte consorterie di potere non solo mediatico, in strumento di crescita e diffusione di cultura e controcultura. Cioè di pensiero autonomo. 7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore? Altra domanda impossibile. In realtà non ho mai pensato di intraprendere anche questa carriera oltre a quelle già espletate. Ambizione è stata piuttosto quella di scrivere, da nonno, ai nipotini, a tutti i bambini del futuro, la mia piccola storia. 8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo? Credo che i pensieri che costituiscono il testo , un bel giorno mi siano scoppiati dentro, nel petto e ho dovuto incominciare a ordinarli e trasformarli in scrittura, di getto, come quando ti imbatti in uno di quei libri che non riesci più ad abbandonare fino a quando non lo hai terminato. 9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro? Come ho scritto nel testo faccio parte di quella generazione che da giovani venivano descritti come schivi o ribelli, ma che, in fondo non disdegnavano di leggersi, l' indomani di un evento che li toccava, sui giornali. "Vanitas Vanitatum" o esorcizzazione della morte? Anelito all'immortalità o umano desiderio d'Infinito? 10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro? Mio figlio Italo, benché io sia ancora in attesa di un suo qualunque ragionato parere. 11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro? Esprimo, come già detto, anche per questa nuova frontiera, "Fiduciosa speranza".      
Mercoledì, 23 Agosto 2017 11:07

Intervista all'autore - Gianmarco Andreuccetti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è un lavoro come un altro e come tutti i lavori vi traggo soddisfazione nel vederlo compiuto, in genere scrivendo sono quasi sempre riuscito a vedere l'opera finita. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Mi riconosco moltissimo nel protagonista del romanzo, lo potrei definire un mio alter ego, una specie di Bignami della mia esistenza, il protagonista del libro però non sono io nella realtà, dove ho fatto moltissimi altri lavori e soprattutto ho perso un sacco di tempo. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Ho iniziato a lavorare a questa idea di romanzo nell'estate del 2011, avevo 38 anni e mi sentivo davvero poco bene, troppo depresso, l'ho abbandonato più volte per poi riprenderlo e finalmente finirlo, giungere alla fine è stato liberatorio, anche perché non avrebbe potuto avere altri finali.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)