Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Mercoledì, 27 Dicembre 2017 14:54

Intervista all'autore - Matteo Pirro

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Domanda difficile per avere in me una sola risposta. Diciamo che in una domanda come questa vi sono dentro infinite risposte. Parto sempre dal presupposto che Mosè è stato ed è tuttora il mio punto di riferimento. Per scrivere i 10 comandamenti si è fidato dell'ascolto. Prima ha ascoltato e poi ha scritto. Ma prima di scrivere, uno deve fidarsi e deve crederci. Per me è questa la vera magia della scrittura. Uno per scrivere deve credere in qualcosa e in qualcuno. Molto spesso mi soffermo a pensare se Mosè non si fosse fidato di Dio. Se per un motivo o l'altro non avesse creduto alla parola di Dio e non avesse inciso nella tavola i 10 comandamenti. Ecco, che mondo sarebbe stato senza un Credo? Io penso che uno deve farla la fatica di credere sempre in qualcosa o in qualcuno perché senza credo non può esserci vita. Ognuno di noi ogni giorno combatte per qualcosa o qualcuno perché crede che sia cosa buona e giusta donarsi per chi si ama. E alla fine si tirano le somme su quanto si è perso. Perché non esiste persona al mondo che ha creduto in qualcosa e poi ha vinto. Chi crede perde sempre. Ma c'è una cosa che non perde mai : il cuore che ci ha messo per ciò in cui ha creduto. Quello resta. È necessario ricordarselo se si vuole ricominciare. Quindi per me scrivere è avere fiducia verso gli altri, credere in me stesso e amare il prossimo.
Mercoledì, 27 Dicembre 2017 11:37

Intervista all'autore - Giuseppe Marino

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato e cresciuto in Sicilia, poi ho vissuto diversi anni ad Urbino dove mi sono laureato in psicologia e, oltre agli studi, la città ducale mi ha dato tanto dal punto di vista personale, relazionale e esperienziale. Sono stati anni fondamentali per la mia crescita e la mia consapevolezza. Da qualche anno vivo a Trieste, definita la città letteraria, la quale influisce anche lei, attraverso ciò che vivo, alla stesura delle mie poesie. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Dipende non ho un orario fisso, per quanto riguarda le poesie non ci perdo molto tempo. Le poesie nascono nelle mia mente mentre faccio tutt’altro e solo quando sono pronte mi siedo e scrivo e non sto li a pensare cosa scrivere; scrivo come se scrivessi sotto dettatura. Posso stare settimane o anche mesi senza scrivere nel frattempo qualcosa matura nella mia mente e capita che ne scrivo due, tre di getto una dietro l’altra. Diverso è il discorso se devo scrivere ad esempio un racconto, in questo caso ho bisogno di essere più sistematico e costante, ho bisogno di immergermi nella storia che voglio raccontare.
Giovedì, 21 Dicembre 2017 13:03

Intervista all'autore - Maria Laura Centini

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivo a seguito di forti emozioni positive o negative avute nella vita, per analizzare e sviscerare questi fatti e, quando finisco di scrivere, mi sento più serena e felice se trovo la soluzione a questi problemi angosciosi o meravigliosi. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Sicuramente più del 60%.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Quest'opera non è un romanzo ma raccontini legati alla mia vita reale, anche se i personaggi che li popolano sono di pura fantasia. Ho scritto questi raccontini per alleggerire e metabolizzare ricordi di una vita spesso pesante e tormentata.   4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? Il titolo mi è venuto spontaneo. Avrei potuto personalizzare con "La mia vita tra fantasia e realtà", ma ho preferito rimanere sul generico.
Giovedì, 21 Dicembre 2017 12:23

Intervista all'autore - Irene Di Carlo

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me, scrivere è poter dar voce ad ogni singolo frammento della mia anima, anche il più nascosto o soffocato. Siamo tutti fatti di luci e ombre. Benché nella vita vera, rimandiamo agli altri un'immagine precisa di noi stessi, nel profondo celiamo ben altro. Sulle pagine io posso dar vita a questo universo variopinto, creando personaggi che incarnino ogni singola identità, il bene, il male, la passione, il desiderio di rivalsa, il coraggio del perdono. Adoro caratterizzare questa umanità ed inventare poi intrecci avvincenti, che avvolgono i miei protagonisti, costringendoli a fare i conti con le emozioni e le pulsioni più disparate. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Ho sempre creduto di essere fatta in un certo modo, di seguire una strada tracciata, senza deviazioni, fino a quando non è stato più così. Ho scoperto lati di me che ignoravo completamente e ho capito che, nella vita, tutto può succedere. Davvero! Questo ho riprodotto tra le righe del mio romanzo. L'imprevedibilità della vita. L'universo di emozioni contrastanti, che cerchiamo di reprimere e che invece, prima o poi, esplodono incontrollate, portandoci esattamente, però, dove dobbiamo andare! 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Innanzitutto, scrivere questo romanzo per me ha significato evadere, allontanarmi completamente dalla realtà di tutti i giorni, per plasmarne un'altra; e, all'interno di essa, la possibilità di dar vita a dei Personaggi "veri". Questa è la cosa che più adoro dello scrivere: poter plasmare, su carta, "persone" nuove, un'umanità fatta di menti e cuori diversi gli uni dagli altri; poter entrare e far entrare il lettore in ogni singola anima, sondarne gli abissi più celati, sviscerare le passioni più nascoste. Dar corpo agli aspetti più diversi della nostra stessa umanità, della mia anima, di quella di noi tutti in fondo.
Giovedì, 21 Dicembre 2017 12:07

Intervista all'autore - Eleonora Checchin

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Mirano, in provincia di Venezia, ma sono cresciuta in un altro paese: Marcon. Una cittadina molto tranquilla, nonostante l'esponenziale crescita demografica. Quand'ero bambina la mia casa era circondata dai prati; questo permetteva a me e ai miei amici di giocare per ore nella quiete, senza la confusione delle auto e della città. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? “Sonno profondo” di Banana Yoshimoto. E' un libro che ho letto durante la mia adolescenza - mi ha conquistata, attraverso lo stile della scrittrice, semplice e ipnotizzante. Racconta tre diverse storie, collegate da uno stato di sospensione tra il sonno e la veglia. Una sospensione tra due mondi: una sensazione comune a tutti gli adolescenti. 3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook? L' eBook è un'opportunità di accesso, per le nuove generazioni e non, al mondo dei libri. Non credo che il libro cartaceo possa morire. Nessuno negherà mai il piacere della lettura di un libro “normale”. L' eBook è semplicemente un diverso tipo di piacere nell'ambito della lettura. E' un uso costruttivo della tecnologia; un modo per avvicinare molte persone alla lettura. L'integrazione degli eBook in tutte le biblioteche dovrebbe essere una delle nuove prospettive in quest'epoca di crescita e cambiamento dell'essere umano.
Giovedì, 21 Dicembre 2017 11:39

Intervista all'autore - Vittorio Sicignano

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Posso dire che mi approccio ai testi che compongo con molta naturalezza. Credo sia proprio quello il segreto di una buona scrittura o di una qualsiasi altra forma d'arte: la naturalezza. Le emozioni che provo cerco di convogliarle al testo e farle vivere attraverso di esso per fargli prendere forma e spessore. Sono quelle emozioni presenti in ogni essere umano che ognuno esprime a suo modo, nel mio caso ho scelto la scrittura. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Potrei dire praticamente tutto o praticamente niente. E' un racconto che nasce dal nulla e prende forma nel tempo, nelle vicissitudini che hanno caratterizzato la mia vita nel corso della stesura di questo testo. Ho fatto confluire le mie emozioni e stati d'animo nel cuore del protagonista che indirettamente ha raccontato una storia caratterizzante i miei prosegui altalenanti, paure, gioie, ambizioni.
Mercoledì, 20 Dicembre 2017 15:13

Intervista all'autore - Oriana Capobianco

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è sempre stata per me una via di "fuga" dalla realtà, capace di catapultarmi in un mondo in cui mi sentivo a mio agio. Scrivere delle proprie emozioni è molto semplice ma anche molto difficile soprattutto nel momento della rilettura perché è capace di risvegliare tutto ciò che è rimasto scritto. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? In questo libro è presente molto della mia vita reale e molte poesie richiamano ad eventi vissuti. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Scrivere quest'opera mi ha dato la possibilità di conoscere me stessa, di mettermi davanti ad uno specchio e raccontarmi.
Mercoledì, 20 Dicembre 2017 15:04

intervista all'autore - Guendalina Leoni

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi chiamo Guendalina e vivo ad Ariccia, un piccolo paese dei castelli romani. Lavoro come segretaria nell'azienda di famiglia e vivo in una villetta in campagna a pochi chilometri dal mare. Amo la sincerità e la diplomazia, amo dire sempre ciò che penso. Ho quattro nipoti a i quali sono molto legata e ho una bellissima famiglia. Circa 22 anni fa ho perso un carissimo amico con un incidente e da li a poco ho iniziato a sognarlo. Mi ha lasciato delle sensazioni particolari, infatti delle volte capitano delle cose che non si spiegano e proprio, ed è da qui che ho iniziato a scrivere delle frasi e poesie ed in seguito ho deciso di scrivere un libro dedicandolo al mio carissimo amico e angelo custode. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non c'è un momento specifico. Quando ho in mente una frase o una parola la scrivo. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Non ho un autore preferito ma leggo spesso romanzi. Entro in libreria e se mi colpisce la copertina lo compro. Un autore che mi piace in particolare è Paulo Coelho
Mercoledì, 20 Dicembre 2017 14:54

Intervista all'autore - Brigida Tomasello

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata e cresciuta a Napoli fino al 1986, poi per motivi personali trasferitami a Quarto una provincia dell'area Flegrea vicino a Napoli, dove ora vivo. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Qualsiasi genere va bene, se ha la forza di far appassionare un adolescente alla lettura. L'importante è leggere, la passione per un genere viene di conseguenza alla lettura che si fa. 3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook? Personalmente amo e amerò sempre il libro cartaceo, fa parte della mia vita, sono cresciuta con il libro in questa forma, quindi lo sento parte di me, certamente sono cosciente che il progresso e l'innovazione fanno parte di questa epoca, e che l' eBook prenderà piede commercialmente, so che andando avanti si perderà il cartaceo e questo mi intristisce molto, perché, anche se piano piano qualcosa del mio tempo va scomparendo.
Mercoledì, 20 Dicembre 2017 14:42

Intervista all'autore - Berrimo Cele

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Non amo parlare di me, ma tant'è... Sono nato a Roma e sono cresciuto in un quartiere dormitorio, facendo una vita metà da "borghese" e metà da "borgataro". I ricordi migliori della mia infanzia sono i libri e i cartoni animati, e quelli della mia adolescenza sono i libri e i film. Adesso per fortuna ho una vita sociale normale, nonostante la mia passione per i fumetti. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Consiglierei tanti libri: innanzitutto "Alice in Wonderland", rigorosamente in lingua originale, perché fa capire quanto siano inaffidabili le parole e quanto poco senso permea il nostro mondo di regole, principi e convenzioni sociali. Poi "Lo zio Oswald" di Roald Dahl, una brillante satira sull'imprenditorialismo, la sessualità spicciola e la venerazione dei VIP. Infine il ciclo di Charlie Mortdecai, di Kyril Bonfiglioli, perché è troppo spassoso.

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)