Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? La scrittura ha sempre rappresentato una parte importante della mia vita, permettendomi di esprimere o sentimenti profondi o punti di vista diversi dal mio. Ogni volta che scrivo è come se mettessi su carta (perché se posso preferisco usare il foglio e la penna) un pezzetto del mio Io più profondo, che difficilmente verrebbe fuori. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Anche se non sembra, in realtà molti aspetti della mia vita privata sono presenti nel libro, più o meno nascosti. Questo è vero specialmente nelle poesie, perché prendono spunto tutte da eventi o situazioni realmente accaduti. Nei racconti ciò accade un po' meno perché sono lo strumento per analizzare non le sensazioni che provo, ma punti di vista diversi dal mio.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Non saprei scegliere una emozione in particolare perché come ogni atto creativo si ha la possibilità attraverso la scrittura di sperimentare le più variegate emozioni, dalla noia alla gioia. Scrivere ha rappresentato la possibilità di fermarmi, calibrando parole, punteggiature e significati, al fine di comunicare con me stessa e un altro diverso da me, in uno scambio continuo tra l'interno e l'idea del mio mondo esterno. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Direi totalmente. Questo libro parte da racconti autobiografici, da episodi personali trascritti in vari momenti della mia vita, indirizzati a persone diverse.
Lunedì, 19 Giugno 2017 11:30

Intervista all'autore - Alberto Tirelli

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato a Gualtieri (RE), cresciuto nello stesso paese sino al 2001. Questo paese della bassa reggiana, rieverasco al Po, mi ha plasmato il mio essere. Ho vissuto i momenti più belli di questo fiume. Le sue spiagge, la sua natura e le lunghe nuotate nel periodo estivo. Ho inalato le sue nebbie negli autunni. Tutto ciò, con un ambiente familiare modesto, ma denso d'amore, mi ha fatto l'uomo che sono. A Gualtieri vivono le mie figlie, la mia nipote e tutto ciò che ho dentro l'anima. Porto con me l'amore e gli ideali di io padre, per tanti anni vicesindaco, ed ancora lo ricordo e lo porto nel mio cuore, come mia madre. Questo sono io, un amante della mia terra nonostante le lunghe notti con l'ansia nel cuore, passate sulle rive del fiume in piena come esperto della protezione civile. Tutto ciò a contribuito a rendermi uomo e in pace con me stesso. Scrivo e riscrivo, da tanti anni fa, ciò che mi detta il mio animo. Spesso sono sensazioni, ricordi ma sempre con un occhio rivolto al domani. Dico purtroppo perché vorrei ancora fare progetti per il futuro, le mie condizioni e l'età non lo permettono, così domani rivedrò il sole sorgere e sarà un nuovo giorno da vivere.
Sabato, 17 Giugno 2017 14:58

Intervista all'autore - Claudia Macellaro

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Battipaglia ma dopo qualche mese a causa di trasferimento dei miei per lavoro, sono andata a vivere a Roma per sei anni; in seguito ho vissuto ad Eboli dove sono poi rimasta, ma non mi piace il caos delle città e preferisco vivere in periferia anzi il mio sogno sarebbe proprio abitare in campagna a stretto contatto con la natura. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Le avventure di Robinson Crusoe perché oltre alle avventure che vive il ragazzo, è presente la grande forza e volontà di sopravvivenza e la capacità di affrontare diversi stati d'animo con grande coraggio e i giovani di oggi hanno bisogno come non mai di non perdersi d'animo in qualsiasi ostacolo che la vita presenti loro.
Sabato, 17 Giugno 2017 14:47

Intervista all'autore - Paola Masella

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Lauria e vissuta a Potenza dove continuo a vive con marito, figli e nipoti. Mi sono laureata alla Sapienza di Roma in Lettere classiche e ho insegnato prima in vari paesi della Basilicata e poi nella mia città. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Non saprei. I libri che noi consideravamo importanti ai nostri tempi forse oggi gli adolescenti non vorrebbero nemmeno toccarli. I classici vanno sempre bene. 3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book? Io sono per il cartaceo ma penso che la tecnologia l'avrà vinta. Si perderà l'emozione di sentire il peso del libro fra le mani ma si guadagnerà spazio in casa.
Sabato, 17 Giugno 2017 09:59

Intervista all'autore - Stefano Fiore

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Io sono nato a Palermo ma ho vissuto a Raffadali, un piccolo paese della provincia di Agrigento. Adoro la Sicilia e la sicilianità ma amo viaggiare e fare nuove esperienze: ho vissuto sia a Roma sia a Milano ed entrambe mi hanno dato tanto, ma non sono un tipo da città, amo molto di più il mare e la campagna. La musica è la mia più grande passione insieme alle moto. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? In primis il Libro dei libri, ovvero la Bibbia. Per il resto non credo che esista un testo che deve essere letto da tutti gli adolescenti: ogni libro va consigliato in base alla persona che si ha di fronte e in base alla sensazione che si possiede in quel momento.
Venerdì, 16 Giugno 2017 16:22

Intervista all'autore - Mario Ventafridda

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è astrazione alla scoperta di mondi surreali che permeano la nostra mente e la nostra vita, è incidere con le lettere i propri pensieri su una tela che non ha mai un bordo finito, senza limiti di tempo o di spazio! 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Nel mio libro di poesie c’è molto della mia vita, ovviamente, ma decontestualizzata e resa impalpabile e visionaria. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Poter guardare in una vecchia pellicola una ad una le mie poesie, poste una accanto all'altra, fino a fondersi in un'unica opera.
Venerdì, 16 Giugno 2017 14:59

Intervista all'autore - Chiara Comelli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Non penso che abbia una fondamentale importanza conoscere la provenienza di una persona, gli studi, la posizione sociale, almeno non trovo che abbia una importanza determinante per cercare di capire meglio la persona che vogliamo conoscere più da vicino in quanto penso che gli elementi determinanti siano le esperienze di vita che ti segnano la pelle e che forgiano il carattere di ognuno di noi. La mia vita? Mi descriverei come una nomade sia mentalmente sia fisicamente, ho attraversato diverse realtà alla ricerca di qualcosa in cui potermi veramente riconoscere e in cui sentirmi libera, sono fuggita da qualsiasi realtà le cui mura cominciavano a diventare delle sbarre. Non c'è stato un momento preciso in cui ho preso in mano la penna e ho deciso di scrivere, diciamo che scrivo da sempre, la scrittura è una delle cose che fa parte del mio DNA. Scrittrice io? Non so, diciamo che scrivo come tu che mi stai leggendo respiri senza esserne consapevole, senza una finalità precisa se non quella di continuare a vivere.
Venerdì, 16 Giugno 2017 11:55

Intervista all'autore - Giuseppe Oddo

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Le domande più semplici sono quelle che spesso mettono in difficoltà. Scrivo se ho qualcosa da raccontare, sia essa una storia oppure semplicemente un pensiero. Scrivo se sento il bisogno di evadere quando la realtà è difficile o semplicemente quando è più piacevole il mondo fantastico. Scrivo quando voglio dare vita a qualcosa e questo qualcosa è ancora solo un'idea da modellare e trasformare in lettere e parole. Scrivere è la mia medicina: non mi emoziona. Mi fa solo stare bene.
Venerdì, 16 Giugno 2017 10:48

Intervista all'autore - Linda Verdolotti

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata e cresciuta a Teano, la città dell'alto casertano famosa per essere stata lo scenario dell'incontro tra il re Vittorio Emanuele II e il generale Giuseppe Garibaldi. Devo al suo ambiente tranquillo, alle sue tradizioni, alle sue bellezze paesaggistiche e culturali, gli anni più belli della mia vita. La mia città è un piccolo centro dal passato illustre, diversamente da ciò che è il suo presente in quanto a prospettive su un futuro da vivere qui, ma ciò che è rimasto della grandezza di Teano è bastato a far nascere dentro di me un'affezione tale da appassionarmene e da voler contribuire in modo tangibile alla valorizzazione di tali preziose memorie.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)