Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Mercoledì, 10 Maggio 2017 10:10

Intervista all'autore - Elide Friscini

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è sempre stato importante per me. Ho dedicato tanto tempo delle mie serate e delle mie notti, nel corso della vita, a scrivere. Fin da piccola e poi avanti con gli anni, avevo il mio diario, nel quale scrivevo i miei pensieri, tutto ciò che dovevo fermare lì, in quelle pagine. Scrivere mi fa incontrare con me stessa, mi da un tempo ed uno spazio che non riesco a trovare nel vita frenetica di ogni giorno. Emozioni forti si sprigionano intorno a me mentre scrivo o racconto e mi viene facile poiché dettate dal cuore e dalla mente e cerco di comunicarle attraverso i miei scritti.
Martedì, 09 Maggio 2017 10:54

Intervista all'autore - Snezhana Ristich

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Da quando ho imparato a scrivere, a soli 3 anni, descrivevo ogni momento della giornata vissuta.S e capitava qualcosa di particolare, mi fermavo, prendevo il mio quaderno e descrivevo l'accaduto. A 6 anni ero già iscritta a scuola in quanto pregavo mio Padre di farmi andare già a 3 anni. Per ogni singolo evento facevo anche i disegni per renderlo più personalizzato. A 7 anni disegnavo già come sarei stata con mio marito, dovevo essere laureata in 2 università, avere 2 figli, e mio marito doveva lavorare tanto. Poi disegnavo e descrivevo per ogni mese quanto mi crescevano i capelli, e quanto dovevo crescere in altezza. Disegnavo e descrivevo le mie amiche, l'autunno con tutte le sue sfumature, l’inverno, la primavera e l’estate.
1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono un maresciallo maggiore della Guardia di Finanza in pensione per gravi motivi invalidanti. Ho trascorso trent'anni al servizio delle Istituzioni, della Giustizia e dei cittadini, cercando di dare la mia professionalità, il buon senso e la saggezza agli eventi che si presentavano nella vita professionale e non. Lo scrivere un libro mi ha distolto, nel quotidiano, dalle varie sofferenze fisiche dovute, appunto, alla mia invalidità, trascinandomi in un percorso mentale e metafisico che rasserenava la mia esistenza. Sono una persona che ama molto scrivere, avendo frequentato anche Istituti scolastici prettamente a carattere letterario, come il Liceo Classico e l’Istituto Magistrale.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è per me un gioco che mi gratifica e nello stesso tempo diverte. È ludico, specialmente quando riesco a far emergere dalle mie fantasie tocchi di leggerezza e scorrevolezza, pur rimanendo profondo. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Poco, se si eccettuano due dei sette racconti dove mi sono trovato marginalmente o meno a vivere le situazioni o ad ascoltarle. Il resto è tutto frutto della mia fantasia.
Sabato, 06 Maggio 2017 12:06

Intervista all'autore - Gennaro Favia

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è una emozione continua. È il modo di sentirsi liberi di interpretare la realtà secondo i propri desideri e quasi di creare una realtà virtuale del tutto personale per potersi astrarre completamente da quella... reale. L'appagamento che determina il poter scrivere è immenso. Io scrivo per me stesso e non m'importa se c'è qualcuno interessato a leggermi. Quando scrivo qualcosa penso sempre alla dedica dei "Promessi Sposi" da parte del Manzoni: "a quella poca decina di lettori che avranno il coraggio di leggere questo romanzo". Creare un personaggio è un'emozione incredibile; infondergli connotazioni personali è uno sforzo che viene ripagato dalla gioia di vederlo vivere e muoversi tra le pagine del libro. Scrivere mi riempie di gioia!
Sabato, 06 Maggio 2017 11:36

Intervista all'autore - Franco Zinetti

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato in un paesino della Ciociaria, però dopo qualche mese i miei genitori si sono trasferiti a Roma dove vissi fino all'età di 19 anni per poi iniziare la carriera militare nella Polizia di Stato. Diciamo quindi che la mia crescita si è svolta, a causa del servizio che dovevo svolgere, in molte città italiane, tanto da considerarmi ormai cittadino dell'Italia intera. Oggi vivo a Cassino e da pensionato mi dedico principalmente alla lettura di testi storici e biografici.
Venerdì, 05 Maggio 2017 13:11

Intervista all'autore - Enrico Tasca

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere significa dare sfogo alla fantasia, non avere limiti né temporali né spaziali, è libertà allo stato puro. Per me è stato ed è soprattutto una sfida con me stesso. In vari momenti della mia vita ho iniziato a scrivere, soprattutto racconti, ma per i miei troppi impegni, con conseguente mancanza di tempo, non sono mai riuscito a portare a termine le mie opere. Liberatomi della schiavitù del lavoro e dopo molte sollecitazioni da parte di mia moglie sono finalmente riuscito a completare un romanzo. La più grande emozione è stata entrare a tal punto nei personaggi da me inventati da vederli diventare vivi, reali, come se li avessi conosciuti veramente.
Venerdì, 05 Maggio 2017 12:31

Intervista all'autore - Matteo Manguzzi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è una passione, un modo per staccarmi da questo mondo, per rifugiarmi in un mondo tutto mio, ma senza finzione, io racconto cose reali, storie vere, vissute da me, a volte direttamente, a volte indirettamente. L'emozione più grande che provo quando descrivo, racconto, è riuscire a trovare le parole, per trasmettere il messaggio ai lettori, in modo semplice, diretto, in modo che si capisca di cosa sto parlando.
Venerdì, 05 Maggio 2017 10:44

Intervista all'autore - Carmen Toscano

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono una prof. liceale nell'anima, nella mente, e nella formazione culturale. Fin da bambina ho manifestato amore e passione per la lettura dei grandi capolavori della letteratura nazionale e internazionale e in questo ha contribuito mia nonna paterna, nonna Maria per la quale e alla quale ho scritto e dedicato un libro dal titolo "Mia Nonna Maria" pubblicato da LaRuffa Editore. Sono nata in Sicilia in un paesino alle pendici del Vulcano Etna e posso dire che sono nata scrittrice perché fin da piccola la mia colta nonna mi spronava a scrivere assegnandomi dei temi su cui sviluppare delle storie inventate dalla mia fantasia e la prima a leggerle, a commentarle e a valutarle era proprio lei.
Giovedì, 04 Maggio 2017 15:36

Intervista all'autore - Gennaro Flora

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Mi definisco un soldato dei nostri giorni. Un combattente vissuto in periferia. Quella di Napoli... Quarto di otto figli di una coppia separata. La scuola è stata la mia salvezza. Sì, la scuola, l'amata scuola che, attraverso professori 'umani', ha saputo indirizzarmi sui binari tortuosi della vita... Ho detto tutto, ma non ho detto niente, visto che poi, grazie a Dio, sono diventato infermiere. Nella corsia dell'ospedale ho messo in pratica l'inclinazione naturale che Dio mi ha dato: forza d'animo, soprattutto. La sera del terremoto del 1980 ho capito di che pasta sono fatto... Oggi sono un infermiere di unità coronarica e, grazie sempre alla mano del Signore, ho' tirato' dalla fossa molte anime. Mi fermo qui. Sì, mi fermo perché ho scritto un romanzo su questo argomento.

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)