Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Gli ebook hanno la memoria corta

Gli ebook hanno la memoria corta © Yuri Arcurs

Secondo studi americani memorizzare quanto scritto su un dispositivo digitale è più difficile che farlo leggendo su carta stampata. Ma non tutti gli studiosi concordano

In un recente articolo apparso sul “Time”, dal titolo Gli ebook rendono più difficile ricordare ciò che abbiamo letto, sembra affermarsi l’opinione che chi legge ebook poi ricordi con maggiore difficoltà i nomi dei personaggi, la trama e altre informazioni contenute nel testo.

Per adattare il testo ad ogni tipo di dispositivo, infatti, la casa editrice che si occupa di pubblicare libri in formato digitale, ne annulla quasi completamente l’impaginazione. Ciò comporta, secondo la giornalista di neuroscienze del Time, Maia Szalavitz, che l’ebook, rispetto al libro cartaceo, offra minori punti di riferimento mnemonici, ossia mancano numeri di pagina, inizio e fine, destra o sinistra, che aiutano spesso a ricordare più facilmente (la famosa memoria visiva) dettagli di ciò che ci passa sotto gli occhi.
Sarà vero? Il dibattito è apertissimo, anche in Italia, dove gli studiosi del settore si dividono, come negli States, tra quelli che pensano che ci sia semplicemente un problema di adattamento dei lettori al nuovo media digitale, tra quelli secondo cui la lettura su schermo è diversa da quella su carta stampata perché più vicina allo skimming, ovvero alla lettura orientativa (la lettura veloce che ricerca il senso, il contenuto di quanto letto, più che tutte le sue sfaccettature). O, addirittura, c’è chi pensa che sia soltanto un modo diverso di leggere che non comporti, al contempo, un diverso modo di immagazzinamento delle informazioni nella memoria. Come dire: si legge diversamente, ma si memorizza allo stesso modo. Che è poi la teoria seguita dalle case editrici che si sono lanciate nella produzione esclusiva di libri informatizzati e nella loro pubblicazione.
Certo è che, sia per gli scrittori emergenti che per quelli più navigati, se questa teoria venisse conclamata, sapere di essere dimenticati in un batter di ciglia non sarebbe consolante e, anzi, potrebbe scoraggiare nuovi scrittori a pubblicare le proprie poesie o fumetti nei formati di nuova generazione.
Eppure, secondo la giornalista della rivista americana, c’è davvero una difficoltà di memorizzazione delle informazioni derivante dall’uso degli ebook. Essendo questi un continuum privo di punti di riferimento, per l’utente diventerebbe, infatti, più difficile ricordare tutte le informazioni contenute nel testo. A supporto di questa teoria anche alcune ricerche effettuate sempre oltreoceano, che dimostrano come il supporto digitale sia pure più scomodo di quello cartaceo (leggere da uno smartphone o da un cellulare sembra effettivamente meno allettante che stare comodamente stesi su un divano con un libro tra le mani) e quindi meno adatto alla comprensione ed alla fissazione in memoria di quanto letto.
Eppure, se ciò fosse avallato, smonterebbe un intero sistema che ormai sembra partito e difficilmente arrestabile: l’uso degli ebook a scuola e nelle università. Se quanto detto fosse vero, come si potrebbe utilizzare questi dispositivi nelle scuole? Gli studenti ricorderebbero e saprebbero meno. A quanto pare, almeno per quanto riguarda la memoria a breve termine, si.
Ma il dibattito non è concluso, anzi è lungi dal trovare il suo “the end”. E, come al solito, ci si aspetta novità in senso opposto da altre ricerche attualmente già in corso.
Insomma, non è ancora detto che chi legge ebook abbia la memoria corta.

 

 

 

Venerdì, 17 Maggio 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento Ufficio Stampa - BookSprint Edizioni inviato da Ufficio Stampa - BookSprint Edizioni

    Salve Patrizia,
    contatti i nostri uffici allo 0828 951799. I nostri operatori saranno felici di rispondere a tutte le sue richieste.

    Saluti

    Ufficio Stampa - BookSprint Edizioni

    Martedì, 14 Maggio 2013 15:06
  • Link al commento pinna patrizia inviato da pinna patrizia

    se voglio i miei libri in ebook quanto spendo ?

    Martedì, 14 Maggio 2013 10:54

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)