Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Ott
Vota questo articolo
(3 Voti)

Leggere per crescere

Leggere per crescere © evgenyatamanenko

Secondo medici e pediatri leggere ad alta voce avrebbe importanti vantaggi nello sviluppo psico-cognitivo del neonato e nel rafforzamento del rapporto genitore-figlio

Leggere per crescere. Stando a quanto riferito da un folto gruppo di pediatri ed, in generale, da tutti i medici, leggere ad alta voce già ai bambini di 6 mesi farebbe loro molto bene. E non solo a loro, ma anche ai genitori.

Leggere a un bambino ha effetti molto positivi sulla sua salute, sullo sviluppo cognitivo ed emotivo” ha affermato il dottor Michele Gangemi, past president dell’Associazione Culturale Pediatri e pediatra di libera scelta di Verona, prevenendo eventuali disturbi relativi allo sviluppo mentale e all’apprendimento del piccolo, nonché aiutandolo nelle relazioni interpersonali. Ma non è tutto qui. Ascoltare una voce calda ed espressiva sin dalle primissime settimane di vita permette al neonato di sviluppare al meglio i neuroni e predisporli ad un’elasticità cognitiva maggiore.
I vantaggi di una lettura ad alta voce, comunque, anche secondo gli esperti del progetto veronese “Leggere per crescere”, non si fermano qui. Lo scambio reciproco mamma-figlio rafforza e solidifica la relazione adulto-bambino, creando momenti di intimità rilassante e appagante. Inoltre, l’ascolto e la lettura influiscono positivamente sulle capacità linguistiche del bambino, ampliandone il lessico e permettendogli un più probabile successo scolastico negli anni a venire. In ultima istanza, poi, l’ascolto sin dall’età infante permette di accrescere l’autostima dei bambini che, avendo più facilità nella comprensione e nel mantenere attiva l’attenzione, riescono a gestire al meglio le situazioni.
Insomma, leggere fa bene ai genitori e fa benissimo ai piccini. Ma cosa leggere?
Secondo una recente ricerca condotta da Doxa, i genitori e i ragazzi preferirebbero le favole, con quella di “Cappuccetto rosso” al primo posto. Le disavventure della piccola protagonista, con il lupo che si sostituisce alla nonna, sono lette da 3 genitori su 4. Segue, nella classifica di gradimento delle pubblicazioni, “Le avventure di Pinocchio” e solo sul terzo gradino del podio si incontra il primo libro di narrativa destinato dall’editore anche agli adulti: “Il piccolo principe”, preferito però più dai ragazzi che dai genitori. Molto apprezzata da entrambi è, invece, “Alice nel paese delle meraviglie”, con le sue stravaganze e i mondi fantasiosi che affascinano lettori e ascoltatori.
Il tutto senza dimenticare che, abituando i nostri piccoli alla lettura, non facciamo altro che predisporli ad una cultura più ampia e raffinata. 

 

 

 

Mercoledì, 23 Ottobre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)