Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

03 Ott
Vota questo articolo
(2 Voti)

Leggere allunga la vita

Leggere allunga la vita © contrastwerkstatt

Da Chicago la conferma che mantenere il cervello allenato in quest’attività permette alla mente di tenersi più giovane e sana

Leggere e scrivere rallenta l’invecchiamento: dopo millenni di ricerche e leggende alla ricerca dell’elisir di lunga vita, arriva dagli USA la scoperta che permetterà all’essere umano di vivere un po’ più a lungo. Stiamo parlando della vita celebrale, e non di quella riguardante l’intero organismo, ma è già un grande passo in avanti, specie nella nostra epoca dove malattie senili come l’Alzheimer distruggono e mortificano l’esistenza di chi, purtroppo, ne è vittima.

Come ha dimostrato uno studio condotto dai ricercatori del Rush University Medical Center di Chicago, infatti, leggere e scrivere durante l’arco della vita permette al nostro cervello di rimanere giovane. Presi in esame 294 volontari in età avanzata, questi studiosi hanno chiesto loro le abitudini di scrittura e lettura ed è risultato, in seguito alla loro morte e i successivi esami biologici dei loro cervelli, che il tasso di declino cognitivo delle persone abituate a leggere e scrivere è, in questi soggetti, più lento del 15%. Ciò vuole dire che malattie celebrali e demenza sono più improbabili nelle persone che tengono il cervello in costante allenamento.
Inoltre, pubblicata su Neurology e successivamente su Focus, la ricerca ha dimostrato anche che, nelle persone che specie in terza età continuano a svolgere con frequenza attività cognitive come la lettura o fare i cruciverba, il declino della memoria è inferiore, attestandosi ad un livello intorno al 32% (rispetto al 48% che è la norma).
Dunque, che leggere e scrivere faccia bene a tutti, sviluppando la fantasia, le conoscenze e aprendo nuovi orizzonti, rendendo anche più allegri e felici chi lo fa era un dato di fatto, ma grazie a questi studiosi di Chicago ora sappiamo che la lettura rallenta anche l’invecchiamento.
Non resta quindi che consegnarci alle varie pubblicazioni del nostro editore preferito, o anche ad opere prime di scrittori emergenti, ma va bene anche mettersi in proprio e, ad esempio, pubblicare poesie, perché l’importante è tenere la mente allenata, sempre!

 

 

 

 

Lunedì, 07 Ottobre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)