Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Gen
Vota questo articolo
(1 Vota)

Aldo Manuzio, il primo editore moderno

Aldo Manuzio, il primo editore moderno © drsg98

Ci sono uomini in grado di scuotere il corso uniforme della storia. Il tempo cambia passo, guadagna un nuovo ritmo, il corso degli eventi accelera. Per ciò che concerne l’editoria nella storia, una di queste personalità eccezionali risponde al nome di Aldo Manuzio.
Nato alla metà del Quattrocento nei pressi di Latina, perfeziona la propria formazione a Roma, Ferrara, Verona. Molto colto e di gusti raffinati, appassionato di greco e latino, Manuzio si stabilirà infine a Venezia, e non certo per coincidenza.

La Serenissima era a quel tempo una città fiorente, con un popolo avvezzo agli scambi commerciali e culturali con l’estero. A Venezia si respirava aria di libertà, e questa era una condizione essenziale per fare impresa in campo editoriale.
A Roma, infatti, le ingerenze della chiesa cattolica arrivavano sino a impedire la diffusione di testi considerati sconvenienti; ciò generava ripercussioni economiche gravissime per l’editore, che vede il proprio libro stampato diventare carta da macero. Tutto questo, a Venezia, non c’era.
Qui Aldo Manuzio apre la propria tipografia. Da qui partono innovazioni senza precedenti, che trasformano e avvicinano il libro a quell’oggetto che oggi tutti conoscono, e cha trasformano il tipografo in qualcosa di più di un semplice stampatore di libri: egli è ora un editore.
I segni di interpunzione vengono definitivamente codificati; a quelli già noti si aggiunge l’inedito punto e virgola. Se i programmi di videoscrittura in lingua inglese chiamano il corsivo italic, questo si deve ancora una volta ad Aldo Manuzio, inventore appunto del corsivo, che oltre ad essere elegante e leggibile permetteva di risparmiare spazio, quindi carta, con ripercussioni sul prezzo di vendita. La celeberrima e stupenda raffigurazione del delfino avviluppato all’ancora serviva a difendere il proprio lavoro dalle copie illegittime, e, oltre ad avere un notevole valore artistico, cristallizza la consuetudine di creare il logo della casa editrice.
Ma sono due le innovazioni più sorprendenti per i tempi.
La prima: accompagnare ogni edizione con l’elenco delle prossime pubblicazioni. Questa pubblicità ante litteram aveva un doppio obiettivo: avvisare il pubblico per catturare nuovi acquirenti; mandare un segnale chiaro alle altre tipografie – giù le mani, è roba di Aldo.
La seconda è una creazione di portata rivoluzionaria: il formato in ottavo. Si tratta cioè dell’antenato dei moderni tascabili.
Se dunque oggi i libri sono compatti, ergonomici, se non sono più incatenati ai banchi di lettura e camminano con noi sottobraccio, questo lo dobbiamo anche a lui: Aldo Manuzio.

 

 

 

Lunedì, 07 Gennaio 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)