Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

19 Mar
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ebook, la scelta ecologica

Ebook, la scelta ecologica © Adimas

Dopo anni e anni di studi ed analisi, una ricerca inglese ha rivelato che i libri digitali sono realmente più ecologici dei cugini cartacei, ma solo su larga scala

Ora ci siamo, ora è realtà, ora è vero. Il libro digitale, l’ebook, è effettivamente più ecologico del libro cartaceo. A rivelarlo una ricerca scientifica di due ecologisti inglesi, Leo Hickman e Lucsy Siegle, che hanno dato risposta sul “Guardian” alla domanda: “Dovremmo smettere di comprare libri e passare agli ebook per fare una scelta davvero verde?”.

La risposta è si. Secondo gli studiosi, infatti, l’uso degli e-reader al posto del libro cartaceo ha fatto risparmiare, nella sola Inghilterra, circa 168kg di CO2 l’anno. Una cifra considerevole, che tenderebbe a seguire la linea teorica secondo cui i libri elettronici siano più ecologici dei cugini cartacei. E, d’altronde, basta pensare al risparmio di alberi che deriva dalla scelta di un libro digitale anziché in carta.
Ma secondo altre ricerche, effettuate negli anni precedenti, ciò non corrisponderebbe a realtà. O, almeno, non sempre corrisponderebbe a vero. La verità, infatti, secondo lo studio dell’esperto britannico di gestione di gas e di effetto serra, David Reay, è che stampare un libro cartaceo produrrebbe un’emissione nell’ambiente di 3kg di CO2, contro i 35kg per realizzare un tablet e i 24,7kg per costruire un e-reader (dati studio Rand Institute 2006). Questo perché, oltre all’annosa questione dello smaltimento di rifiuti elettronici, per produrre materiali di questo tipo c’è bisogno di risorse minerarie particolari, di molta acqua e di fabbriche.
Chi ha ragione, dunque?
Entrambi. La soluzione è semplice. Nel breve periodo la scelta più verde è quella di acquistare un libro cartaceo, riducendo notevolmente la produzione di anidride carbonica nell’aria. Ma nel lungo periodo e per un numero di libri superiore a dieci (quale lettore, nella propria vita, non legge più di dieci libri?!?), la scelta ecologica è sicuramente quella dell’e-book.
L’alternativa sono i libri in carta riciclata, sempre più numerosi, l’inchiostro a base di soia, o meglio ancora il bookcrossing e le biblioteche.
Ma per una lettura comoda, immediata e libera, gli e-book rappresentano il futuro e le case editrici lo sanno.

 

 

Martedì, 19 Marzo 2013 | di @Dario D’Auriente

1 COMMENTO

  • Link al commento Valentina inviato da Valentina

    Articolo molto interessante, un ottimo spunto di riflessione per tutto il mondo dello sviluppo sostenibile...anche nell'editoria! :)

    Mercoledì, 20 Marzo 2013 15:39

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)