Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Mar
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il destino dei libri perduti

Il destino dei libri perduti © Jetrel

La dura legge della classifica degli ultimi libri usciti non lascia scampo: vince chi vende. Più sei in alto, più sei comprato, recensito e (forse) letto. E se prima è la cuoca tv, secondo il calciatore, e terzo il tronista, è legittimo chiedersi quanta qualità ci sia dietro l’ennesimo “libro rivelazione dell’anno”. Molti di quei titoli non sopravvivranno al prossimo inverno. Molti di quei lettori non entreranno in libreria l’anno prossimo.

Il sensazionalismo delle quarte di copertina e l’ultima fatica letteraria della star del momento puntano al lettore occasionale. Le vendite s’impennano, ma il fenomeno dura lo spazio di un mattino. Al di fuori del cerchio resta il lettore forte, quello che legge almeno 12 libri l’anno, e che, insieme a pochi compagni, regge il mercato editoriale nazionale. Ma quante case editrici si meritano la sua fiducia? E quanti editori credono ancora in uno scrittore che non viene dalla tv, ma che ha talento da vendere?
Sul versante digitale le cose non vanno meglio. Anche qui a farla da padrone sono gli ebook “capolavoro imperdibile” o che hanno “rivoluzionato le convenzioni della letteratura”. Una cascata di pubblicazioni elettroniche invade gli scaffali a prezzi scontati o addirittura gratis, spingendo a un acquisto forsennato che travalica ogni possibilità di lettura. Come avere migliaia di mp3 sul proprio lettore e schiacciare il tasto “next” ogni 30 secondi per cercare di scalare una montagna di note.
Gli scrittori di talento bevono caffè, mangiano quel che capita e, a volte, rifiutati dalle grandi case editrici perché privi di un nome altisonante, per far sì che la propria voce e opera non siano destinate a restare senza un pubblico, scelgono l’autopubblicazione. Senza questa strada, tanti capolavori sarebbero perduti per sempre, nessuno potrebbe leggerli mai perché, molto spesso, lettori forti e autori di talento sono destinati alla lontananza.
Dietro le ondate di libri stampati, quando le macchine rallentano e le librerie si acquietano, quindi, c’è ancora spazio per la scrittura di qualità. Lontano dagli instant book urlati, il triangolo editore-autore-lettore si ricompone, e la musica delle lettere d’inchiostro ricomincia a fluire.

 

Mercoledì, 20 Marzo 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)