Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Nov
Vota questo articolo
(2 Voti)

Voci del tempo che fu

Ripercorrere la storia di Roma attraverso il racconto delle feste e delle cerimonie ludiche più importanti della città eterna. È quello che ha provato a fare Antonella Giangrande, l’autrice istrionica di “Voci del tempo che fu”, il libro pubblicato dalla BookSprint Edizioni che riscopre le antiche usanze di un popolo allegro e sempre pronto ad esibirsi in pomposi festeggiamenti.

Disponibile anche in versione ebook, l’opera della Giangrande descrive, specialmente attraverso i testi di grandi autori del passato come Goethe, con grande precisione e abilità i momenti salienti delle principali festività romane, praticamente concentrate nel mese di ottobre. Ecco perché queste manifestazioni prendevano il nome di ottobrate e si svolgevano principalmente nel centro, tra Piazza del Popolo e Via del Corso. In quei giorni l’atmosfera era imperniata da luci, colori, grida e schiamazzi che avevano ognuno dei significati particolari e precisi, così come le maschere utilizzate nelle varie occasioni e i travestimenti. Tutto il popolo partecipava alle ottobrate radunandosi nei luoghi principali degli eventi. Oltre al centro, questi erano Testaccio, le radure al di là di ponte Milvio, Monte Mario e porta San Giovanni. Zone perfette anche perché nel mese di ottobre c’era la vendemmia e in questi spazi la regina incontrastata era la vigna con la sua uva.

94 pagine in cui sono praticamente ricordate e rappresentate con precisione infinitesimale di dettaglio queste “riunioni cittadine” dal forte fascino soprattutto per i visitatori che si ritrovavano così sommersi da un’aria di gioia e folklore uniche al mondo. Ma anche pagine intrise di storie e racconti popolari in cui vengono spiegate le voci che girano intorno a statue e monumenti “parlanti” importanti e forse troppo spesso dimenticati della capitale.

Roma è la città delle statue parlanti perché, oltre Pasquino, ci sono altri cinque “marmi” con le caratteristiche del “satiro di Parione”: l’eroe incontrastato era Pasquino, ma la satira politica interessò anche le altre statue! Le voci popolari romane sono state: di Pasquino, di Marforio, di Madama Lucrezia, del Babbuino, del Facchino e, in ultimo, la voce dell’Abate Luigi.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)