Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Set
Vota questo articolo
(3 Voti)

"Atto dovuto" arriva a Udine

Una presentazione per rivivere la guerra, 70 anni dopo, con il racconto di chi ha visto l’inferno.

Poteva restare bambino per sempre, Italo Rasciale. Quando il prete gli ha dato l’estrema unzione, con gli aerei che riempivano il cielo di bombe, non aveva che pochi anni. Ma, per fortuna, non è andata così. Giovedì 19 settembre, presso “Casa Cavazzini”, nelle stanze del “Museo d’Arte Moderna e contemporanea di Udine”, al civico 14 di via Cavour, la professoressa Renata Capria D'Aronco presenterà l’«unico, e forse ultimo» romanzo di Italo Rasciale. S’intitola “Atto dovuto” (278 pagine, ebook disponibile), ed è uscito per i tipi di BookSprint Edizioni.

L’autore nasce nel 1940, in Puglia, quando il padre è al fronte e di lì a poco sarà catturato e tenuto prigioniero per 6 anni. La famiglia Rasciale attraversa l’Italia in cerca della salvezza, risalendo la Penisola travolta dalla guerra.
«Ho cercato di mettere insieme tutti i miei ricordi, soprattutto per fare un atto di ringraziamento verso mia madre, per i sacrifici che aveva fatto per me», spiega l’autore. «Ma studiando gli avvenimenti di quel periodo, mi è comparsa davanti tutta una generazione di donne che si sono fatte in quattro, come si era fatta in quattro mia madre, per fare sopravvivere i propri figli. Queste donne hanno tirato avanti la famiglia, sono state padre e madre contemporaneamente, hanno allevato i figli, gli hanno dato un’educazione, li hanno portati alle soglie della vita. Il mio libro si chiama “Atto dovuto” proprio per questo. È un atto di riconoscenza verso queste donne».
La guerra agguanta gli uomini e li lancia contro le mitragliatrici, lasciando le proprie giovani compagne da sole, con l’angoscia di un ritorno che forse non ci sarà, con lo sguardo di un figlio innocente che chiede perché.
«Il destino, ancora una volta, aveva deciso che sarebbero state le donne le artefici della sopravvivenza di una intera generazione e della ricostruzione dei relitti umani che le guerre, ineffabili, restituivano loro.
Nessuno mai appunterà una medaglia sui loro petti. Nessuno mai ha sentito le loro angosce che crescevano laceranti nei silenzi notturni. Poi, al mattino, offrivano la magia di un viso dolce e rassicurante, da sfoggiare all’inizio del nuovo giorno, della nuova sfida Per donarsi ancora una volta altri, discrete come una preghiera. Che siate benedette. Sempre».
Nelle stanze del Museo d’Arte Moderna e contemporanea, ci sarà l’occasione di rivivere una pagina di storia che ha segnato una nazione, e che nessuno, soprattutto chi non c’era, può pensare di dimenticare.

 

 

 

Venerdì, 20 Settembre 2013 | di @Carmine Morriello

1 COMMENTO

  • Link al commento MARTINA inviato da MARTINA

    realismo che induce alla riflessione. Sensibilità e coraggio

    Giovedì, 19 Settembre 2013 12:12

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)