Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Mag
Vota questo articolo
(2 Voti)

L'albero e la vacca

L'italo argentino Adrián N. Bravi è tra i possibili vincitori della prima edizione del concorso letterario "Testo in cerca di regista", associato al David di Donatello, con il suo romanzo di formazione "L'albero e la vacca" (Feltrinelli/Nottetempo).

L'opera, che ripercorre in 128 pagine la storia di un divorzio con gli occhi di un bambino, figlio della coppia in crisi, ha il grande pregio di affrontare con comicità e ironia una situazione sempre più comune e conflittuale nelle famiglie del duemila.  

 

Adamo vive a Recanati e ha solo otto anni, ma a quell'età i primi segnali di crisi di una famiglia si intravedono già, anche se la sua semplicità lo porta a non preoccuparsi marcatamente di ciò che gli sta succedendo intorno. Adamo ha un rapporto di odio/amore per il tasso che si trova nei giardini pubblici nei pressi della sua casetta. Salito sui suoi rami per godersi la vista dell'orizzonte e del suo paesino d'origine, si ritrova a mangiarne le bacche, che sono velenosissime. Per sua fortuna, l'unica conseguenza di questo atto avventato è un'allucinazione. In pochi secondi gli compare, dinanzi agli occhi, una vacca, tranquilla e beata, che rende lo scenario conflittuale più sereno e tranquillo.  

La visione dell'animale, giorno dopo giorno, lo aiuterà ad affrontare con un animo più rasserenato e mansueto la situazione in casa, senza giudicare, accettando come una fatalità gli eventi, ma mitigando gli aspetti dolorosi della separazione e trasformando una disgrazia in un'avventura divertente e fantastica, al confine tra realtà e allucinazione. La sua calma e la sua capacità di adattarsi alla solitudine gli daranno le chiavi giuste per superare gli ostacoli e ritrovarsi nella vita adulta con un animo ancora da sognatore incallito, ma più radicato nell'importante delle relazioni e dei sentimenti che scaturiscono dai rapporti umani.  

Adrián N. Bravi è nato a San Fernando, provincia di Buenos Aires, in Argentina, nel 1963. La sua famiglia è di origini italiane e all'età di vent'anni si trasferisce a Recanati, dove intraprende la vita da bibliotecario. "L'albero e la vacca" non è la sua prima pubblicazione, anticipata da romanzi e scritti che spesso hanno incontrato il piacere e il plauso di critica e pubblico, ma in quest'opera emerge con forza la sua capacità di esprimere con ironia e comicità elementi tutt'altro che allegri. I suoi personaggi sono perciò il frutto della quotidianità, delle cose semplici, e l'autore spera che questa semplicità sia la chiave giusta per essere il trionfatore nella serata finale del del "Premio David di Donatello" del 10 giugno. 

Martedì, 03 Giugno 2014 | di @Dario D’Auriente

1 COMMENTO

  • Link al commento gianfelice  mariella inviato da gianfelice mariella

    ha ragione i rapportiumani ci facilitano la vita

    Martedì, 03 Giugno 2014 20:17

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)