Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Giu
Vota questo articolo
(3 Voti)

"Premia il Tuo Corto Preferito": Giulio Mastromauro vince con "Carlo e Clara"

Giulio Mastromauro vince il "Premia il Tuo Corto Preferito", Sezione Web del David di Donatello. Il suo corto, “Carlo e Clara”, coprodotto da Zen.movie e Digressione Cinema, ha collezionato ben 5683 voti e quasi 11mila visualizzazioni. È la prima volta che uno dei premi più prestigiosi del cinema italiano dà la parola al popolo del web. E il popolo del web ha risposto “Carlo e Clara”.

«Ieri si respirava un’atmosfera quasi magica», dice il trentunenne regista. «C’è stato uno sprint che davvero non mi aspettavo. Sono felicissimo per tutte le persone che hanno lavorato a questo corto, e in modo particolare per gli attori. Franco Giacobini e Angela Goodwin hanno novant’anni, e nonostante fosse un corto, nonostante il loro curriculum, e pur essendo lontani dalle scene da diec’anni, hanno aderito al progetto perché hanno percepito davvero l’essenza, il cuore del film. L’emozione è tanta. Ho semplicemente realizzato un lavoro che ha toccato il cuore della gente. Io ci ho messo il cuore, e credo che la gente abbia capito».

 Una squadra vincente. «Zen.movie e Digressione Cinema hanno coprodotto il cortometraggio. Siamo davvero una famiglia. Tutti i giorni ci battiamo, perché vogliamo farlo, questo mestiere. “Carlo e Clara” ci ha dato tantissime soddisfazioni. È stato uno dei corti più amati e premiati di quest’anno. Ricevere tutto questo affetto, tutta questa energia positiva dalle persone, è qualcosa che difficilmente si può spiegare. “Carlo e Clara” ha vinto attraverso il passaparola. La gente lo ha guardato e se ne è innamorata. Io faccio arte per condividere, non per me stesso. Ho percepito l’amore per questo piccolo film».

Ma come è nato questo cortometraggio?
«In un momento non proprio positivo della mia vita, uno di quelli pensi di non poterti rialzare. Ho scritto una storia che fosse una metafora della rinascita. Una storia sulla bellezza della vita, dei valori, dell’amore. Da questo punto di vista “Carlo e Clara” è stato profetico. L’attrice coprotagonista, Virginia Gherardini, è la mia compagna. Qualche mese dopo averlo realizzato abbiamo scoperto che presto saremmo diventati mamma e papà – lui si chiama Theo».

 

Girato nell’agosto del 2012 a Molfetta (Ba), città di cui è originario lo stesso regista, il corto vede una coppia di anziani, Carlo e Clara, attendere “il proprio turno” tenendosi per mano. «Il corto affronta il tema della morte, ma lo fa dal lato della vita», continua Giulio Mastromauro. «Ho deciso di raccontare la storia di due anziani, e mi piaceva pensare che loro avessero paura di vivere, anziché di morire. Ed è un po’ una sindrome di cui soffre la mia generazione, ma anche il Paese in generale, che è sfiduciato. Ed è un vero peccato. Noi siamo stati per millenni detentori e portatori di bellezza nel mondo; ora siamo diventati un po’ esterofili, crediamo di non saper fare cinema.
Lo dico con molta umiltà: spero di migliorarmi, di poter fare sempre meglio, di realizzare un giorno dei film che piacciano alla gente. Il messaggio che ho voluto lanciare è racchiuso nella frase di Carlo: “Vorrei poter tornare a respirare a pieni polmoni, e magari insegnare ad altri quello che la vita ha insegnato a me: lo stupore di esistere”. È questo che vorrei insegnare a mio figlio: lo stupore di esistere».

Cosa si prova ad aver vinto il David di Donatello Sezione Web?
«La soddisfazione di questo premio è grande, perché non era semplice. Alcuni dei lavori in gara sono veramente stupendi. C’è stata una bella competizione. Prima del concorso avevo già pensato di veicolare “Carlo e Clara” su YouTube, per regalarlo alla gente e farlo conoscere. Poi è arrivato “Premia il Tuo Corto Preferito” – quale occasione migliore? Ho inviato il corto a tutta la gente che conoscevo. È successa una cosa incredibile. Il passaparola è cresciuto in maniera quasi inarrestabile. Le persone a cui l’ho fatto vedere inizialmente mi dicevano “Ok, è un corto, lo guarderò”. Poi mi scrivevano dopo cinque giorni, e mi dicevano ho pianto, mi sono emozionato, è stato bellissimo, devo farlo vedere ai miei amici… È stata una cosa incredibile. E ieri tutti continuavano a chiedermi “Ma abbiamo vinto?”. Usavano il Noi… Credo di poter dire che è davvero un premio della gente. Quando ricevi tanto affetto, non puoi che dire “Giulio, hai fatto qualcosa di buono”».

Cosa vorresti dire a quei 5683 che ti hanno votato?
«È una bella domanda. Vorrei abbracciarli uno per uno, fargli sentire che la loro energia l’ho avvertita. Ho ricevuto tantissimi messaggi. Persone che hanno avuto un lutto importante guardando il corto hanno immaginato il proprio padre o la propria madre, mi hanno scritto parole di speranza. A tutti dico ci vediamo al prossimo corto, e spero di poter continuare a regalare emozioni, come loro le regalano a me. Il cinema è uno scambio di energia». 

Venerdì, 06 Giugno 2014 | di @Carmine Morriello

2 COMMENTI

  • Link al commento Angela Dellolio inviato da Angela Dellolio

    BRAVO!!!!!!!!!!!

    Martedì, 10 Giugno 2014 13:27
  • Link al commento maria anello inviato da maria anello

    sono felice per il giovane regista e gli auguro una spendida carriera

    Venerdì, 06 Giugno 2014 10:16

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)