Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Giu
Vota questo articolo
(3 Voti)

Margherita e i banchi di scuola

Tra i finalisti della prima edizione del concorso letterario "Testo in cerca di regista", associato al David di Donatello, c'è Luisa Cappuccio, l'autrice del libro "Margherita e i banchi di scuola" (Ginevra Bentivoglio Editoria). 234 pagine che racchiudono tutto il fascino della storia recente d'Italia e di uno spaccato di vita intimo e personale, vissuto tra le aule e gli eventi che hanno segnato il percorso della nostra giovane nazione. 

Si potrebbe ipotizzare sia un libro biografico, se si pensa che Luisa Cappuccio è oggi ex docente in pensione, ma questo romanzo è molto di più. Andando oltre i soliti luoghi comuni e le dicerie sugli ambienti scolastici, l'autrice affronta il tema della scuola da un punto di vista diverso, ricostruendo, con Margherita, relazioni e legami tra le persone che giorno dopo giorno la vivono e la custodiscono. Ne emerge così un romanzo vivace e psicologico, fatto di emozioni e di ricordi, di parole non dette ma mai dimenticate, che ritornano costantemente nella mente della protagonista, durante la sua prima crociera da pensionata nei mari del nord.  

 

L'incontro con Livia, la studentessa dai capelli rossi, le domande su Salvatore, l'amore lontano, il pallido sole del mattino, che inaugura le belle giornate, sono tutti elementi di un'opera dal grande impatto emotivo, che sa unire con sagacia tutti i puntini della storia, dal secondo dopoguerra al sessantotto, fino ai giorni nostri, fatti di crisi economica, crisi dei valori e crisi d'identità. Un presente complicato, figlio di un passato turbolento, che però dà ancora spazio alla speranza. La speranza di ricostruire, nel futuro, un rapporto, di chiudere un cerchio, di ritrovare l'amore. Perché è questo quello che Margherita ancora cerca ed è questo che i suoi occhi attenti e vispi sperano di scorgere tra le righe "mute" di una cartolina.  

Luisa Cappuccio è romana di nascita e, dopo quarantuno anni di insegnamento e diversi laboratori di scrittura creativa condotti, si gode oggi la sopraggiunta pensione. Ha già pubblicato diverse opere, tra cui raccolte di poesie e liriche, che le sono valsi diversi premi e nomine, ma "Margherita e i banchi di scuola" è il suo primo romanzo, frutto di una crescita e di una maturazione personale che l'hanno portata a cercare di vedere il bello anche quando è nascosto. E spera che questa maturazione la conduca, vittoriosa, nella serata del 10 giugno dedicata al "Premio David di Donatello". 

Venerdì, 06 Giugno 2014 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)