Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

19 Set
Vota questo articolo
(1 Vota)

Biblioteche metropolitane, quando lo scaffale si fa "sotterraneo"

Biblioteche metropolitane, quando lo scaffale si fa "sotterraneo" © Monkey Business

Arriva dagli U.S.A. l’idea che permette di scaricare sulla metropolitana l’anteprima digitale dei libri in commercio

Le biblioteche reali sono sempre più vuote per mancanza di tempo e informazioni, ma quelle digitali sono sempre più piene di utenti pronti a scaricare i romanzi dei nuovi autori, o gli ultimi best seller acclamati dall’editoria nazionale e internazionale. Ecco che, allora, l’idea venuta a Max Pilwat, Keri Tan e Ferdi Rodriguez, tre studenti della Miami Ad School, e riportata dal magazine americano “Bookriot”, è destinata ad avere grande successo.

Il concetto è semplice: anteprime librarie in metropolitana. In pratica, grazie ad una tecnologia recente (Near Field Communication), sarà possibile scaricare su tablet, smartphone e eReader le prime 10 pagine della pubblicazione che ci interessa, il cui codice a barre sarà visibile direttamente nella biblioteca disegnata all’interno del treno.
In altre parole, le pareti interne delle metropolitane saranno coperte da cartelloni su cui sono disegnati scaffali pieni di libri, le cosiddette biblioteche metropolitane. In questi scaffali virtuali sotterranei sarà visibile solo il dorso del volume, con il titolo e il codice a barre relativo.
Al lettore basterà inserire il codice e, grazie al tablet (o eReader e smartphone), potrà visionare gratuitamente le prime pagine dell’opera selezionata. Infine, sempre sul dispositivo per la lettura, comparirà un messaggio con le indicazioni per raggiungere la biblioteca o la libreria più vicina per acquistare il libro, se, ovviamente, è piaciuto. Un’idea senz’altro semplice ma geniale, che si basa su un numero infinito di ricerche che ha dimostrato come la metropolitana (e i treni in generale), insieme al divano di casa, al bagno e all’aereo, sia il luogo preferito per la lettura.
Non ci resta che sperare, quindi, che dagli Stati Uniti le “biblioteche metropolitane” giungano al più presto anche in Italia.

 

 

Giovedì, 19 Settembre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)