Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

09 Set
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ebook sonori: Google batte sul tempo la concorrenza..

Ebook sonori: Google batte sul tempo la concorrenza.. © McCarony

È l’azienda nordamericana Google inc. ad essersi accaparrata l’invenzione, nella speranza di anticipare e battere l’agguerrita concorrenza

Suoni e rumori accompagnavano già alcuni ebook, e precisamente quelli in formato epub3. Ma da qualche giorno l’idea, evidentemente non originalissima, è stata brevettata da Google. Non è quindi l’azienda statunitense ad aver inventato la possibilità di introdurre rumori, suoni e canzoni all’interno degli ebook, ma di sicuro la compagnia nordamericana ha visto lungo e, con un’abile strategia di marketing, si è coperta le spalle mettendo la propria firma su di un formato che unisce al piacere della lettura anche quello del sonoro.

Una coesistenza di sensi che non fa impazzire tutti i lettori del mondo, tanto che sui vari blog dedicati alla lettura sono in molti ad affermare di preferire l’immaginazione dei suoni raccontati dagli scrittori nelle proprie pubblicazioni, piuttosto che ascoltarli effettivamente e contemporaneamente alla lettura del manoscritto e perdere, così, gran parte della fantasia che un libro e un buon scrittore, che sia emergente o meno, sanno suscitare. E nemmeno le case editrici sembrano sgomitare per accaparrarsi i primi lavori in questo formato.
Insomma, per la maggior parte degli utenti e degli operatori meglio un ebook standard che un qualcosa che si formi, con effetti sonori, nella direzione degli audiolibri. Audiolibri che, in realtà, non hanno mai sfondato sul mercato. Il formato epub3 è comunque leggermente diverso da un audiolibro vero e proprio: i primi infatti permettono e supportano l’integrazione di file multimediali ai normali libri elettronici.
Ma stiamo divagando, torniamo al brevetto. Con questa “invenzione”, Google inc. continua la sua lotta contro i competitor Amazon, Barnes & Noble e Apple per la conquista di quote di mercato sempre più ampie. Avrà fatto, anche questa volta, la scelta giusta?
Soltanto le vendite potranno dirlo: non resta che restare a guardare e, perché no… anche a sentire!!!

 

 

Lunedì, 09 Settembre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)