Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Set
Vota questo articolo
(2 Voti)

Library of Birmingham, la biblioteca più grande che c'è

Library of Birmingham, la biblioteca più grande che c'è Foto by Brian Clift

All’inaugurazione presente la giovane pakistana Malala, candidata al Nobel per la pace per la sua lotta contro il terrorismo e l’analfabetismo

Non poteva che essere lei, Malala Yousafzai, la sedicenne pakistana salvata e trapiantata in Inghilterra dopo l’attentato talebano dello scorso anno e candidata al prossimo premio Nobel per la pace per la sua lotta contro l’ignoranza e la tirannia, la madrina della nuovissima biblioteca di Birmingham. Malala che, nel suo discorso inaugurale, ha dichiarato che i “libri sono le armi contro il terrorismo”.
Inaugurata il 3 settembre, la Library of Birmingham è entrata per onor di cronaca nel “Libro dei guinness dei primati” per essere la biblioteca più grande d’Europa.

Ampia 31mila metri quadrati, la biblioteca, rigorosamente pubblica, è costata più di 220 milioni di euro (188,8 milioni di sterline) e ci sono voluti tre anni di lavori per portare a termine il progetto, ideato nel 2008.
Un progetto interessante, sbalorditivo, portato avanti dall’architetto olandese Francine Houbin per conto della Mecanoo Architecten. Architetto che ha scelto, in collaborazione con Lindner Facade, una curiosa facciata con cerchi e finiture in alluminio che svolgono anche la funzione di schermatura solare.
La struttura non è solo una semplice biblioteca high-tech, e già questo basterebbe per esaltarne le caratteristiche, ma è un palazzo del popolo, nonché una sorta di vero e proprio parco giochi, costruito su dieci piani sovrapposti per mettere a disposizione della gente comune sale e luoghi per le diverse forme di svago culturale. Ne è esempio proprio l’ultimo piano, che ospita un teatro con 300 posti a sedere. Ma nei luoghi della biblioteca sarà possibile, per i 10mila visitatori al giorno attesi, vedere anche mostre fotografiche con scatti moderni e storici, nonché mettere piede nell’angolo dedicato esclusivamente al grande William Shakespeare, con alcune delle sue prime edizioni.
Tra il milione di pubblicazioni di cui la biblioteca dispone, ce ne sono poi diverse molto rare, ma i lettori potranno trovare anche le ultime opere dei propri beniamini, nonché svariati romanzi di scrittori emergenti, ma già con un certo seguito di pubblico.
La Library of Birmingham resterà aperta ad orario continuato a partire dal giorno 16 settembre e sarà possibile visitarla virtualmente, in 3D, anche sul sito www.libreryofbirmingham.com.

 

 

Giovedì, 05 Settembre 2013 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)