Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

03 Mag
Vota questo articolo
(3 Voti)

Lo scrittore e il ladro di parole

Lo scrittore e il ladro di parole © Stefan Gräf

A ognuno di noi piace la letteratura straniera, e sono sicuro che proprio adesso gran parte di voi è alle prese con una pubblicazione extra-italiana. Ma dite la verità, siete per caso in grado di ricordare il nome del traduttore? Eppure è grazie a lui che riusciamo ad entrare nello spazio di una nuova lingua, ed è sempre merito suo se ora riusciamo a capire meglio quella determinata cultura.

Quest’uomo che lavora nell’ombra, sovrappone la propria voce a quella dell’autore e ne accompagna il movimento della scrittura. Diventa uno strumento prezioso nelle sue mani, una sorta di penna magica in grado di potenziarne la voce e di far risplendere la luce dell’inchiostro sull’acqua e oltre ogni terra.
Che lavori per degli scrittori di racconti o per pubblicare poesie di altri continenti, il traduttore viene retribuito per numero di battute tradotte – o a cartella, a seconda dell’unità di misura prescelta dall’editore del libro –, il suo contratto è molto simile a quello dell’autore, e talvolta può prevedere una percentuale sul venduto, di solito molto inferiore alla royalty riservata allo scrittore, ma con la possibilità di un ritocco nel caso l’edizione vada esaurita e ristampata. L’opera tradotta è dell’autore, ma è anche del traduttore. Stabilire un confine tra i due non è mai facile, e a riguardo c’è una giurisprudenza sterminata.
Comunque sia, sicuramente l’algoritmo di Google non basta, e non è solo questione di trasposizioni ridicole o imprecise. La traduzione va al di là di un semplice atto meccanico, di un puro gesto tecni-co, per quanto perfetto esso sia. Un traduttore deve cogliere l’anima del libro. Si trova nudo davanti a essa, ora, e sa che non può tradirla. Sa che lei viene prima, sa che il suo nome sarà scritto in piccolo e che quasi nessuno lo ricorderà, ma sa anche che non è questa la cosa più importante. Anzi, se nessuno riesce a vederlo, è proprio allora che il suo lavoro di ladro di parole si rivela nella sua tra-sparente bellezza.

 

 

Venerdì, 03 Maggio 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)