Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

11 Apr
Vota questo articolo
(3 Voti)

Un buon libro riempie il cuore... e non solo!

Un buon libro riempie il cuore... e non solo! © ampyang

Il sogno di uno scrittore emergente, dopo aver tentato di inviare il proprio manoscritto a più di un editore, è vedere il proprio libro stampato balzare in testa alla classifica degli ultimi libri usciti per essere letto dal suo pubblico. Anzi, divorato.
Ci sono però alcuni amanti estremi della letteratura che prendono questo modo di dire maledettamente sul serio.

Credetemi, se solo ci vedessero, capirebbero immediatamente la nostra disperazione di fronte a un libro indigeribile che fa venir voglia di strapparsi i capelli. Si tratta di persone fuori dal comune, che hanno portato la loro passione per il testo scritto alle conseguenze più incredibili.
Dopo l'ultima pagina, non si accontentano di riporre il volume accanto agli altri per lasciarlo ingiallire in santa pace. No. Loro il libro lo mangiano. E non gliene importa nulla se la cellulosa non è digeribile. L'unico modo per placare la loro ansia di sapere è inghiottire le pagine. E l'effetto del tempo sulla carta non sembra in grado di fermarli; al contrario accende la pulsione.
La patologia è nota. Il suo nome la dice lunga: bibliofagia. La nascita di alcuni modi di dire della nostra lingua pare convergere su un dato reale, forse un po' inquietante, in origine tutt'altro che metaforico.
Così, oltre alle colonie di minuscoli insetti, ai roditori che scavano le copertine e al solito cane che mangia i compiti per casa, si scopre una nuova categoria da annoverare tra i nemici del libro.
Ma dietro questo comportamento curioso, che ci fa sorridere di incredulità, c'è l'infelicità di una persona il cui desiderio irrefrenabile per il libro, per l'oggetto-libro, lo spinge ad appropriarsene nel modo più istintivo possibile: portandolo alla bocca.
La pratica è più diffusa di quanto si creda, e sicuramente molto antica. Un paio di riferimenti in proposito si trovano già nella Bibbia, e uno di essi è proprio nel celebre libro di Giovanni, l'Apocalisse.
Dall'anno zero ai giorni nostri, ogni generazione di libri ha avuto i propri amanti divoratori. C'è chi accusa l'ebook di essere l'assassino del libro cartaceo, ma in questo caso un solido corpo di plastica pare essere, almeno per il momento, l'unico rifugio sicuro.

 

 

Giovedì, 11 Aprile 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)