Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 69

BookSprint Edizioni Blog

26 Mar
Vota questo articolo
(1 Vota)

La nuova frontiera del self publishing: storie di successo

La nuova frontiera del self publishing: storie di successo © alexskopje

Farsi pubblicare un libro non è affatto un’impresa facile. Molti sono gli scrittori emergenti che, dopo aver bussato alle porte di tante case editrici e aver ricevuto un rifiuto, ripongono il loro manoscritto nel cassetto, aspettando magari tempi migliori o abbandonando definitivamente il loro sogno di vedere il lavoro sullo scaffale di qualche libreria.

Oggi, però, per questi aspiranti scrittori si prospetta una nuova possibilità. Stiamo parlando del self publishing, ossia l’auto-pubblicazione, che salta l’intermediazione dell’editore tradizionale e mette direttamente in contatto lo scrittore con il pubblico. Il manoscritto passa direttamente dalla penna, o forse oggi sarebbe meglio dire dal computer, dello scrittore alle mani del lettore, grazie ai tanti siti di self publishing che offrono agli scrittori l’opportunità di farsi conoscere al grande pubblico. 
Affermatosi inizialmente negli Stati Uniti, questo fenomeno è cresciuto negli anni, tanto che oggi si contano oltre 200mila titoli pubblicati, ed è divenuto ancora più dirompente con l’avvento degli ebook perché facilmente acquistabili in rete. Tra tutti questi titoli pubblicati, alcuni non hanno avuto molto successo, mentre altri sono divenuti dei veri e propri best-seller, tanto che gli autori sono passati dall’anonimato alla notorietà. Tra gli esempi riusciti di self publishing non si può non citare John Locke, le cui opere sono diventate dei veri e propri casi letterari.
Locke, uomo d’affari della Louisville, è l’autore di nove libri, sette dei quali hanno come protagonista Donovan Creed, uno sciupafemmine della CIA che ha scalato le classifiche delle vendite. Locke, dal 2009, anno in cui ha pubblicato il suo primo romanzo, è riuscito a vendere ben un milione di copie. Niente di strano si potrebbe pensare, un successo come tanti. Invece qualcosa di strano, o perlomeno di diverso dal solito, c’è. John Locke non ha alcuna casa editrice alle spalle. Lui è uno di quelli che ha sperimentato il self publishing e grazie all’auto-pubblicazione ha trovato il successo. Ma non è il solo.
Amanda Hocking, ragazza del Minnesota, qualche anno fa, avendo bisogno di soldi, decise di pubblicare su Amazon il suo romanzo inedito, rendendolo disponibile sul Kindle. Da allora con Switched – Il segreto del regno perduto ha venduto ben 1,5 milioni di copie ed è riuscita a guadagnare ben oltre quello che le serviva per andare a Chicago a vedere la mostra dei Muppets. Switched, che rientra nel genere del romanzo paranormale, è soltanto il primo libro della trilogia che, con la sua protagonista Wendy, è riuscita a catturare l’interesse di milioni di lettori.

 

Martedì, 26 Marzo 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)