Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Lunedì, 20 Luglio 2015 10:37

Intervista all'autore - Roberto Tono

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Ricostruire la vita passata di qualche personaggio realmente esistito. La conoscenza raccolte tramite il tracciato della sua vita mi riempie di gioia, è come poterlo riportare in vita affinché anche altre persone lo conoscano. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Il cinquanta per cento.
Sabato, 18 Luglio 2015 10:27

Intervista all'autore - Rosa De Sanctis

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono leale, schietta, generosa. Le persone che ho intorno devono stare bene. Quando voglio bene in ogni senso della parola, non ho riserve o ripensamenti. Non attacco mai, non manco di rispetto, ma ho un eccesso di difesa. Tutto questo mi ha portato alla sofferenza, al rischio di licenziamento se non avessi pareggiato con la mia professionalità. Se parto con la mia difesa, potrei incontrare chiunque ricopra una carica importante devo dire quello che penso, anche se ci sto lavorando, perché se una persona è arrogante, maleducata, insensibile, non posso avere io la presunzione di cambiare il suo carattere. Accetto comunque ogni tipo di critica, che secondo me è un'ottima fonte di crescita a tutte le età. Vengo da un piccolo paesino della provincia di Rieti, dove in cinquant'anni sono scomparse le cose belle della vita a fronte di un eccesso e smoderato uso a favore della tecnologia. Non ho deciso di diventare scrittore.
Venerdì, 17 Luglio 2015 17:01

Intervista all'autore - Adriano Sasso

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato nelle campagne della Gallura, più precisamente nel comune di Luras (OT) Sono emigrato in Piemonte all'età di 12 anni, da 18 anni in poi fino alla pensione ho lavorato in Olivetti a Ivrea. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Non saprei.
Venerdì, 17 Luglio 2015 15:55

Intervista all'autore - Donatella Coceani

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Vengo da un paesino dei Colli Orientali del Friuli, in provincia di Udine, ma più che da un paesino, provengo da una misteriosa casa di campagna, piena di vita, piena di gente e di storia. La storia era quella legata alla casa, ex monastero dei monache prima e di frati poi, di epoca medioevale, che i miei antenati avevano acquistato nel 1812.
 1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato in uno di quei paesi del meridione d’Italia adagiati sul dorso di una collina, ma dall’età di dieci anni mi sono trasferito in Brianza, che è una zona della Lombardia compresa tra le provincie di Milano, Como e Lecco e lì sono cresciuto.
Venerdì, 17 Luglio 2015 12:52

Intervista all'autore - Alvaro Capuano

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono di origine meridionali, per l'esattezza Vietri sul Mare in provincia di Salerno. Vivo attualmente in Provincia di Cremona. Nel 2014 sono stato collocato in pensione per motivi di salute dal Corpo di Polizia Penitenziaria con la qualifica di Ispettore Capo. Sono sposato da 26 anni è più, e ho un figlio di anni 21. Non mi definisco uno scrittore perché colui che scrive è ben altra cosa, ho solo realizzato un sogno: quello di raccontare i fatti della mia vita dalla mia nascita ai gironi nostri. Mia moglie vedendomi triste perché avevo scelto di uscire dalla scena pubblica dove attualmente vivo, mi ha spinto a scrivere la biografia della mia vita, perché mi sono sempre dedicato al volontariato, allo sport senza fini di lucro e alla vita sociale della comunità. Ho visto passare d'innanzi tutta la mia vita, ma in particolare ho pensato alle persone che ho amato tanto e non sono stato degno dell'amore che mi hanno dato i nonni materni. Quando leggerete il mio libro capirete chi è il personaggio. Credetemi ne vale la pena, è molto snello nella storia scritta. Comunque ringrazio l'editore che ha accettato la mia richiesta di non snaturare il mio io.
Venerdì, 17 Luglio 2015 11:00

Intervista all'autore - Arianna Nese

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è essere vicina a delle persone che forse non incontrerò mai, che mi conosceranno solo leggendo, ma che infondo mi apprezzano. Mi rende felice sapere che con la mia scrittura posso far felici molti lettori. In particolare provo un senso di liberazione. Scrivendo libero la mente dalla fantasia e la trasformo in "arte" scritta. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Beh, diciamo che della vita reale nel libro ci sono la maggior parte dei veri nomi dei miei amici e i caratteri sono i loro. Il resto è tutta fantasia.
Giovedì, 16 Luglio 2015 16:26

Intervista all'autore - Carlo Pepe

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Paganese di nascita, Salernitano di adozione, ma mi definisco uomo di mondo, poiché tutti i posti belli che visito mi piacciono e avendo a disposizione più vite, ci vivrei, e se ci scrivo qualche poesia in questi posti vuol dire che per me sono non belli, ma bellissimi, ed uno di questi è sicuramente Napoli. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Sicuramente quando intorno a me regna il silenzio, la tranquillità, in modo da sentire il graffio della penna sul foglio mentre scrivo.
Giovedì, 16 Luglio 2015 12:16

Intervista all'autore - Ombretta Costanzo

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è un viaggio in una dimensione altra, si accende una telecamera che punta l'obiettivo dentro di me e non fuori. A volte per me scrivere è come "sangue dal naso" , mi riferisco ad altri temi trattati in altre opere che forse in futuro pubblicherò, e che mi portano davvero via. Quando scrivo sento tutto come fosse reale, amo i miei personaggi, con loro passo molto tempo, anche perché sono lenta, modifico in continuazione ciò che ho scritto, per finire questo romanzo ci sono voluti 12 anni! Quando l’ ho iniziato ero in Sardegna, era il 2002. Mi manca il tempo, infatti lavoro come insegnante di Italiano e Storia; una volta alla settimana tengo un corso di Yoga, studio sempre...ed ho naturalmente una vita privata con un compagno e con tre ragazzi che vivono con me.
Mercoledì, 15 Luglio 2015 12:48

Intervista all'autore - Vanda Teodonno

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere mi rasserena poiché in questo modo riesco a esprimere i miei sentimenti più inconsci, le mie paure, la mia rabbia. Inoltre scrivere mi dà modo di riflettere su questi sentimenti e spesso di risolverli. Per questo motivo, alla fine di tutto, come ho detto all'inizio, scrivere mi rasserena. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? il 90%!

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)