Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

24 Giu
Vota questo articolo
(1 Vota)

Undici

“Undici”. È questo il titolo del romanzo di Francesco Vallone (BookSprint Edizioni, 252 pagine, disponibile in versione cartacea e digitale). Undici. È questo il numero che ricorre nella vita di Cristiano. È giovane, bello e molto ricco. Non ha mai conosciuto suo padre ma ha vissuto una vita serena fino alla morte di sua madre, avvenuta quando lui aveva poco più di vent’anni. Abbandonata la facoltà di Filosofia, Cristiano si dedica all’azienda di intimo di sua madre.

Al suo servizio c’è la sexy e attempata governante Margaret. Con lei stabilirà un rapporto ambiguo, elettrico, segnato dal mistero di quello scrigno («Esatto, in questo portagioie è contenuta tutta la mia vita. È antico e molto prezioso. Alcune persone preferiscono custodire in contenitori come questo gioielli diversi da quelli che considero io»). La sua vita trascorre tra lavoro, donne senza significato e l’amicizia con Lorenzo, ragazzo gay orfano di entrambi i genitori.  

 Ma l’ossessione di quel numero sconvolgerà la sua esistenza. L’undici comincia a comparire ovunque, segnando le sue giornate in maniera sempre più preoccupante (11 è la sua data di nascita, sia il giorno che il mese, 11 è il giorno in cui sua madre è morta…). L’arrivo di Manuela, giovane modella, innesca la scintilla, quella vera. Nonostante questo piacevole stravolgimento, Cristiano diventerà sempre più schiavo della sua ossessione per il numero 11 e, dopo aver consultato un filosofo prima e una maga poi, si convince che qualcuno vuole comunicargli qualcosa: «“Le cose accadono, ma veniamo sempre avvertiti in tempo. Il mondo ci parla, ma noi non siamo in ascolto. Siamo distratti dagli eventi, ci facciamo trascinare”».  

Classe 1985, nato a Cosenza, logopedista e scrittore, Francesco Vallone ha scritto un romanzo scorrevole e avvincente. Dialoghi serrati e brevi, personaggi ben tratteggiati, le cui fobie vengono delineate in maniera molto chiara e precisa. Un buon lavoro, in cui vengono sapientemente mescolati elementi quotidiani, spunti filosofico-letterari molto interessanti (vedi la teoria della sincronicità di Jung), e una storia d’amore per nulla scontata. 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 24 Giugno 2014 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Teniamoci per mano Cartacanta »

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)