Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

08 Nov
Vota questo articolo
(7 Voti)

L’odore di Napoli

Ida Salvatore Medugno è una scrittrice di grande esperienza. Non lo è solo per i vari libri che ha già pubblicato, ma anche (e soprattutto) per la maniera in cui  ha scritto l’ultimo. Ne “L’abito di seta rosa” (137 pagine, BookSprint Edizioni, versione ebook disponibile) viene descritta una Napoli, che attraversa la seconda guerra mondiale, i cui rumori e le immagini, perfino gli odori, sembrano prendere vita, in cui le donne e gli uomini che si aggirano veloci nei vicoli stretti, diventano carne, trascendendo il loro status di prodotti di pura immaginazione.

L’associazione di questo modus scrivendi alla cinematografia neo-realista potrebbe sembrare forzato, ma assolutamente calzante data la verosimiglianza con cui personaggi e ambienti sono descritti nel mondo immaginifico dell’autrice.

Ida Salvatore Medugno scrive una storia vista tutta dal punto di vista femminile di cinque diversi personaggi. Possiamo trovare Carolina seduta alla sua macchina da cucire, che lavora senza sosta e ricorda con passione e dolore il proprio passato.  C’è Rosa che combatte per assicurare ai propri prediletti nipoti un’esistenza accettabile. Scopriamo Agnese, il cui triste destino e la sciagurata scomparsa del padre le impediscono di coronare il suo sogno: cantare. C’è Giulia, che lontana da Napoli, riflette su un mondo che appare marcio e folle. Questi personaggi sembrano delle maschere di una moderna commedia dell’arte, creata appositamente per soddisfare le necessità di un tempo nuovo. Ritornano i codici e i riti di Napoli come: “Godere degli spettacoli che il mare offre ogni giorno coi suoi variabili colori, […] prendere il caffè al bar con un amico, andare a curiosare tra i banchi di vendita del mercatino del giovedì, litigare al tavolo da gioco, godere del calore della casa, scambiare parole con persone garbate ed accoglienti che a Santa Marinella ha avuto la fortuna d’incontrare”. Tutti codici e riti filtrati dall’intelligenza dell’autrice, che li spoglia della loro carica stereotipante. Sono sintetizzati, accennati, riformulati.

L’opera di Ida Salvatore Medugno parla di donne che vivono un terribile periodo storico. Comuni donne fuori dal comune, che riescono, nonostante il mondo, a non rinunciare alla loro capacità di sognare. L’invito è quindi a godere di questo piccolo presepe multisensoriale e metaforico, che non dicendo assolutamente nulla del nostro tempo, ci dice tanto.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 08 Novembre 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)