Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

02 Nov
Vota questo articolo
(3 Voti)

Siate maestri di voi stessi

Leggere “Sull’arte, specchio della vita” di Luigi Boccardi (BookSprint Edizioni, 230 pagine, versione ebook disponibile) significa entrare, attraverso l’alternarsi di caratteri neri su sfondo bianco, in un altro mondo che è quello delle forme e dei colori, delle luci ed ombre; dell’arte figurativa. Il maestro Boccardi crede fermamente che l’arte classica sia la somma espressione della perfezione artistica, e pensa possa essere via maestra per chi ambisce alla contemplazione della vera Bellezza.

Così nasce la sua critica all’arte contemporanea che non è rivolta né alla capacità di sperimentazione che quest’ultima possiede, né ai mezzi tecnici e tecnologici che può utilizzare, ma al nichilismo, alla spersonalizzazione che quest’arte rivela intrinsecamente, in quanto riflesso dell’uomo e dell’epoca contemporanea. La reazione è quanto mai potente e consta di scritti, lettere, pensieri, annotazioni personali e mostre d’arte; esperienze maturate tra il 2000 e il 2012 “sull’arte figurativa e sulla relazione che essa ha con la vita di ognuno”.

In realtà però questa rilevazione sullo stato dell’arte contemporanea non è lo scopo primario del libro. La priorità resta comunque incoraggiare la ricerca della Bellezza, dare a chi vorrà leggere e guardare (molteplici sono infatti le foto e le immagini del volume) gli strumenti per iniziare o continuare tale impervio cammino. L’importante per Boccardi è vedere, atto che il maestro divide in tre livelli percettivi: un primo livello mentale che implica osservazione e la copia, un secondo livello psichico che comprende la non accettazione della realtà e la sua conseguente elaborazione, ed un terzo livello spirituale nel quale si trascendono le forme e l’osservazione si tramuta in creazione.

Luigi Boccardi è sicuramente un maestro, sia perché eccellente artista, ma anche nell’accezione d’insegnante. La sua materia è l’arte figurativa, la quale, scommette, può essere componente principale per la formazione dell’individuo. Così l’arte, da oggetto plasmato ed osservato, diviene agente formante. Secondo Boccardi un contributo sostanziale a questo tipo di formazione si può ricevere anche dall’osservazione della natura e delle sue manifestazioni. Ma soprattutto ci dice qualcosa di prezioso e che virtualmente conclude il discorso della formazione, avendo anche il sapore di un prezioso consiglio: “Siate maestri di voi stessi”.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)