Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Nov
Vota questo articolo
(2 Voti)

Un sogno chiamato America

1912, Pennsylvania. Il sogno americano nelle parole, nei racconti e nelle storie dei migranti italiani. Le attese mancate, le speranze tradite, le sofferenze  incontrate, le lotte affrontate. “Qualcosa di noi. 1912: il pane, le rose e le spine” (BookSprint Edizioni) è il romanzo storico che Pier Luigi Milani dedica “ai migranti italiani e non, che fecero tremare le gambe ai potenti e non temettero di rivendicare il pane, ma anche le rose.

Risposero loro con le spine, la Storia ne è testimone, ma le loro aspirazioni e il loro coraggio continuano a interrogarci e farci sognare”.

528 pagine disponibili anche in formato ebook per raccontare le amare delusioni di chi ha dovuto lasciare l’Italia post-risorgimentale all’alba della conquista sanguinosa e sanguinaria della Cirenaica e della Tripolitania, la “quarta sponda” libica del Regno italiano. La storia di Bimbo e Marfisa, immigrati nel bacino carbonifero del Monongahela river, in Pennsylvania, le cui vite già difficili sono sconvolte da un delitto commesso durante uno sciopero. Le lotte sindacali per ottenere quei diritti fin troppo violati anche in patria.

Pier Luigi Milani, felice avvocato 59enne nato in Valle Camonica (BS), ha incontrato la passione per la scrittura solo di recente attraverso la lettura di saggi e documenti storici. Così, dopo un viaggio proprio a Monongahela alla ricerca della tomba del nonno Luigi, morto di “spagnola” nel 1918, ha iniziato a testimoniare queste sue traversate Oltreoceano e le storie che l’intera comunità di emigranti italiani in zona gli ha raccontato. Ha così pubblicato diversi romanzi storici sulla terra americana ai margini della città-fabbrica di Pittsburgh, ma con questo romanzo storico è andato oltre, intrecciando come un abile narratore la cronaca di quei tempi con le biografie dei protagonisti dell’epopea migratoria degli inizi del Novecento e le storie frutto della sua fantasia.

“Qualcosa di noi”, una passeggiata all’interno della storia, un carosello di imprevisti e colpi di scena per ricordare un periodo storico drammatico e allo stesso tempo esaltante, per non dimenticare il nostro passato e trarre insegnamento da esso

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)