Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Nov
Vota questo articolo
(9 Voti)

Via dal mio Kosovo

La fuga da un paese in crisi. Il trasferimento in Germania per sei anni. Il ritorno nella propria patria proprio quando bombe e mitraglie cominciano  a imperversare per le strade di tutte le città e i paesi. Il girovagare per l’Europa dell’est fino all’arrivo in Italia. Nazmi Cucala ha scritto la sua vita su carta mostrando al mondo intero quella che è la “Storia vera di un kosovaro”, autobiografia di 110 pagine disponibili anche in formato digitale e pubblicate dalla BookSprint Edizioni.

Un racconto intenso e vero, un susseguirsi di episodi, viaggi, sofferenze, tradimenti e gioie per raccontare quello che gran parte degli emigranti ha affrontato nel corso del suo girovagare. Continui trasferimenti, nostalgia per la patria, voglia di riscattare il proprio nome per dare anche un futuro ai figli. La separazione da parte della famiglia. Il ringraziamento al paese ospitante.

Nazmi Cucala è nato in Kosovo il 10 ottobre del 1963, dove è riuscito a formarsi una famiglia grazie al lavoro che svolgeva. Ma poi la crisi politico-economica dell’ex Jugoslavia l’ha obbligato a dirigersi altrove e Nazmi, con la moglie e i figli, è partito verso la terra tedesca che l’ha ospitato per sei lunghi anni. Ritornato poi finalmente a casa sua, non ha nemmeno avuto il tempo di disfare le valigie che è scoppiata la guerra. Altro viaggio della speranza, altro peregrinare verso una meta che non arriva. L’impossibilità di tornare in Germania a causa del visto, la separazione dai figli che invece, in nero, sono riusciti a passare i confini. Ungheria, Polonia, Ucraina, fino a trovare finalmente la nuova casa in Italia nel 2000.

Nazmi ha lottato, Nazmi è stato tradito, Nazmi ha vissuto con la paura di trovarsi da un momento all’altro una pistola davanti, Nazmi ha sofferto la separazione dei figli. Ma Nazmi ha anche gioito. Ora ha una famiglia felice, i suoi bambini sono cresciuti e gli hanno regalato dei nipotini. Ora Nazmi ha trovato la pace. Ma questo libro lo ha scritto per non dimenticare, per dare sfogo alla propria condizione, per non cancellare dalla memoria sua e di un popolo intero le vane speranze di quegli anni nomadi e le difficoltà di un emigrante.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 02 Novembre 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento nazmi inviato da nazmi

    shkruje edhe ti e publikoe nje liber dhe publikoje .mi fa molto piaciere.tung nazmiju.

    Domenica, 22 Dicembre 2013 02:52
  • Link al commento AGIM inviato da AGIM

    SONO TANTE PERSONE C,E CELANO STORIE VERE DA CUELLO PAESE....SONO ANCE IO CON TANTE STORIE DI KOSOVO....

    Mercoledì, 06 Novembre 2013 19:23

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)