Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 64

BookSprint Edizioni Blog

22 Ott
Vota questo articolo
(3 Voti)

Leucemia in astronave

Sarà presentato oggi alle 19:00 a Fabriano (An), “Io e la Lam”,  Una storia filosofica vera, come la definisce la stessa autrice, Marta Costantini. L’appuntamento è al Bar L’Angoletto in Piazza Quintino Sella. Con lei ci sarà Leonardo Animali, ex assessore alla cultura del comune di Jesi, e l’attrice Laura Trappetti, che leggerà alcuni brani.

Ammalatasi a 33 anni, l’autrice ripercorre in chiave ironica e fantasiosa il suo percorso di malattia e ricovero, spiegando sotto forma di metafora l’approccio e le cure, sia fisiche che dell’anima, ad una grave forma di leucemia fino al trapianto di midollo e al difficile riadattamento una volta uscita dall’ospedale.
Io e la Lam” (BookSprint Edizioni, 184 pagine, ebook disponibile) è una riflessione sul senso ed il valore della vita giocata in un grottesco dialogo tra le due parti della soggettività intesa in chiave moderna, quella più riflessiva e filosofica in senso lato, e quella che l’autrice definisce “massificata”; un dialogo serrato che avviene dentro un’astronave, metafora dell’ospedale ma anche della possibilità di rivedere schemi e impostazioni fino a quel momento ritenute valide ed universali. La malattia come riscoperta di sé, come evento che porta nuove consapevolezza, nuova forza e cambia le prospettive. Un romanzo ben scritto ma soprattutto ben pensato, in cui si vuole mettere in evidenza il lato potenzialmente costruttivo che ogni evento traumatico porta con sé, piuttosto che insistere su quello tragico e piagnucoloso.
Marta Costantini non si piange addosso, e al lettore lo dice sin da subito. «LAM vuol dire leucemia mieloide acuta o adattamento mentale limitato? La cura prevede un ricovero in ospedale o un viaggio in astronave? Guarire significa aver sperimentato l'efficacia di una terapia o essersi presi cura di sé da un punto di vista filosofico-esistenziale? Come dire, ho avuto la sfiga di ammalarmi a trentatré anni o la fortuna di aver potuto conoscere me stessa e aver fatto i conti con la mia vita? Al lettore la scelta».
Un romanzo ironico, autentico anche quando ci fa salire su un’astronave.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 23 Ottobre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)