Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

Incipit: come tutto ha inizio

Incipit: come tutto ha inizio © Pixelbliss

Foglio bianco, pagina uno, prime righe, in una parola: Incipit. In questo spazio così ristretto si gioca il futuro di chi si appresta a scrivere un libro. Centinaia di pagine rischiano di non arrivare mai ai lettori, se quelle parole non riescono nel loro intento. Se l’incipit non funziona, il romanzo tornerà pericolosamente nello scaffale, e neppure la sua struttura muscolosa lo salverà – prima o poi il libraio lo impacchetterà per renderlo alla casa editrice.

L’incipit è un incantesimo. Poche gocce d’inchiostro e la magia avviene. Vediamo attraverso le pagine un mondo attraente, ne sentiamo il richiamo attraverso la nebbia. E prima di rendercene conto ci siamo già sporcati sul sentiero della lettura.
Alcuni memorabili inizi sono andati ben oltre il loro compito. Hanno trasceso lo spazio del testo per entrare nella storia della letteratura. Vediamone qualcuno.

 

In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Questo era in principio presso Dio e compito del monaco fedele sarebbe ripetere ogni giorno con salmodiante umiltà l’unico immodificabile evento di cui si possa asserire l’incontrovertibile verità.
Queste righe escono dalla penna di Umberto Eco: inizia così Il nome della rosa. Le prime parole riecheggiano la Genesi; successivamente poche pennellate danno corpo alla vita claustrale, con i suoi dogmi e le sue azioni ripetitive. Missione compiuta: un pugno di lettere e già siamo dentro un mondo, vediamo quel mondo muoversi e passeggiamo in silenzio tra i monaci.

Ecco Henry Miller, con l’attacco di Tropico del Cancro:
Abito a villa Borghese. Non un granello di polvere, non una sedia fuori posto. Siamo soli, e siamo morti.[…] Ci saranno ancora calamità, ancora morte, disperazione. Non c'è il minimo indizio di cambiamento. Il cancro del tempo ci divora. I nostri eroi si sono uccisi, o s'uccidono. Protagonista, dunque, non è il Tempo, ma l'Atemporalità. Dobbiamo metterci al passo, passo serrato, verso la prigione della morte. Non c'è scampo. Non cambierà stagione.
C’è ben poco da aggiungere. Atmosfera dissacrante, inquietudini di un mondo che precipita verso l’abisso della Seconda Guerra Mondiale, la tragedia dell’Uomo che si ripete  oltre il gorgo del Tempo. E un uomo, solo, che scrive tra le macerie.

Chiudiamo con Gabriel García Márquez:
Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendia si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. […] Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito.
Si apre così la vicenda dei Buendia in Cent’anni di solitudine. Mentre la storia ha inizio siamo già proiettati in avanti, faccia a faccia con una schiera di fucili carichi; ma in un istante ci ritroviamo in un’epoca preverbale, attraversata da forze innominabili.

Scrittori emergenti e aspiranti di tutte le età, prendete esempio.

 

Mercoledì, 28 Novembre 2012 | di @Carmine Morriello

1 COMMENTO

  • Link al commento ALFIO GIUFFRIDA inviato da ALFIO GIUFFRIDA

    La passerella era illuminata, ma il mare, sotto di loro, era buio e tetro. Erano circa le tre di notte, quando Park e Bae, i due sposini coreani che per un giorno intero erano rimasti nella lista dei dispersi, misero, finalmente, i loro piedi a terra. Camminavano a passi lenti e i vigili del fuoco, che li avevano tratti in salvo, li sorreggevano per non farli cadere. Ma più che il loro corpo, era la loro mente che aveva bisogno di aiuto, di essere sorretta per non crollare.
    Lei si guardò intorno impaurita, non sapeva ancora dove si trovavano, qualcuno aveva detto loro, in italiano, che stavano sbarcando a Porto Santo Stefano, ma lei non capì e, se anche avesse capito, non sapeva dove si trovasse quella località.

    E' l'inizio del libro "Quella notte al Giglio", di Alfio Giuffrida, edizioni Sovera. Un romanzo tratto dalla tragedia della nave Costa Concordia, affinchè si sappia distinguere tra codardi ed eroi.

    Mercoledì, 28 Novembre 2012 12:01

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)