Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

29 Mag
Vota questo articolo
(3 Voti)

Intervista al libraio: Sonia Guardo, titolare di una libreria di Vicenza

Intervista al libraio: Sonia Guardo, titolare di una libreria di Vicenza Uno scatto della libreria di Sonia

Amante dei libri sin da piccola, ha iniziato un po’ per caso e poi non ha più smesso. Ci racconta qualche aspetto della vita da libraia

Lavora in un grosso palazzone nel centro di Vicenza, da tre anni è titolare della sua libreria: è la libraia Sonia Guardo. Nel suo lavoro, che è frutto di una passione di famiglia per la letteratura, si fa “aiutare” da Snoopy, il suo simpaticissimo cagnolino. Impegnata quotidianamente a seguire ciò che accade nel mondo dell’editoria: dalla pubblicazione di nuovi scrittori, alla nascita dell’ultima casa editrice, all’ultima trovata dell’editore di scrittori emergenti, in quest’intervista, Sonia Guardo ci racconta del suo lavoro, fatto anche di empatia e tanta pazienza.

Da quanto tempo fai la libraia?
“Lavoro in libreria da sei anni, ho rilevato la libreria in cui ero dipendente da tre. Lavorare qui è stato un po' un colpo di fortuna, poi mi sono appassionata al lavoro sempre di più. I libri a casa mia sono sempre stati pane quotidiano: mio padre, da piccola, invece che le favole, mi leggeva i grandi classici. Mi vanto di aver letto “Piccole Donne” in edizione integrale a soli sette anni”.
Qual è l'aspetto del tuo lavoro che ti coinvolge di più emotivamente?
“Sicuramente il rapporto con i clienti, il saper trovare il libro giusto per la persona giusta… una tecnica che si impara col tempo e l'esperienza. Non si tratta di consigliare i libri che piacciono a me, ma i libri che possono piacere a quella persona (e che magari io detesterei)”.
Come conquisti il cliente appena entra in libreria?
“Ogni cliente ha le sue esigenze: ci sono quelli che vogliono girarsi la libreria ed esser lasciati in pace, quelli che senza un mio consiglio si rifiutano di comprare un libro. In genere cerco, comunque, di creare un clima scherzoso. E da un anno le pubbliche relazioni le cura anche il mio cagnolino che accoglie tutti, specie i bambini, festosamente. È un bastardino, è eccezionale e molto affettuoso. Ormai lo conoscono tutti e se non lo vedono mi chiedono notizie! Si chiama Snoopy, il nome non è originale ma per me ha un significato, perché sono appassionata dei Peanuts”.
Ricordi qualche cliente che ti ha colpito in particolare?
“Il contatto con la gente è fonte di stupore sempre, diciamo che in negativo mi ha colpito un'insegnante di lettere che mi diceva questi scrittori italiani di oggi sono pessimi, e io cercavo di consigliarle classici e saggi, ma poi lei, in realtà, leggeva un'autrice stra-commerciale e francamente scadente, esaltandola. Mi ha lasciata perplessa. In positivo, invece, mi ricordo di una ragazza down che leggeva cose incredibili: classici della letteratura e saggi! Parlo al passato perché purtroppo, da dopo la morte della mamma, non l'ho vista più”.
In questi sei anni come è cambiato il mercato del libro? La crisi, gli ebook, cosa sta succedendo?
“Tasto molto, molto dolente. Forse più che quello del libro, è cambiato il mercato in genere. A livello editoriale, il fenomeno principale è che difficilmente ultimamente si creano grandi casi editoriali, se si escludono recentemente quello del libro di Gramellini o le famose Sfumature. Ma prima di questi, per un paio di anni, c'è stato il vuoto più assoluto: buoni libri ma niente che trascinasse davvero il mercato; niente che possa cambiare il fatturato di una libreria”.
E la rivoluzione digitale?
“I libri elettronici ancora non incidono in modo significativo, ma probabilmente si vedrà un cambiamento nel giro di un anno. Per ora il cartaceo tiene, gli italiani hanno poca dimestichezza con le carte di credito (questo è quello che senti dire più spesso come obiezione agli ebook). Ma le evoluzioni sono inevitabili, bisogna saperle cogliere e saper vedere dove portano. Certo che se dovesse esserci una rivoluzione totale, come per il mercato musicale, sarebbe un guaio per noi: qui a Vicenza hanno chiuso tutti i negozi di musica e video esistenti, non ce ne sono più del tutto!”
C'è un genere che comunque ha resistito alla crisi?
I best-seller e senz'altro i libri di cucina, al traino delle varie trasmissioni televisive.
Lavorando in una libreria, ti viene ancora più voglia di leggere oppure ne hai la nausea?
“È cambiato molto nel tempo: da bambina il libro era assolutamente un rifugio eccezionale. Ero figlia unica e, se non giocavo con gli amichetti, avevo il libro come compagnia di bellissimi pomeriggi e amavo moltissimo rileggere. Da studentessa, poi, era un po' una fuga dal dovere dello studio (la settimana prima dell'esame di maturità ero esasperata e ho letto una quantità incredibile di libri). Ora sono in una fase un po' di crisi, nel senso che ho bisogno di un cambio di genere, ma ancora devo trovare quello che mi possa coinvolgere davvero. Per questo leggo per lavoro più che per piacere al momento”.
Hai un libro e un autore preferito?
“Secondo me non ce ne può essere uno che valga per tutta la vita, nel senso che, appunto, col tempo si cambia. Uno dei romanzi capolavoro assoluto della letteratura mondiale, per psicologia dei personaggi e riflessione storica e filosofica, è Guerra e pace. Io mi chiamo Sonia proprio da lì, tra l'altro”.
Arnoldo Mondadori voleva portare la cultura direttamente nelle case dei lettori. Secondo te a che punto siamo?
“Secondo me è vero che le grandi case editrici italiane, non solo Mondadori, hanno fatto un grande lavoro di diffusione del libro in un paese che usciva dalla guerra semi-analfabeta. Il problema è che poi, appunto, a causa di una scuola non di grande qualità e della tv (che alla fine in Italia è stato il più grande mezzo di diffusione culturale fino agli anni ‘80) c'è stato un po’ un analfabetismo culturale di ritorno. Dagli anni ‘80 in poi, cioè, la cultura è diventata qualcosa per pochi”.
Oggi riflettevo su una citazione di Groucho Marx: “Trovo che la televisione sia molto educativa. Ogni volta che qualcuno l’accende, vado in un’altra stanza a leggere un libro”. Ti senti di condividerla?
“Assolutamente sì, ma non sono contro la televisione a priori. Se usata bene è uno straordinario mezzo di diffusione culturale: quanta gente viene in libreria dopo aver guardato Fazio nel week end, incuriosita dai libri presentati, oppure altre operazioni come Benigni con la Divina Commedia eccetera. Purtroppo non si vuole accettare che il pubblico è pronto anche a queste cose, specie nei canali generalisti”.

 

 

Mercoledì, 29 Maggio 2013 | di @Dario D’Auriente

1 COMMENTO

  • Link al commento giulio.rebecchi inviato da giulio.rebecchi

    e brava Sonia! Guerra e pace!!! l'ho letto la prima volta in quarta ginnasio, l'ultima tre annifa. una pietra miliare, personaggi affascinanti, una lettura dellla Storia magistrale.
    e poi, mi piace Sonia quando dice che non c'è un autore per tutta la vita. ho amato Hemingway per decenni, ora non mi attira più! ho divorziato da lui.....
    ora amo gli scrittori israeliani, amos Oz ( l'ultimo "tra Amici" degno di "GEnte di Dublino") e soprattutto Meir Shalev. ora basta sfoggio! mi piacerebbe avere nella mia città una libraia come Sonia, invece solo grandi catene molto impersonali. ti sanno trovare un libro tramite pc ma non sanno dirti altro! peccato!
    ciao Sonia e buon lavoro:

    Venerdì, 14 Giugno 2013 21:55

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)