Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

24 Mag
Vota questo articolo
(1 Vota)

L’urlo dei libri

L’urlo dei libri © Elnur

Girovaghi, artisti e saltimbanchi. Si aggirano nella piazza in festa, sorridono e le risate li inseguono. Il carrozzone si apre e rivela la scenografia incantata.

Tutto è pronto per la rappresentazione più straordinaria del secolo. Volete assistere? Perché non acquistare un libro? Costa solo pochi spiccioli! Potrete seguire le avventure degli eroi e rileggerle a casa vostra.

È stato più o meno in questo modo che i primi libri incominciarono a conoscere le strade, ad assorbire gli odori del mercato e il respiro della folla.

Via dalle biblioteche, lontano dai monasteri, liberi da ogni dovere di erudizione. Divertimento puro e semplice, piacere di leggere. Per tutti. E alla gente piaceva da impazzire. Come dargli torto? Dopo aver lavorato nei campi un’intera giornata non c’era molta voglia di darsi all’algebra, o di studiare astronomia e filosofia. Meglio un testo semplice, che metta allegria, che racconti sentimenti e storie di eroi. Meglio il libretto acquistato dal teatro dei girovaghi nel giorno di festa.
Pochi fogli dal costo contenuto, stampati in fretta, non certo privi di refusi. Ma questo non interessava a nessuno. La compagnia teatrale restava in paese per pochi giorni, ma tanto bastava all’editore del luogo per fare affari: il suo lavoro, infatti, , dopo una composizione frettolosa, consisteva più che altro nella stampa di libri, scritti da autori famosi ma anche da nuovi scrittori che si erano fidati di lui per inviare il proprio manoscritto.
Siamo nel Seicento, e questo piccolo libretto che passa di mano in mano è l’antenato del libro di massa. Letteratura popolare, un opuscoletto che chi era in grado di leggere lo faceva a voce alta a beneficio degli illetterati, mentre chi non poteva comprarlo se lo faceva prestare e lo ricopiava a mano. In Francia venivano chiamati libri blu, per via del colore della copertina. La natura di pubblicazione estemporanea non ne ha certo aiutato la conservazione, ma da quei pochi esemplari che sono giunti sino a noi si irradia tutta l’energia di una letteratura strillata, divertente, certo non elevata, ma viva più che mai.

 

 

 

Venerdì, 24 Maggio 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)