Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Venerdì, 07 Luglio 2017 11:33

Intervista all'autore - Kristina Strokova

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata e cresciuta a San Pietroburgo, da madre russa e papà Turkmeno. Ho vissuto in Russia fino all'età di sei anni quando mi sono trasferita in Italia, più specificamente in Alessandria. A sei anni ho iniziato la prima elementare qui in Italia non sapendo nemmeno una parola in italiano, e ho frequentato il doposcuola dalle suore immacolatine dove sono stata seguita e aiutata ad imparare la lingua. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Consiglierei di leggere “Mille Splendidi Soli”, mi è piaciuto tantissimo questo racconto, lo trovo davvero commovente e istruttivo. Consiglierei anche di leggere "Fame d'amore " e "Tutto il pane del mondo" di Fabiola De Clerco.
Venerdì, 07 Luglio 2017 10:45

Intervista all'autore - Fiorella Marcuzzi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è un momento di evasione. Ho sempre paragonato la lettura di un libro ad uno splendido viaggio, con il mio libro ho intrapreso il mio viaggio personale. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Si dice che in ogni bugia ci sia un fondo di verità, sicuramente c'è qualcosa di noi in una nostra opera. Per un breve tratto i miei genitori sono stati fonte di ispirazione con le loro scaramucce e le piccole cose di ogni giorno. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Per me scrivere quest'opera è stata una sfida con me stessa.
Venerdì, 07 Luglio 2017 10:29

Intervista all'autore - Giancarlo Bertevello

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è sempre stata una grande gioia, poter esprimere e trasmettere i propri sentimenti le proprie emozioni fino in fondo, non come quando cerchi di spiegarti a voce, a volte non riesci a farti capire bene con la conseguenza che chi ti ascolta percepisce un terzo di quello che volevi fargli capire. Scrivere è vivere 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Questo libro nasce dalla storia della mia vita, questo è quello che io ho vissuto, non arrendendomi mai 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Scrivere questa opera è stato il coronamento di un sogno, poter tramandare ai miei figli e nipoti e a tutti coloro che lo leggeranno, quanto importante è amare la vita, non arrendersi mai e non rinunciare ai propri sogni. 4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative? Il titolo nasce, da una vita ricca a una vita povera e viceversa, da una vita all'altra è un continuo transito per questo ponte di vita, io come emblema ho preso il Ponte di Rialto Venezia, essendo nato li vicino, volendo anche come segno di riconoscenza per la sua bellezza e storia.
Giovedì, 06 Luglio 2017 15:36

Intervista all'autore - Vladimiro Barberio

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Bari 55 anni fa. Ho vissuto per molti anni in collegi che io chiamo lager istituzionali, quelle cicatrici che porto sempre nel mio cuore non si posso scordare mai. In collegio mi dedicavo molto a scrivere e disegnare e da li è nata la mia passione di scrittore, tanto che sono diventato autodidatta. Scrivo testi per canzoni e dipingo. L'esperienza del collegio mi ha fatto capire che nulla è scontato; ho avuto anche un’esperienza bruttissima, sono stato sei mesi in carcere per un errore da ragazzino ma fui graziato dal Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini, un grande uomo pieno di umanità. Da lì la mia vita cambiò radicalmente, mi sono dedicato al volontariato e dedico le mie giornate a chi soffre, perché nel mondo c'è chi muore per la pace e la libertà e la giustizia. Ho avuto riconoscimenti istituzionali e internazionali per il mio impegno per la solidarietà verso i più deboli di questa società che non riesce a garantire pari dignità.
Giovedì, 06 Luglio 2017 14:49

Intervista all'autore - Edgar Atheling

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Libertà dell'essere, un viaggio nei più celati meandri della personalità. Nessun filtro, nessun dettato pensiero possono padroneggiare in ciò che si sente veramente dentro e poterlo scrivere senza dover soccombere al comun piacere è una delle emozioni più profonde ed appaganti che si possano mai provare. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Quello che esprimo è il mio vero IO, quello che sento dentro di me e che si riflette inequivocabilmente sul mio quotidiano. Tutti i pensieri nascono dal nulla come il sorgere di un bocciolo in pieno deserto. Parentesi inaspettate che si aprono durante il normale trascorrere della giornata e che si dileguano senza che neanche me ne accorga. Riporto su carta, senza porre alcuna modifica, lampi di sana follia che si abbattono inaspettatamente a prescindere da quanto sia intento a fare.
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Libertà. È un vortice di idee, di immagini che si accumulano e devono essere liberate. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Solamente piccoli frammenti che uso per agganciare i racconti alla vita pratica. 3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. Trovare il modo di cambiare prospettiva, punto di vista. È semplice pensare di vedere le cose sotto una nuova luce ma, non è un processo immediato. Per poterlo fare bisogna rivoluzionare il modo di pensare a monte di se stessi. Scrivere questo libro è stato l'avvio di questo processo.
Giovedì, 06 Luglio 2017 13:19

Intervista all'autore - Giuseppe De Santis

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere è un tentativo per mettere in ordine i pensieri. È la continua ricerca delle parole adatte per decodificarli ma, allo stesso tempo, è la delusione che cresce con la consapevolezza di poter utilizzare strumenti non completamente adatti per restituire emozioni che si cortocircuitano tra la mente e il cuore. I pensieri ai quali cerco di dare forma, per loro natura, corrono veloci, si accavallano, si inseguono e le parole possono solo dare un senso vago del fermento che fa vibrare il cuore. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Questo libro è una raccolta di racconti e di emozioni. Dentro c’è la mia vita e la vita di chi ha lasciato un segno indelebile nella mia. Nel libro ci sono i miei ricordi e i ricordi di altre vite.
Giovedì, 06 Luglio 2017 10:35

Filosofàndo - Siamo tutti saggi

Dalle stanze della casa editrice BookSprint Edizioni nasce un altro libro di spessore: “Filosofando - Siamo tutti saggi”, scritto da un giovane studente di Filosofia. Ormai prossimo alla laurea, Vincenzo Saponaro mostra di possedere tutte quelle competenze necessarie per la realizzazione di un testo di valore, in cui la filosofia è l’argomento cardine e a cui si aggiungono tutte le considerazioni che l’autore fa relativamente a temi importanti quali l’amore, la felicità, il tempo, l’aborto, la storia.
Giovedì, 06 Luglio 2017 10:10

Intervista all'autore - Vincenzo Saponaro

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato e cresciuto a Ceglie Messapica (Br), una città incastonata nella Valle d'Itria a ridosso del Salento, ricca di tradizioni e bellezze artistiche e paesaggistiche accompagnate ad una raffinata gastronomia. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Nella mia fase adolescenziale l'unica costante, tra i vari alti e bassi che questa fase porta con sé, è stata proprio la lettura. Io stesso spaziavo da generi differenti fino a trovare il mio genere di appartenenza, per questo non mi sento di consigliare quale libro leggere ma piuttosto, semplicemente, di leggere!
Mercoledì, 05 Luglio 2017 12:18

Intervista all'autore - Giuseppe Ferranti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è passione, è evasione dalla realtà circostante, è voglia di vivere e d’immedesimarmi nelle storie dei miei protagonisti cercando d’immaginare le emozioni che loro stessi potrebbero provare, con una sola parola potrei dire è vita. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? In termini percentuali azzarderei un buon 40%, a volte prendo ispirazione da fatti che sono realmente accaduti, ma solo come input iniziale poi cerco di dare sfogo alla mia fantasia e creatività, immaginando storie e personaggi, cercando di farli diventare protagonisti di vicende anche al limite del surreale.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)