Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Lunedì, 01 Febbraio 2016 10:22

Intervista all'autore - Angela Anna Tozzi

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è farmi prendere per mano dalla luce e ascoltarla per illuminare i veicoli ciechi dell'esistenza e avere il coraggio di trovare la via d'uscita che conduce a luoghi soleggiati di saggezza e di speranza. Sento sempre il bisogno di vivere nella luce e trasmetterla agli altri per dare gioia, ottimismo. Tutta la terra mi dà nostalgia di cielo. Nostalgia della "vera luce che è discesa col Verbo fatto Carne per dare vigore a tutta la nostra esistenza".
Venerdì, 29 Gennaio 2016 13:02

Intervista all'autore - Erio Guandalini

 1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono proveniente dalla Pianura Padana e sono cresciuto a fianco delle popolazioni contadine in un ambiente dove si viveva di polvere e sudore. Parlare di me non è il mio forte poiché la gente quando parla di se stesso finisce per impostare le risposte e alla fine dice solo stupidaggini. Ho deciso di scrivere quando ho visto la gente contraddirsi nel dire e pensare umanamente le stesse cose.
Venerdì, 29 Gennaio 2016 12:36

Intervista all'autore - Franco Masu

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? È una fuga dalle parole; adoro stare in compagnia ma passo gran parte della mia giornata da solo e quindi mi piace soffermarmi su un fatto, un volto o qualsiasi altra cosa abbia un significato per me, non mi sento assolutamente un poeta, bagno la carta solo con le emozioni che provo. 2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? Molto ma non tutto.
Giovedì, 28 Gennaio 2016 13:14

Intervista all'autore - Lara Panvini

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nata a Fivizzano, in Toscana, o meglio ancora in Lunigiana... Dopo il matrimonio mi sono trasferita nel comune limitrofo di Licciana Nardi. 2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente? Il mio! Amo definirlo "il romanzo della seconda possibilità ". Per un adolescente è' molto importante credere in questo, perché i ragazzi sono istintivi... E a volte agire troppo d'istinto ci fa stare male e ci fa commettere cose che non avremmo voluto fare. Allora... Tutto è irrimediabile? No, assolutamente. Credo che a ognuno di noi venga data una seconda possibilità e un tempo per poterla utilizzare. Del resto, una persona importante ci ha detto una cosa molta forte: "non lasciatevi rubare la speranza!" Il mio libro parla di droga, ma ci possono essere molti aspetti della vita di un adolescente che anelano alla speranza, anche la semplice "litigata" tra amici. Si...consiglierei il mio libro!
Mercoledì, 27 Gennaio 2016 16:32

Intervista all'autore - Domenico Di Caterino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Sicuramente è per me auto terapeutico ed arte terapeutico, è una esigenza, uno sfogo, uno strumento di autodifesa delle proprie idee, della propria individuale condizione storica, simbolica, affettiva, cognitiva ed identitaria. Senza scrittura, non c'è cultura e senza cultura non c'è memoria. In un secolo come questo, dove la cultura collettiva diventa individualità connettiva, la scrittura come strumento di una rappresentazione mobile e di movimento di un tempo e di una storia che verrà, è un modo di conservare la propria memoria e renderla mobile e fluida. Mi chiedi l'emozioni che provo? Il piacere di ascoltare me stesso in connessione permanente, ma mobile, con l'altro.  
Mercoledì, 27 Gennaio 2016 16:11

Intervista all'autore - Giancarlo Pizzuto

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere per me è una passione nata all'improvviso. Dopo il trauma del licenziamento, ad un'età che non mi ha permesso più di rientrare nel mondo del lavoro, dopo ventotto anni ininterrotti, la rabbia e la delusione mi hanno fatto rifugiare nello scrivere il mio primo libro, la mia autobiografia. Il monitor e la tastiera, da quel momento, sono diventati degli amici a cui raccontare le mie emozioni Da allora, lo scrivere mi dà come un senso di libertà difficile da spiegare, paragonabile a quello che può provare un uccello che si libra in volo, un'emozione unica e impareggiabile d'infinito spazio dove potermi muovere con la mia fantasia.
Mercoledì, 27 Gennaio 2016 15:56

Intervista all'autore - Giordano Stella

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nato a Castelnuovo Scrivia (AL) e lì vivo dalla nascita. A sedici anni ho deciso di diventare scrittore per una passione nata all'improvviso. 2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Solo di mattina perché mi sento più lucido. 3. Il suo autore contemporaneo preferito? Tomasi di Lampedusa. 4. Perché è nata la sua opera? Per uno sfogo alla mediocrità da cui mi sento circondato.
Mercoledì, 27 Gennaio 2016 15:40

Intervista all'autore - Domenica Ciotoli

1. Ci parli un po’ di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittrice? Sono nata in un paese della Ciociaria, nel basso Lazio. Ho vissuto per molti anni a Roma, dove mi sono laureata in Scienze Infermieristiche, prima, e in Ostetricia, poi. Sono tornata al mio paese, Ceccano, e lì ho svolto il mio lavoro con amore e dedizione. Oggi sono in pensione. Nella mia vita nonostante gli impegni, ho sempre letto, studiato, mi sono sempre interessata al mondo che mi circondava, ma anche a quello che riuscivo appena a scovare. Il lavoro mi impegnava tantissimo. Per questo, una volta andata in pensione, avendo molto più tempo disponibile, mi sono laureata in Scienze Religiose, in Naturopatia, in Scienze Umane, in Three In One Concepts e in Tecniche Olistiche.
Lunedì, 25 Gennaio 2016 16:20

Intervista all'autore - Emiliano De Santis

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è una forma di espressione vitale. Non tutti riusciamo ad esprimere verbalmente le emozioni e la scrittura in alcuni casi è un arma potentissima in grado di facilitare la comunicazione di sentimenti che in altro modo rimarrebbero nascosti. Personalmente quando scrivo provo una forma di libertà profonda. È come se la mia anima il mio cuore e la mia mente si incontrano nelle parole che scovo nei meandri del mio essere.
Lunedì, 25 Gennaio 2016 11:56

Intervista all'autore - Luigia Paglia

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Sono le emozioni che mi spingono a scrivere. Con ogni poesia che nasce fermo ciò che provo con dei versi; un po’ come scattare delle diapositive di vita. Scrivere è una esigenza mentale, è un rielaborare sentimenti, avvenimenti, attimi di vita. Mi sono da sempre definita una scrittrice di emozioni, che non sono necessariamente le mie. Mi capita di entrare talmente in empatia, a volte, con delle persone, ascoltandole, che poi mi è semplice scrivere delle loro sensazioni, come se fossero mie.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)