Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

Mercoledì, 24 Gennaio 2018 11:22

Intervista all'autore - Antonella Marino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me lo scrivere rappresenta non solo un piacevole passatempo o un hobby da coltivare nei momenti liberi, ma un vero e proprio sfogo liberatorio di emozioni sopite e rintanate chissà dove dentro di me. Sensazioni, retaggi di eventi passati e presenti che vengono a galla, guidando la penna da cui sgorgano rapide e fluide parole desiderose di essere lette e condivise. Le mie emozioni, nello scrivere, rispecchiano totalmente i contenuti descritti in quel frangente, dalla curiosità alla sofferenza, percorrendo le mille sfaccettature dell’ emotività, e lasciandomi, al termine del manoscritto, provata ma, nel contempo, gratificata dalle variegate esternazioni scaturite sul foglio.  
Martedì, 23 Gennaio 2018 14:17

Intervista all'autore - Alberto Ziccardi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Ho descritto nel mio libro le fasi salienti della mia vita lavorativa, e le mie origini. ho decido di scrivere alcuni libri, al momento ne ho pubblicato uno, da quando ho dato le mie dimissioni alla C.R.I. dopo 28 anni di volontariato.   2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Preferibilmente nel pomeriggio.  
Martedì, 23 Gennaio 2018 13:50

Intervista all'autore - Rita Limongelli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Sono nata un piccolo paesino Minervino Murge in provincia di Bari. Da piccola sono sempre stata una bambina molto introversa, cresciuta insieme ai miei due fratelli in una famiglia di contadini. All'età di 28 anni parto per andare a lavorare come cameriera in un hotel e da lì mi rendo conto che c'era un mondo che non conoscevo, potevo fare una vita diversa, piano piano mi sono aperta ad un nuovo futuro. Nella mia vita sono sempre alla ricerca di qualcosa cambiando anche molti lavori, mai avrei sognato di scrivere poesie. Avevo iniziato scrivendo qualcosa più di 10 anni fa ritirando fogli in cassetti libri e dimenticandomene, ma questo desiderio negli ultimi 6 mesi si è ripresentato, tormentandomi non facendomi dormire con incubi e nervosismo, così mi sono decisa mettere insieme tutti i pezzi e farmele pubblicare.
Martedì, 23 Gennaio 2018 13:35

Intervista all'autore - Anna Boccatonda

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore? Da quando sono nata ho sempre vissuto a Roma, la mia città natale. La mia vita è stata un alti e bassi tra problemi e soddisfazioni, ho due figli ormai grandi e due nipotini, uno di tre anni e l'altro di pochi mesi, che da quando sono in pensione, occupano la maggior parte del mio tempo. La mia esperienza lavorativa si è svolta in ambito scolastico e il contatto con i bambini e i giovani mi ha arricchito spiritualmente e socialmente. Da loro ho imparato ad essere aperta verso le novità e pensare che i sogni si possono realizzare se lo vogliamo veramente, così ho cominciato a scrivere fiabe che poi leggevo in classe e mi sono accorta che rapivo la loro attenzione e ho continuato cimentandomi con qualcosa di più impegnativo.   2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura? Non ho un momento specifico per scrivere, ma ho bisogno di silenzio intorno a me per potermi abbandonare al flusso dei pensieri.  
Martedì, 23 Gennaio 2018 12:39

Intervista all'autore - Luca Marinelli

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Credo di essere ancora troppo acerbo per parlare di "scrivere" come se fosse un'attività definita e definitiva... quello che posso dire è che aver scritto questo romanzo ha rappresentato in primo luogo una sfida con me stesso. Se dovessi scegliere un'emozione in particolare, fra le diverse che ho provato durante l'anno che ci è voluto per portare a termine il mio progetto, direi che è stato per lunghi tratti una forma di "autoterapia". Avevo sentito parlare della scrittura come forma di terapia e non avevo mai compreso cosa potesse implicare, cosa significasse. Adesso penso di aver capito qualcosa in più.
Lunedì, 22 Gennaio 2018 13:22

Intervista all'autore - Marco Sovera

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto? Sono nato nel canton Ticino, un posto meraviglioso dove si incontrano la cultura italiana e l'efficienza della ricca Svizzera. Non potrei fare a meno della vista del lago Maggiore e delle montagne che caratterizzano il nostro paesaggio. Da bambino ho conosciuto le ristrettezze di una famiglia povera, ma ho goduto delle attenzioni di genitori che hanno fatto l'impossibile per farmi studiare, convinti che la cultura è un elemento fondamentale di formazione e anche di promozione sociale. Devo a loro moltissimo di quel che sono diventato.  
Lunedì, 22 Gennaio 2018 12:16

Intervista all'autore - Cristian Perna

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere, a mio avviso, è un'arte. È una disciplina capace di adattarsi a ogni contesto, e quindi, grazie alle sue mille sfaccettature, sempre in grado di adempiere all'esigenza (comune a tutti) per la quale viene interpellata: trasmettere un messaggio! A seconda del motivo per cui mi cimento a produrre uno scritto, rimango comunque sempre meravigliato di quale grande risorsa sia la letteratura. Potrei definirla uno "strumento intelligente": perché abile a mettere "nero su bianco" del materiale pure di origine astratta, come un pensiero, un'emozione, una visione o un desiderio...  
Lunedì, 22 Gennaio 2018 12:00

Intervista all'autore - Otan Ernabrù

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Scrivere, per me, è un'espressione ! Un modo per condividere pensieri ed emozioni. Una forma d'arte. Le emozioni che provo scrivendo sono difficili da esternare... scrivendo ho modo di lasciare un segno indelebile nella mia esistenza. Scrivere è un po' come dipingere o comporre musica... bisogna trovare un equilibrio tra dettaglio e sistemi, tra emozioni e narrazione, tra chi scrive e chi legge ! Sembra facile, ma io ho impiegato parecchio tempo per trovare un "filo" che mi piacesse ! La cosa strana è che alle superiori avevo 3 in italiano! Chi l'avrebbe mai detto che da un' istituto tecnico ne uscisse un libro con tematiche umanistiche?!
Martedì, 16 Gennaio 2018 10:51

Intervista all'autore - Patrizia Bellucci

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è stato un isolamento da quello che mi circondava e dal mondo, un benessere e una metabolizzazione che ho rivissuto con più obiettività, è stato terapeutico e lo ripeterei felicemente.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? E' la mia medesima vita, che fa parte del mio vissuto, ed è il lavoro del mio essere mamma.   3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera. E' stata una terapia in cui ho tirato fuori la mia anima quella nascosta agli altri e che proteggevo.  
1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova? Per me scrivere è di fondamentale importanza. Solo nella scrittura riesco a comunicare i miei pensieri, le mie emozioni e le mie idee. Nella poesia, che considero un veicolo privilegiato per condividere con gli altri il "profumo della libertà", a volte trovo qualche barlume di felicità che spero di trasmettere anche ad altri.   2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro? In questo libro specialmente, molto della mia vita reale è presente. Direi che è un libro autobiografico per quanto riguarda l'aspetto alimentare.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)