Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

27 Gen
Vota questo articolo
(2 Voti)

Una magica sera

Una magica sera” (244 pagine) è il titolo che segna l’esordio narrativo di Maria Teresa Leporace, ed è con le stesse parole che l’autrice segna l’incipit del romanzo. Distante dal mondo della narrazione fino alla pubblicazione del libro, edito dalla casa editrice BookSprint Edizioni in doppia versione, cartacea e digitale, Maria Teresa si avvicina inaspettatamente alla scrittura.

 

Dedita al lavoro sin da tenerissima età, Maria Teresa sembra manifestare da adulta il dolore vissuto da bambina quando, improvvisamente, resta orfana di entrambi i genitori. Circondata dall’amore del fratello, che la cresce come una figlia, Maria Teresa sceglie per sé una vita di fatiche e di continui cambiamenti. Oggi sembra finalmente avere trovato una stabilità emotiva, quella che – per l’abbraccio genitoriale crudelmente spezzato – Maria Teresa merita sopra ogni cosa .

È a seguito di una disavventura sentimentale, che le costa periodi di profondo dolore, che Maria Teresa matura l’idea di mettere per iscritto una storia altrettanto sofferta, ma carica di sentimento. Narrata in forma epistolare, la trama vede per protagonisti un uomo ed una donna che, dopo un casuale incontro, cominciano ad intessere la loro storia. Ma anche qui, come il retaggio di un abbandono mai completamente superato, la distanza fisica segnerà in modo determinante l’evolversi degli eventi. Dalla cella del carcere dove si trova in stato di detenzione, Davide invia a Roberta delle lettere dense di amore, dapprima in forma di tenerezza ma poi sempre più passionali; in un crescendo emotivo il legame dei due personaggi narrativi matura fino alla progettazione di un futuro insieme. La vita semplice dei protagonisti, autori di messaggi poco complessi nella loro struttura formale, rivela invece la loro ricchezza interiore.

«Roberta, oggi con vero piacere ho ricevuto la tua cara lettera, sai ci tengo abbastanza anche perché mi fa stare un po’ più vicino a te; anche se non ti posso nascondere che sarebbe meglio se ti avessi davanti ai miei occhi in carne e ossa… purtroppo mi devo accontentare così, per il momento
Ben conscia di qualche insicurezza sintattica della sua composizione letteraria, Maria Teresa Leporace si pone con umile atteggiamento verso i lettori del suo primo romanzo e attraverso un doppio canale di comunicazione - narrativo e personale – riesce a stabilire con loro un legame di confidenza. Pagina dopo pagina e lettera dopo lettera emerge la potenza dei personaggi, animati dalla stessa carica umana che contraddistingue la conduzione esistenziale di Maria Teresa.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 27 Gennaio 2014 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)