Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

23 Gen
Vota questo articolo
(2 Voti)

Un sortilegio da spezzare

È il 1984 quando Ivana Maiello, durante una breve vacanza, sente una strana storia su una villa abbandonata sul lago di Como in cui accadono cose strane. La casa esiste davvero ed è abbandonata da molto tempo ma Ivana Maiello non ha il coraggio di entrarci. Si limita, ispirata dalla suggestiva e misteriosa mole della villa, a scriverci una storia, il primo romanzo della sua vita. Questo racconto starà trent’anni in un cassetto prima della scelta dell’autrice di riprenderlo e ampliarlo.

Così nasce il suo primo libro: “Un sortilegio da spezzare” (144 pagine, BookSprint Edizioni, versione ebook disponibile).

Un malvagio sortilegio da secoli incanta un’antica villa abbandonata. La vita di ogni uomo che assomiglia ad uno in particolare è segnata da un tragico e ineluttabile destino. Una donna, deus ex machina, è in grado di spezzare l’incanto salvando la vita all’ennesimo tributo vivente dando finalmente la pace alle povere anime condannate. Si tratta quindi di una storia fantastica, un romanzo molto ben costruito nella struttura narrativa e nella forma, con un ritmo ben dosato e delle trovate letterarie geniali. Chi si voglia approcciare alla lettura di questo romanzo troverà un passatempo molto piacevole e l’impossibilità di staccarsene prima del finale

Ivana Maiello (Monza, 1965) inizia a scrivere le prime poesie ai tempi delle scuole medie. Ama da sempre l’arte, leggere romanzi classici, gialli, d’orrore, ama disegnare. Da quella lontana vacanza sul lago di Como nel 1984 ha scritto molto altro che però non ha mai visto la luce. Inizialmente abbandona il sogno di scrivere ma l’esperienza le fa capire che una vita passata senza rincorre i propri sogni è una vita che non raggiungere mai la propria completezza. “Un sortilegio da spezzareè descritto dall’autrice come un vero e proprio sogno che si realizza e ci invita a ricordare, sempre, che i sogni vanno inseguiti strenuamente. Non è banale di questi tempi dirlo, non è banale ma molto coraggioso crederci. Per riuscire, oltre a una buona dose di fortuna, dovremmo anche scendere a compromessi con le nostre paure, con le nostre insicurezze, sicuramente dovremo solcare la soglia della nostra personalevilla abbandonata”, anche nella maniera in cui ha fatto Ivana Maiello che con “Un sortilegio da spezzare è entrata nella sua, senza averci mai messo piede, a distanza di trent’anni.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)