Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

30 Dic
Vota questo articolo
(1 Vota)

I padri della nuova generazione

A ridosso del nuovo anno la BookSprint Edizioni pubblica la raccolta poetica di Davide Pedini. Giovane uomo dal poliedrico spirito artistico, Davide, spesso chiamato con lo pseudonimo Golia (chissà se per analogia anche con l’apparente invincibilità del famoso guerriero, oltre che con la sua forza…), attualmente si dedica alla pittura e alla composizione di testi per canzoni, dopo la formazione presso il D.A.M.S. a Bologna.

 

I padri della nuova generazione” (108 pagine, edite sia in forma cartacea che digitale) è la sincera testimonianza di un periodo vissuto dall’autore che, vittima delle proprie insicurezze, si trova a percorrere il tunnel del dramma. Dalla letture dei suoi componimenti si denota una concezione disperata della realtà, incupita e deformata dalle nebbie viscide e fredde delle fragilità che avvinghiano l’autore fino al punto da opprimerlo.
Non stupisce se nelle pagine finali del suo libro compare l’eloquente aforisma “La morte è la prova inconfutabile della clemenza di Dio.”

Come frecce lanciate a colpire il lettore, queste piccole sentenze – chiamate dall’autore “dardi” -  sintetizzano in maniera efficace il pensiero di Davide.
Egli, soprafatto da un violento ed inarrestabile rigurgito emotivo ed artistico, si libera del peso di quella parte stagnante di sé.
In tema col clima di questi giorni non è azzardato sostenere che la raccolta rappresenta il capodanno della vita di Davide: il necessario e sofferto rinnovamento.
Nessuna dolcezza allevia il cuore di chi scrive e anche il lettore, immerso nella lettura del testo, potrà assaporare il gusto amaro del disincanto.
Nella successione di rime baciate e incatenate (quest’ultime più numerose) prende corpo un verseggiare graffiante che indugia e seziona il grande caos, materiale e sentimentale.

Eppure l’evidente disfattismo lascia posto, inaspettatamente, ai primi bagliori della rinascita.
«Non puoi cambiare il mondo, non sei Dio./ Non puoi considerarti un Dio/ perché sei fatto di carne
È nel testo “Non puoi” che Davide conferma l’impotenza dell’uomo davanti all’immensa forza della Natura e di Dio, ma riconosce all’uomo la possibilità, combattendo, di essere tale.
Il linguaggio ben calibrato e perfettamente coerente con le immagini evocate nobilitano i componimenti, originali figli di un’autentica sensibilità creativa.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

 

Martedì, 07 Gennaio 2014 | di @Damiana Perrella

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)