Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

09 Nov
Vota questo articolo
(4 Voti)

“Di tutto un po’”

Alessandro Giant Milne, è un “sereno” napoletano che pensa che la gioia di vivere sia la priorità per una vita che valga la pena di essere vissuta. Racconta la sua, di vita, suddividendola in tanti frammenti la cui summa è “Di tutto un po’” (104 pagine, BookSpint Edizioni, versione ebook disponibile).

Si parla di poesie in vernacolo napoletano misto ad un italiano che si distacca dalla norma e dalla consuetudine formale della lingua attualmente in uso; un italiano filtrato dalla sensibilità e dalla presenza di una cultura, un abitudine che è marcatamente partenopea. La motivazione è che la lingua qui utilizzata, napoletana o italiana che sia, è tratta direttamente da contesti reali (realistici) e fedelmente riportata, in nome di una verosimiglianza che l’autore ricerca.

Le liriche che possiamo leggere in “Di tutto un po’” non hanno un ordine ben preciso, difettando di qualsivoglia gerarchizzazione, mentre parlano dei più disparati argomenti. La maggioranza pare essere il risultato di un’immagine, di un’emozione, spesse volte di un’osservazione. Alcune volte ci sono dei giudizi morali o personali, altre volte l’autore preferisce lasciare questo processo a chi leggerà, a cui pare rivolgersi. Lo fa sicuramente nell’introduzione, da lui scritta, la quale chiude con una domanda al lettore: “Io mi sono divertito, e voi?”. Questo è il fil rouge dell’opera; il divertimento e la gioia. Alessandro Giant Milne si è divertito a scrivere questi suoi pensieri, queste sue elucubrazioni, e si preoccupa di riuscire a far provare lo stesso a chi lo legge.

L’autore riferisce che giudicava “[…] necessario mettere insieme la mia allegria di napoletano”. È il termine “necessario” che ci dà la misura dell’importanza riservata alla risata. Così necessario da essere anche volgare (come la vita a volte può essere), anche realista, così necessario da raccontarci delle risposte a bruciapelo, delle stoccate, delle battute e delle suggestioni che l’autore vive nella sua Napoli, una Napoli splendente e silente, che dietro queste liriche, pare nascondersi.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 09 Novembre 2013 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)