Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Ott
Vota questo articolo
(4 Voti)

Giustizia col sangue

Un serial killer che uccide per appagare il proprio senso di giustizia. Una serie di ritratti sconvolgenti per la bellezza e precisione dei dettagli, tutti riconducibili a persone da poco assassinate e destinate, a breve, a raggiungere il peggiore degli inferni per le loro malfatte in vita. Un senso del giusto che diventa ossessione e la volontà di realizzare il bene che si trasforma in malattia. L’istinto omicida incontrollabile che muove più volte la mano di un giovane uomo in un mondo carente di giustizia.

 

È giusto farsi giustizia da sé? Sarà una buona cosa? Per Mauro Capriotti, il protagonista di “Iustitia. Memorie di un giovane omicida seriale”, non c’è altra via che quella di eliminare i “malvagi” per soddisfare e appagare quel bisogno di bene che lo pervade sin da quando, a Milano, era nel grembo materno sotto le bombe distruttive inglesi in piena Seconda Guerra Mondiale. Non importa che questi siano il nonno, il fratello, alcune insegnanti del liceo o una suora. Sette vittime, ma la pulizia etnica del male non è ancora finita.

“Fra le mie cose scovai un piccolo album da disegno, mai profanato, sui fogli del quale ritrassi nonno Adalberto, mio fratello Lino, Suor Mattea e, sotto il loro ritratto, con tanto di firma, scrissi la data del decesso e, a caratteri cubitali: GIUSTIZIA È FATTA!”.

Dall’abile e estrosa penna di Maurizio Caprara, classe 1943 e milanese Doc, anche se trapiantato ad Imperia dove trascorre una vita da pensionato felice, arriva un giallo dal sapore agrodolce, dove l’identificazione col serial killer è inevitabile per chi, troppo spesso, assiste a fatti di cronaca e sentenze giudiziarie ritenute ingiuste o sbagliate.  Una storia scritta in prima persona (fino ai 17 anni è una biografia) e con un forte potenziale catartico, che ben si adatta ai giorni d’oggi dove il senso di giustizia è troppe volte tirato in ballo ma poco accompagna le scelte di chi ha il potere.

Un romanzo edito dalla BookSprint Edizioni e disponibile, nelle sue 292 pagine ricche di suspense e riflessioni socio-psicologiche di gran rilevanza, anche in formato digitale per appagare tutti i gusti dei lettori che sicuramente rimarranno colpiti da una storia attuale, moderna, verosimile, raccontata in modo sublime da chi, nella giustizia, ha riposto gran parte della propria vita.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 24 Ottobre 2013 | di @Dario D’Auriente

1 COMMENTO

  • Link al commento Chicca inviato da Chicca

    Ho letto il primo libro e l'ho gradito molto, apprezzando i riferimenti storici che lo accompagnano e che riescono a collocare con precisione lo svolgersi del racconto, sia nel periodo storico (che pur essendo a noi così vicino non e' poi così ben conosciuto) che nella mentalita' della stragrande maggioranza delle famiglie dell'epoca.
    Non nego di aver fatto il tifo per questo serial killer in erba.
    Attendo la continuazione.........

    Giovedì, 24 Ottobre 2013 12:57

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)