Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

15 Ott
Vota questo articolo
(76 Voti)

L'orfano sulla pietra

«Nel 1963 nacqui in una clinica privata a Messina da una donna dal nome sconosciuto. Fui subito portato in un orfanotrofio e lì ebbe inizio la mia storia».
Comincia così “Una carezza mancata” (BookSprint Edizioni, 122 pagine, disponibile anche in ebook), il romanzo autobiografico che racconta la terribile storia di Rosario Genio, e di tutti quei bambini che lasciavano il calore materno per la fredda pietra della «sacra ruota»:

«non era altro che un incavo nel muro, dove i bambini orfani venivano depositati. Si faceva ruotare all’interno del convento e si suonava una campanella per richiamare l’attenzione delle persone che stavano all’interno. Rimasi in quell’orfanotrofio per molti anni e vidi tutto quello che un bambino non dovrebbe vedere. Violenze, maltrattamenti, abusi… […] Era solo l’inizio di tutta la mia vita ed è per questo che dopo tanti anni ho voluto scrivere la mia storia e raccontare tutto».
Le ragazze madri partorivano poco lontano dall’orfanotrofio, nella cosiddetta «clinica privata», un’ambiente spartano dai muri spessi, per meglio nascondere la vergogna delle famiglie, soprattutto se benestanti. Su quelle mura si infrangevano le grida del travaglio di una gravidanza indesiderata, su quei mattoni si rompeva l’eco dei vagiti che preludeva l’abbandono.
Da lì in poi cominciava l’inferno degli orfani, mascherato da simboli e figure religiose. «Violenze morali, maltrattamenti, discriminazioni, paure» erano all’ordine del giorno. I bambini erano costretti a patire la fame, e ridotti all’obbedienza dal terrore:
«Non potevamo neanche piangere, perché, se lo facevamo, venivamo picchiati dalle suore. Mi ricordo di un mio compagno che un giorno, entrando in una stanza, trovò una tavola bandita di tante cose da mangiare. C’erano carne, pane, dolci, frutta, verdura... Vedendo tutto questo, si avvicinò al tavolo per prendere qualcosa, ma una suora entrò e lo vide. Si avvicinò al bambino dicendogli: “Questo cibo è per noi suore, non per voi bambini!”. Appena finita la frase, lo prese con forza dal braccio e, tirandogli uno schiaffo al viso, gli procurò un taglio con le unghie. Gli fece una ferita talmente profonda che si dovette sottoporre ad una plastica facciale».
“Una carezza mancata” è il racconto sconvolgente di un uomo che ha trovato la forza di parlare, per denunciare ciò che è accaduto e che potrebbe ancora accadere al buio di muri troppo spessi. Perché, come dice lo stesso autore, «questo è solo l’inizio di tutto quello che abbiamo dovuto sopportare».

 

 

 

Martedì, 15 Ottobre 2013 | di @Carmine Morriello

3 COMMENTI

  • Link al commento Santino inviato da Santino

    I ricordi uniscono ciò che la vita separa, se è vissuta per qualcosa o qualcuno, è l'amore ha sempre il dolore della speranza.

    Mercoledì, 11 Dicembre 2013 01:12
  • Link al commento angelita inviato da angelita

    la nostra vita rinane imppressa nei muri... tutta la nostra vita... il passato non lo possiamo cambiare ma possiamo decidere di vivere il nostro futuro come meglio desideriamo!!!

    Venerdì, 25 Ottobre 2013 09:07
  • Link al commento vale inviato da vale

    Che realtà ...quanto mi dispiace davvero...se potessi ti abbraccerei solo x farti capire che ae sei sopravvissuto a tanto é stato solo grazie alla tua forza...denuncia tutto...fatti risarcire l'anima ammaccata a vita...cmq ti capisco...un bacio vale.

    Martedì, 15 Ottobre 2013 13:54

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)