Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

19 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

42.7 quarantaduepuntosette

Ritorna più carico che mai in libreria Mario Giovanni Galleano, autore di BookSprint Edizioni, con il libro "42.7 quarantaduepuntosette – Lavoro, riposo e altre cose. Riflessioni sulla vita lavorativa e sul tempo di riposo", un'opera autobiografica, sottoforma di racconti brevi, dello scrittore piemontese edita dalla giovane casa editrice di Vito Pacelli e disponibile nel classico formato della brossura cartacea.

Il volume, 304 pagine, affronta il difficile periodo della vita della pensione. Dopo un'esistenza passata a lavorare in fabbrica, sempre indaffarato, l'autore arriva alla tanto agognata "terza età", dopo ben 42 anni e 7 mesi di attività. È il momento di fermarsi a riflettere, di ragionare e capire il senso della fatica, che rende l'uomo logoro ma ricco di dignità. Non è facile trovare un lavoro, ancor di più mantenerlo. Nel testo ci sono dunque aneddoti e storie per provare a comprendere cosa si deve fare e non si deve fare per restare sempre sulla cresta dell'onda. Umiltà e buona volontà devono essere i capisaldi dell'attività lavorativa, lamentarsi serve a ben poco.

Mario Giovanni Galleano, nato a Carmagna Piemonte, in provincia di Cuneo, nel 1953, ha da sempre lavorato in fabbrica e ora che è in pensione, dal 1° giugno 2015, ha deciso di dedicare tutto il suo tempo alle passioni che da sempre lo accompagnano: musica, disegno e scrittura. Sempre alla ricerca di nuove emozioni, annota tutto sul tablet, per poi trasformare gli appunti in libri. "42.7" è infatti il suo quinto romanzo con la BookSprint Edizioni, il primo che però abbandona le riflessioni filosofiche per soffermarsi sulla storia e sui racconti concreti e reali. In precedenza ha infatti pubblicato "Le mie stagioni" (284 pagine), "Voci dalla terra" (446 pagine) e "Voci dall'infinito" (456 pagine), trilogia in cui medita sul senso della vita e emergono l'ansia per la vita stessa, la terra e la natura, sempre più maltrattate. Anche se dalla sua penna trapela sempre una speranza di realizzazione, di riuscita, che passa però attraverso la tenacia di proseguire il proprio viaggio per raggiungere la meta. "Il dono del cuore" (388 pagine) è invece la storia dell'infarto, che gli ha cambiato in parte la vita, della degenza e della consapevolezza che bisogna avere rispetto di se stessi e del proprio corpo.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 19 Gennaio 2016 | di @BookSprint Edizioni

Altro in questa categoria: « L'uscita Ademia e suo fratello »

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)