Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

17 Gen
Vota questo articolo
(5 Voti)

Quando chi inizia non è a metà dell'opera

Quando chi inizia non è a metà dell'opera © Brian Jackson

Sono sempre troppi gli scrittori che iniziano a scrivere una storia, ma non la portano a termine. Ecco alcune cause

Di talenti nel monde ce ne sono sempre pochi. Di talenti inespressi, invece, ce ne sono fin troppi. È la dura legge dell’artista, ciò che fa la differenza tra chi riesce a farsi apprezzare e chi ha paura del giudizio degli altri. Fra chi riesce a perseguire con tenacia il proprio obiettivo, portandolo a termine, e chi, invece, si fa bloccare e paralizzare dalle tante altre cose da fare…

Si, stiamo parlando proprio di loro. Della moltitudine di scrittori che iniziano a scrivere un libro, ma non lo riescono a finire o non lo inviano alle case editrici per la sua pubblicazione. Di tutti quelli che il romanzo ce l’hanno, sulla punta della penna, è lì, pronto, bello e fatto, ma non riescono a scriverlo, a completarlo.
Oggi giorno sono sempre di più gli scrittori emergenti, sintomo che le cose stanno cambiando, anche perché sono sempre di più le case editrici che aiutano questi giovani artisti a farsi apprezzare da un pubblico più o meno ampio con le loro opere spesso originali, bizzarre e introspettive.
Ma devono essere opere finite, compiute, complete.
E invece sono in troppi a lasciare le cose a metà. Le cause principali? Eccone una lista.
Non conosco nessuno nell’editoria. Non ho soldi. Ci saranno sicuramente altri libri come il mio. Ho paura delle critiche. Nessuno lo comprerà. Non ci guadagnerò nulla. Un fallimento mi distruggerà. I miei amici e parenti dicono che sto perdendo tempo.
Alcune sono sensate e ragionate. Il mondo della scrittura, dei romanzi, infatti, non è un mondo dove sperare di poter far soldi. Non è un lavoro. Scrivere è un piacere, un hobby, deve essere la volontà di raccontare una storia. Non di lucrarci sopra. Certo, se poi il successo arriva, a chi verrebbe di rifiutarlo?
Ma di certo le altre sono solo scuse. Paure. Il risultato della nostra quasi innata capacità di autolimitarci e metterci sempre in dubbio. Paure che devono essere affrontate e superate perché quella storia che è lì nella nostra mente deve essere finita. Prima di tutto per noi stessi. Ne vale la pena, sempre, in ogni caso. E poi, non si sa mai: questo romanzo potrebbe essere, tra i libri in uscita, il nuovo best seller!!!

 

 

Giovedì, 17 Gennaio 2013 | di @Dario D’Auriente

2 COMMENTI

  • Link al commento Dario DAuriente inviato da Dario DAuriente

    L'ingrediente principale deve essere la passione, e la voglia di sapere come andrà a finire. Ci vuole lo spirito d'avventura. Ogni storia deve essere scritta, raccontata, letta, perché ogni storia ha un motivo per esistere.
    Io ho scritto diversi racconti, vari libri ma non ho mai provato a pubblicarli. Ora, con la mia ultima opera, credo e spero che le cose cambieranno. Perché, come detto nell'articolo, di opere incompiute ce ne sono fin troppe.
    Buona scrittura

    Lunedì, 21 Gennaio 2013 13:36
  • Link al commento Caspera inviato da Caspera

    Ciao Dario,

    non ho mai provato a scrivere un romanzo ma molto spesso mi immagino delle storie che mi piacerebbe scrivere o comunque leggere...
    secondo te, per iniziare a scrivere una storia, qual'è l'ingrediente principale che non deve mancare?
    Tu hai un'opera incompiuta o in attesa di essere conlcusa?
    Qual'è il tuo ingrediente?
    In attesa di una tua risposta...torno ad immaginarmi delle possibili store da scrivere :)

    Caspera

    Giovedì, 17 Gennaio 2013 17:50

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)