Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 65
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

11 Mar
Vota questo articolo
(8 Voti)

L'audiolibro, il piacere dell ascolto

Bistrattato dai rumori assordanti del caos cittadino, tediato dall’incessante – e talvolta vuoto - chiacchiericcio di urlanti mezzi di comunicazione, l’udito è forse il più paziente dei cinque sensi, anche se, finalmente, anche per lui sembra essere arrivato il riscatto. Facile da utilizzare e ricco per la varietà di scelta, è con l’audiolibro che recentemente ci è data la facoltà di stimolare positivamente questa nostra preziosissima facoltà sensoriale.

Accarezzati dalle onde prodotte dai suoni di accompagnamento e dalle voci di esperti lettori, l’audiolibro ci riporta ad un approccio antico verso il testo scritto.

Scaricabile sul proprio telefono o su altri appositi strumenti, le parole cambiano forma: la danza dinamica di punti e stanghette viene sostituita dal sonoro. Proiettati ai tempi dell’infanzia, quando ancora dei libri si poteva intuire solo il significato dell’immagine, è l’audiolibro che ci regala l’opportunità di allenare quello che Roland Barthes definisce “un atto psicologico”, ossia l’ascolto.

La competenza dei lettori si traduce nella capace modulazione vocale che segna, in termini emotivi, la strada dell’attenzione. Pacatezza, tenerezza, ostilità, accelerazioni e pause impercettibili o marcate riescono ad attrarre l’attenzione degli ascoltatori, anche quando impegnati in altre attività; perché è la decodificazione verbale del testo scritto la vera forza dell’audiolibro. Le vele dei sentimenti, amplificati dalla potenza espressiva della trasmissione orale, si gonfiano e traghettano l’ascoltatore verso nuove e più comode rotte. L’audiolibro, dunque, si propone come la soluzione ideale per chi, imbrigliato nella frenesia degli obblighi da assolvere o troppo affaticato per impegnarsi, magari a fine giornata, in un’attività intellettuale come la lettura, non vuole rinunciare al piacere di immergersi nel mare delle parole, ma anche per quanti scelgano di regalarsi un attimo di intima esplorazione in una solitudine abitata solo dai personaggi del proprio libro.

Così, se la lettura dei nostri autori, scelti per affetto, per passaparola o semplicemente per caso, ha colorato il grigiore invernale, ora, con l’arrivo della bella stagione, sarà facile inebriarsi di parole nel fulgore primaverile. È anche per questo, per garantire il felice matrimonio tra natura e lettura che ci si potrebbe orientare verso l’acquisto di un audiolibro.

 

Mercoledì, 12 Marzo 2014 | di @Damiana Perrella

10 COMMENTI

  • Link al commento Stefano Russillo inviato da Stefano Russillo

    ... e con giusto una frase musicale in sottofondo? mi piacerebbe molto sia per il mio libro che farlo per gli altri

    Sabato, 22 Marzo 2014 09:19
  • Link al commento Bruno Parrotta inviato da Bruno Parrotta

    Condivido che ci possa essere opportunità dell'audiolibro a favore degli ipovedenti e di chi ha pochissimo tempo libero a leggere un libro ma non vuole rinunciare a conoscere il racconto e deliziarsi di emozioni. Credo anche che il libro cartaceo ha il suo fascino e spaginare osservando lo stile della lettura affascina e rilassa. Una strategia in più alla vendita di un libro divulgandone la conoscenza oltre Regione e nazione. Ben vengano tutte le iniziative utile a promuovere la lettura di un libro, ma il cartaceo ha tutto un suo fascino.

    Venerdì, 21 Marzo 2014 13:58
  • Link al commento cristina inviato da cristina

    Non so Vito...ci sono vantaggi e svantaggi.Io non rinuncerei al libro cartaceo...non vedere più una biblioteca ...un angoletto in casa...mi farebbe tristezza.Lo so che poi c'è il discorso dello spazio ma questo non mi convince.Poi ,se dobbiamo parlare di quelle persone che sono sempre in movimento...in macchina per esempio,secondo me,si portano dietro tante cose inutili mentre un libro le pesa???

    Venerdì, 21 Marzo 2014 07:24
  • Link al commento Matteo inviato da Matteo

    é un ottima cosa, io li ascolto in macchina e i viagggi quotidiani di lavoro sono diventati cultura e relax!!! un piacere che prima per questioni di tempo non mi potevo permettere...
    ottima idea portatela avanti con successo!!

    Giovedì, 20 Marzo 2014 17:30
  • Link al commento Benito Donato inviato da Benito Donato

    Ciao Vito, sei sempre un passo avanti dai soliti editori. Sei innovativo e capace di coinvolgere e affascianre con le tue promozioni tutti noi che ti seguiamo. L'idea dell'audiolibro c'è già in alcuni siti che propongono ebook gratis. Ma divulgare al meglio è tutt'altra cosa e tu stai proponendo l'audiolibro in modo esaltante. E' una potenzialità da non trascurare. In bocca al lupo!!

    Giovedì, 20 Marzo 2014 12:31
  • Link al commento mario pennacchietti inviato da mario pennacchietti

    Credo sia una cosa molto bella ed importante.
    Magari mettere un esempio audio pe avere ancora più chiaro il senso del audio libro.
    Grazie

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 23:18
  • Link al commento gigi inviato da gigi

    Ma vuoi mettere la sensazione che dà il contatto della carta,lo sfogliare delle pagine, il ricordo della tale citazione posta a pag....,il peso del libro, la sua consistenza e soprattutto il coinvolgimento della voce con le dovute pause. No, meglio la lettura tradizionale.

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 15:59
  • Link al commento Mara inviato da Mara

    Trovo che sia una suluzione per abbracciare tutta la cerchia di lettori che vorrebbero leggere, ma che puntualmente desistono per una questine di tempo e di spazio: non tutti sono disposti a portarsi dietro un libro di 300 o 400 pagine dentro un borsa già strapiena!
    Ed è anche una ottima soluzione per i più piccoli: io ho iniziato a leggere così!

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 12:13
  • Link al commento Antonia Ravazzolo inviato da Antonia Ravazzolo

    Da anni aspetto questa novità! Approvo con grande entusiasmo.

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 12:07
  • Link al commento Maria Pia inviato da Maria Pia

    Mi piace! Interessante! Si, si può fare benissimo, dato che al giorno d'oggi il cambiamento c'è e si vede, perché non approfittare di portarsi dietro solo la voce?
    Bene!

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 09:01

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)