Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 65

BookSprint Edizioni Blog

11 Mar
Vota questo articolo
(3 Voti)

Una voce da lontano

Alcune volte “come” si dice qualcosa è importante tanto quanto “cosa” si dice. Perché la voce è uno strumento magico, in grado di trasmettere emozioni, di comunicare a livelli diversi dal semplice leggere. Così l’audiolibro, figlio della più grande modernità, diventa capsula temporale che riesce a riportarci indietro ai tempi in cui, incapaci di leggere, si attendeva con ansia la storia della buonanotte.

Ci riporta, in realtà, assai più indietro. Ci riporta ai primi del ‘900 quando, come per magia, la prima voce, usciva dalla prima radio, l’anonima scatoletta che, tempo pochi anni, avrebbe spopolato in quasi ogni casa d’Europa (e non solo). Ancora oggi quel magico artefatto, modificato, evoluto, ma sostanzialmente identico, ha una sua precipua dimensione e un proprio fedele pubblico. Si potrebbe andare ancora più indietro, quando nelle notti fredde e gelide di secoli fa, si raccontavano storie accanto ad un fuoco, per combattere la paura e perché la voce era l’unico mezzo per viaggiare in un mondo all’epoca enorme, senza fatica e senza muovere un singolo passo. L’audiolibro è l’erede diretto di quella tradizione orale, un mezzo fantastico per rievocare schemi e predisposizioni che sembrano essere incisi indelebili nel nostro DNA.  

Quando ascoltare un audiolibro? Quando si vuole godere di un buon libro e magari si è al volante, oppure si sta facendo jogging, o quando si vuole sonnecchiare pigramente sotto il solleone estivo con una buona compagnia. Può essere un modo per avvicinare alcuni autori, alcune opere a chi ha deficit visivi e per cui la lettura non è così facile o per i bambini che non sanno ancora leggere: le applicazioni e gli utilizzi sono innumerevoli e variegati. La dimensione orale, fra l’altro, consente anche un’interpretazione. Consente di recuperare tutta una serie di significati che sfuggono (o non vengono esaltati sufficientemente) durante la lettura vis à livre. L’audiolibro è un medium che grazie alla moderna tecnologia ha potenziato la propria capacità di diffusione. Oggi un comune riproduttore multimediale, smartphone, ebook reader o tablet, ha la possibilità di stipare nella propria memoria locale svariati libri e audiolibri, consentendoci di portare con noi un’immensa biblioteca in pochi centimetri. Senza prendere in considerazione le possibilità, immense, che ci offre lo streaming e il cloud, per cui il concetto di archiviazione perde quasi significato in favore di una riproduzione immediata di un eventuale file multimediale e una capacità di accedere a tali file in maniera totale e diversificata. È questo il segno di una tecnologia che ritorna all’origine, eco di una moltitudine di voci che dall’alba dei tempi arrivano sino a noi, senza bisogno di altro che della capacità, spesso deficitaria nell’odierno velocissimo mondo moderno, di ascoltare. Allora non resta che varcare le soglie della tana di questo Bianconiglio. Lewis Caroll? Alice nel paese delle meraviglie? Ecco un’altra storia che potremmo farci raccontare, in una notte buia, nel cuore della steppa, 300 anni fa, nel nostro soggiorno o dovunque desideriamo

Martedì, 11 Marzo 2014 | di @

1 COMMENTO

  • Link al commento Alba Giordana inviato da Alba Giordana

    E' una bella idea....

    Martedì, 25 Marzo 2014 13:37

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)