Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

29 Nov
Vota questo articolo
(1 Vota)

Caratterizzazione dei personaggi, si parte dalla realtà

Caratterizzazione dei personaggi, si parte dalla realtà © alphaspirit

Ma il personaggio deve prendere il sopravvento sull’autore e raccontare da solo la sua storia

Quando si comincia a scrivere un libro ci sono molti fattori da dover valutare, ma l’aspetto probabilmente più importante di un’opera letteraria sono i suoi personaggi. Nessun lettore sarà coinvolto da un libro i cui personaggi sono poco credibili, poco reali, e non permettono l’immedesimazione, e finirà con l’abbandonare la storia.

La caratterizzazione dei personaggi può passare attraverso l’analisi:

 

  • • fisica – si descrive l’aspetto fisico del personaggio (tratti somatici, corporatura, abbigliamento, ecc.). Nella società dell’immagine il lettore vuole avere ben presente l’aspetto del personaggio;
  • • psicologica – si descrivono i sentimenti, il carattere e gli stati d’animo del personaggio;
  • • culturale – si riportano elementi utili alla ricostruzione della cultura del personaggio (letture, studi, gusti artistici, esperienza di vario genere, ecc.);
  • • socio-economica – si ricostruisce l’ambiente socio-economico in cui vive il personaggio (il suo lavoro, la sua famiglia, la casa in cui vive, la sua condizione economica, ecc.);
  • • ideologica – si riportano le posizioni politiche o le convinzioni filosofiche del personaggio.


Scrittori emergenti e non devono tenere ben presente che un personaggio, quasi sempre, nasce dall’osservazione empirica della realtà. È in mezzo alla gente comune che si trovano i personaggi, le storie che vanno a comporre gli ultimi libri usciti. Ma non bisogna limitarsi alla realtà. Il personaggio deve avere un suo modo di esprimersi libero, che supera la realtà, che sorprende, affascina, che va oltre anche lo schema dell’autore: deve avere vita propria, perché vuole raccontare la sua storia, e non quella dell’autore.
Un personaggio non deve mai avere solo una caratteristica di comportamento specifica, ma deve essere fatto di mille sfumature. Non può essere totalmente buono, o totalmente cattivo.
Anche la scelta del nome è fondamentale: non deve essere né scontato né complicato, e possibilmente diverso da quello degli altri personaggi, così da non creare ambiguità.
È importante che non venga presentato tutto e subito, altrimenti non avrebbe senso. Il suo carattere, le sue inclinazioni, devono emergere attraverso la storia, nella storia, a piccole dosi.

Giovedì, 29 Novembre 2012 | di @Dario D’Auriente

1 COMMENTO

  • Link al commento Sara 1705 inviato da Sara 1705

    Non sono una scrittrice, ma amo molto leggere... un romanzo mi prende, mi cattura, proprio quando i personaggi si avvicinano il più possibile alla realtà.

    Quando si legge ,si ha bisogno di vivere attraverso i personaggi e le loro storie, é come se si parlasse con loro... un dialogo " a tu per tu" tra il lettore e la storia.
    Più ci si immedesima, più la storia diventa anche nostra.

    Martedì, 04 Dicembre 2012 12:58

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)